JACOPO SAVELLI Guelfo

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Cerca nel sito:

Indice delle Signorie dei Condottieri: ABCDEFGIJLMNOPQRSTUVZ

Condottieri di ventura

1729      JACOPO SAVELLI  Guelfo.

+ 1355 ca.

Anno, meseStato. Comp. venturaAvversarioCondottaArea attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1308 

 

 

 

 

 

Lazio

Ha l’incarico di senatore a Roma con Giacomo Colonna. Allorché alcuni castelli si ribellano al comune di Toscanella (Tuscania), località a  soggetta all’autorità dei romani, ha il compito di ristabilirvi l’ordine con Lorenzo di Sant’Alberto.

1311NapoliImpero 

 

Lazio

Partecipa a Roma agli scontri che seguono l’incoronazione ad imperatore di Enrico di Lussemburgo.

1320Napoli 

 

 

 

Lazio

Con la cacciata degli imperiali da Roma  è nominato vicario della città dal re di Napoli  Roberto d’Angiò.

1325

Lug. 

 

 

 

 

 

Lazio

Ricopre ancora l’incarico di vicario angioino di Roma. Sulla fine dell’anno è espulso dalla città dai due sindaci del popolo Stefano Colonna e Poncello Orsini.

1326

………ColonnaOrsini 

 

Lazio

Sostiene in Campidoglio una lotta contro gli Orsini per avere espulso da Roma alcuni membri di tale famiglia.

………ChiesaNarni 

 

Umbria
1327

Sett.ImperoNapoli 

 

Lazio

Cambia partito e favorisce la causa dell’imperatore Ludovico il Bavaro contro i pontifici. Difende Roma dagli attacchi condotti dagli Orsini e da Giovanni d’Acaja. Quando gli avversari entrano nel Borgo Leonino si dirige alla Porta di San Giovanni o Porta Maggiore e vi si rafforza.

1328

……… 

 

 

 

 

 

Lazio

Con l’appoggio di Castruccio Castracani,  dei ghibellini toscani e di quelli lombardi tratta con Sciarra Colonna e Tebaldo di Sant’Eustachio la venuta a Roma di Ludovico il Bavaro affinché vi sia incoronato imperatore.

Ago. 

 

 

 

 

 

Lazio

L’imperatore si allontana da Roma;  anche il Savelli abbandona precipitosamente la città. Si umilia con il papa e viene assolto da ogni censura ecclesiastica.

1337

Mag. 

 

 

 

 

 

Lazio

Accusato dai pontifici di avere depredato il contado di Sant’Angelo in Foropiscio,  è diffidato alla  restituzione del bottino.

1340

Lug.SavelliChiesa 

 

Lazio

Con Bertoldo Orsini ed altri baroni romani occupa a Roma la chiesa di Santa Maria d’Araceli ai danni dei senatori Tebaldo di Sant’Eustachio e di Martino dei Stefaneschi. Saccheggia e dà alle fiamme il castello di Boccea: è affrontato dai pontifici.

1341 

 

 

 

 

 

 

 

Viene eletto senatore a Roma.

1342 

 

 

 

 

 

Francia

E’ inviato dai romani ad Avignone dal papa Clemente VI per convincerlo a fare celebrare il giubileo ogni cinquanta anni anziché ogni secolo.

……… 

 

 

 

 

 

Lazio

Avversa sempre con i congiunti Cola di Rienzo in appoggio al partito dei baroni.

1351

Dic. 

 

 

 

 

 

Lazio

Con la deposizione dalla carica di senatore di Giordano Orsini raccoglie truppe, entra in Campidoglio e vi cattura il vicario del papa, il vescovo di Orvieto Ponzo Perotti. Roma rimane senza governatore; l’ordine è ristabilito con la nomina a rettore di Giovanni Cerroni.

1355

Muore.

 CITAZIONI

-“Grande e potente baron di Roma.” SANSOVINO

 

Print Friendly, PDF & Email
Roberto Damiani
Roberto Damiani è l'autore del sito Condottieri di ventura.
Print Friendly, PDF & Email