JACHES DELLA MIRANDOLA

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Cerca nel sito:

Condottieri di ventura

1092      JACHES DELLA MIRANDOLA (Aiace della Mirandola) Signore di Mirandola. Nipote di Francesco, cugino di Giovanni e di Francesco.

+ 1429 (ottobre)

Anno, mese Stato. Comp. ventura Avversario Condotta Area attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1394  

 

 

 

 

 

Emilia

Al governo di Mirandola con gli zii Francesco e Spinetta.

1395 Este Ferrara  

 

Emilia

Si ribella al marchese Niccolò d’Este. Si unisce con Francesco da Sassuolo e danneggia il modenese.

1396  

 

 

 

 

 

 

 

Apr.  

 

 

 

 

 

Emilia

Interviene a metà mese Gian Galeazzo Visconti che pone termine al suo conflitto con gli estensi  dietro la minaccia di privarlo dei suoi stati.

1398  

 

 

 

 

 

Emilia

Con Spinetta ed Antonio della Mirandola si lamenta con Niccolò Roberti per le offese arrecate da Antonio Roberti al congiunto Prencivalle; lo prega di intervenire.

1399  

 

 

 

 

 

Emilia

Diviene signore di Mirandola con i cugini Giovanni e Francesco.

……… Mantova  

 

 

 

 

 

Milita agli stipendi del marchese di Mantova Francesco Gonzaga.

1404  

 

 

 

 

 

 

 

Apr. Parma Rossi  

 

Lombardia ed Emilia

Con il Farina appoggia il signore di Parma Ottobono Terzi contro le scorrerie dei Rossi. Quando costoro giungono a Brescello ed a Boretto lascia Sabbioneta con 60 cavalli, tocca Dosolo e Guastalla e depreda a sua volta i contadi di Cogruzzo, di Poviglio e di Brescello; vince gli avversari  impadronendosi di un ricco bottino, specie di bestiame razziato.

1405  

 

 

 

 

 

 

 

Giu. Venezia Padova  

 

Veneto

Affianca Jacopo dal Verme all’assedio di Verona; la città si solleva ai carraresi. Jaches della Mirandola vi irrompe  con le truppe della Serenissima. E’ armato cavaliere con il cugino Giovanni e Galeotto Bevilacqua.

Sett. Ferrara Parma  

 

Emilia

Si allea con Niccolò d’Este per contrastare il Terzi.

1408  

 

 

 

 

 

 

 

Giu. Ferrara Parma  

 

Emilia

Espugna Valestra e vi razzia dodicimila capi di bestiame.

Nov.  

 

 

 

 

 

Emilia

Esce da Modena con Giberto da Correggio agli ordini di Muzio Attendolo Sforza; sconfitto dal  Terzi alla bastia del Cantone, abbandona lo Sforza e ripara a Mirandola. Nello stesso mese ottiene dal marchese di Ferrara  l’esenzione da ogni gabella per il trasporto del sale a Mirandola.

1409 Firenze Napoli 70 lance  

 

……… Siena  

 

 

 

 

 

1420  

 

 

 

 

 

 

 

Viene riconosciuto come raccomandato dal duca di Milano Filippo Maria Visconti.

1426 Milano Ferrara Firenze  

 

 

 

Al termine dl conflitto è compreso nel trattato di tregua con Niccolò d’Este.

1429  

 

 

 

 

 

 

 

Ott.  

 

 

 

 

 

 

 

E’ ucciso con una figlia dal cugino Giovanni con il quale è venuto in discordia. Come mandante dell’omicidio è sospettato il duca di Milano che teme una sua defezione nel campo avverso. Sposa Antonia di Castelbarco.

 CITAZIONI

“Huomo di mala vita..veramente nell’arme valoroso Marte e degno veramente d’eterna fama, quando le doti valorose del corpo suo e dell’ingegno, delle quali assai abbondante era, sempre havesse adoperate in cose honorevoli e grandi e per la pace dalla casa sua, e non in danno di quella come poi fece.” Da una cronaca anonima riportata dal CERETTI

“Con fama di prode condottiere..d’animo arrogante e prepotente.” LITTA

“Con fama di valoroso guerriero (seguì) la professione dell’ armi.” TIRABOSCHI

“Era cavaliere molto experto et validissimo; per il che era richiesto al stipendio de molti citadj in Italia per loro Capitano et difensore.” BRATTI

“Questo signor Jaches fu veramente nell’armi un valoroso Marte degno d’eterna fama, quando le doti valorose del corpo suo e dell’ingegno, di cui abbondava, sempre avesse adoperato in cose onorevoli e grandi, e per la pace della Casa sua, e non in danno di questa, come poi fece; imperocché confidandosi nel suo valore ..a tanta insolenza venne, che, né nella Mirandola, né in Fiorenza, né in Siena, né in Milano, dove era stato Capitano, aveva lasciato uomo, che bene gli volesse per la superbia sua.” POZZETTI

 

Print Friendly, PDF & Email
Roberto Damiani
Roberto Damiani è l'autore del sito Condottieri di ventura.
Print Friendly, PDF & Email