LUCA DA CASTELLO

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Cerca nel sito:

Condottieri di ventura

0417      LUCA DA CASTELLO  (Luca Marzocchi) Di Città di Castello.

+ 1443 (ottobre)

Anno, mese Stato. Comp. ventura Avversario Condotta Area attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

………….. Chiesa  

 

 

 

 

 

Milita agli stipendi del papa Martino V.

1430  

 

 

 

 

 

 

 

 

………….. Comp. ventura Rimini  

 

Romagna

Spinto da Guidantonio da Montefeltro e da Galeazzo Malatesta muove contro Sigismondo Pandolfo Malatesta con Sante Carillo, Andrea della Serra e Ranieri Vibi del Frogia con lo specioso pretesto di agire per conto del concilio di Basilea. Mette a sacco il riminese.

Apr.  

 

 

 

 

 

Romagna

Opera sul Rubicone.

Mag.  

 

 

 

 

 

Marche

Staziona in Val di Marecchia.

Giu.  

 

 

 

 

 

Marche

A Carpolò; a metà mese è sorpreso e battuto a Serrungarina da Sigismondo Pandolfo Malatesta.

………….. Firenze Lucca 50 lance Toscana

Passa agli stipendi dei fiorentini.

Dic.  

 

 

 

 

 

Toscana

Agli ordini di Guidantonio da Montefeltro è  sconfitto sul Serchio da Niccolò Piccinino: catturato, è condotto a Lucca.

1432 Comp. ventura Chiesa  

 

 

 

Si collega con Sante Carillo e Francesco Piccinino per devastare i territori dello stato della Chiesa per conto del concilio di Basilea.

1443  

 

 

 

 

 

 

 

 

………….. Rimini Chiesa 50 lance  

 

Combatte le truppe di Federico da Montefeltro agli ordini di Sigismondo Pandolfo Malatesta.

Ott.  

 

 

 

 

 

Marche

Con Fiasco da Giraso cerca di prestare soccorso  alla cavalleria del  Sarpellione in difficoltà di fronte a Niccolò Piccinino ed a Roberto da Montalboddo. Rimane ucciso in un combattimento presso Fano per un colpo di lancia; secondo altre fonti muore durante lo scontro per una caduta da cavallo.

 CITAZIONI

“E messer Federico (da Montefeltro) è ‘l primo, en quello,/ che di spontarli in se stesso propuse;/ andava el suo destrier como uno ucello;/ coll’arestata lancia e ‘ colse, armato,/ nella visiera, Luca da Castello/ per modo, ch’el destriere à lui buctato/ a terra per uno fosso, ove dolente/ si ruppi el collo e morì desperato.” SPIRITO

“Insignis ac bellicosus vir strenuusque gentium armorum ductor.” Dal rogiti della condotta di Luca da Castello con i Malatesta.

“Valoroso Capitano.” AMIANI

“Valente..Era omo grosso e grande.” BROGLIO

Print Friendly, PDF & Email
Previous articleLORENZO DA CASTELLO
Next articleLUCA DI CANALE
Roberto Damiani
Roberto Damiani è l'autore del sito Condottieri di ventura.
Print Friendly, PDF & Email