LANFRANCO RANGONI Suocero di Albertino Boschetti

0
1424

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Indice delle Signorie dei Condottieri: ABCDEFGIJLMNOPQRSTUVZ

LANFRANCO RANGONI  Suocero di Albertino Boschetti. Fratello di Cesare Rangoni, genero di Antonio Trotti.

  • 1483 (dicembre)
Anno, meseStato. Comp. venturaAvversarioCondottaArea attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1469
Lug.Ferrara 

 

 

 

Emilia

Con il fratello Cesare e Galeotto della Mirandola piomba su Carpi, circonda le case dei Pio che hanno congiurato ai danni del duca di Ferrara e trae in arresto Giovanni Marco, Giovanni Princivalle, Giovanni Marsilio, Bernardino, Manfredo e Tommaso Pio che vengono anche derubati dei loro denari.

1473
Apr. 

 

 

 

 

 

Campania

Accompagna a Napoli Sigismondo d’Este che  si reca in tale città per prelevarvi la moglie del fratello Ercole Eleonora d’Aragona.

1476 

 

 

 

 

 

Lombardia

E’ inviato in Lombardia con un contingente di truppe; deve sostenere la duchessa  Bona di Savoia in difficoltà  per l’ uccisione del marito il duca Galeazzo Maria Sforza.

1477
………VeneziaImpero Ottomano 

 

Friuli

Contrasta i turchi in Friuli.

……..MilanoFieschiLiguriaCombatte nella guerra di Genova.
1482
Apr. lug.FerraraVenezia 

 

Veneto ed Emilia

Ad aprile è segnalato a Lendinara. A luglio si scontra con gli uomini d’arme di Gaspare da San Severino. Respinge un assalto nemico a Pontelagoscuro.

Ago. 

 

 

 

 

 

Veneto

Preposto alla guardia di Rovigo con Niccolò Ariosto e Giacomo Sacrati (150 fanti), si arrende di fronte all’attacco portato dal San Severino: sono infatti intercettati dal capitano avversario 300 fanti che, capitanati da Giovanni Cataneo e da Niccolò dall’Arpa, avrebbero dovuto rafforzare la sua guarnigione.

1483
Dic. 

 

 

 

 

 

Emilia

Muore ai primi del mese. E’ sepolto a Modena nella chiesa di San Francesco. Sposa Maria Trotti, figlia di Antonio.

 CITAZIONI

-Con Cesare Rangoni “Erano posti per li degni contestabili del campo e conduteri de zente d’arme.” DE’ BIANCHI

-“Illustre anch’egli per le sue valorose imprese.” VEDRIANI

 

Print Friendly, PDF & Email

Rispondi