GURLOTTO TOMBESI Di Ravenna

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Cerca nel sito:

Indice delle Signorie dei Condottieri: ABCDEFGIJLMNOPQRSTUVZ

Condottieri di ventura

1974      GURLOTTO TOMBESI  Di Ravenna. Guelfo. Figlio di Gorlino, cognato di Pandolfo Aldovrandini.

+ 1522 (luglio)

Anno, mese Stato. Comp. ventura Avversario Condotta Area attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1506
Sett. Venezia Friuli
1508
Mar. Venezia Impero 200 fanti Trentino

E’ presente in alcune scaramucce nei pressi di Rovereto. Nell’anno la sua paga ascende a 610 ducati.

1509
Apr. Venezia Francia 300 fanti Lombardia

Si trova al campo di Pontevico;  è inquadrato nella prima colonna comandata da Niccolò Orsini.

Mag. Lombardia

Alla guardia di Rivolta d’Adda  con Niccodemo dalle Coltre (300 fanti e 50 cavalli leggeri): attaccato dai francesi i suoi fanti si arrendono quasi subito dopo qualche colpo di artiglieria. Si difende affermando che i suoi uomini hanno respinto un primo assalto durante il quale hanno fatto molti prigionieri; sono stati costretti a cedere solo al sopravvenire di un secondo squadrone.

Lug. ago.

 

300 fanti

 

Veneto

A Venezia per la rassegna della sua compagnia. E’ prima inviato a Treviso;  a agosto è trasferito alla difesa di Padova.

Ott. Veneto

E’ licenziato dal provveditore generale Andrea Gritti perché la sua compagnia risulta incompleta nel suo organico.

1510
Nov. Francia Venezia Emilia

A Reggio Emilia. Non ha alcun comando di uomini.

1511
Mar. Veneto

Alla guardia del ponte di Ficarolo.

1512
Primavera Impero Venezia Lombardia

Depreda il territorio di Rivoltella con 40 cavalli: razzia del bestiame e fa quattro prigionieri.

Mag. Veneto

A Peschiera del Garda. Con 300 cavalli ed alcuni fanti scorre a Desenzano che pone a sacco distruggendone il mercato: nella popolazione si registrano 40 morti e feriti; altri abitanti sono fatti prigionieri.

1513
Mag. Impero Venezia Francia Veneto

Viene ferito ad una mano mentre è intento all’ assedio di Cologna Veneta.

1515
…………. Veneto

Prende parte alla difesa di Verona con Marcantonio Colonna.

Autunno Veneto

Entra in Vicenza.

1516
Mar. Veneto Alla guardia di Verona. Nella città uccide in una rissa lo stradiotto Manoli Tochari. Gli è concessa la compagnia di cavalli leggeri di quest’ ultimo.
Giu. Veneto

Scorta fino alla Chiusa con il Colonna il cardinale di Sion Matteo Scheiner  diretto a Milano. Nei giorni seguenti esce da Porta Vescovo per affiancare il Colonna in una sortita. 500 cavalli leggeri veneziani sono respinti a Soave; Villanova è messa a sacco.

Lug. Veneto

E’ scelto dal Colonna con Pietro da Somma (o Barone da Napoli), e gli spagnoli Basco da Cuna e Guinea, tra le file imperiali come campione per rispondere alla sfida lanciata da quattro cavalieri francesi. Il duello si svolge presso Porta Calzari. Nel combattimento due francesi sono disarcionati; lo scontro tra Gurlotto Tombesi e l’Ambre termina alla pari. Per i suoi meriti l’imperatore Massimiliano d’Austria gli concede una patente per la conduzione della guerra da corsa con una galea.

Ago. 50 cavalli leggeri Veneto E’ segnalato sempre alla difesa di Verona.
1517
Gen. Comp. ventura Chiesa 50 cavalli leggeri

 

Lombardia

Si trova a Sermide;  affianca Francesco Maria della Rovere nel suo tentativo di recuperare il ducato di Urbino a spese dei pontifici.

Feb. Marche

E’ avvistato con Costantino Boccali tra Soanne e Macciano. Alla notizia dell’arrivo di 2500 fanti fiorentini intenti a  depredare il territorio sorprende gli avversari, li mette in fuga e riprende loro il bottino. Sempre con Costantino Boccali batte ripetutamente Niccolò Guerra da Bagno e Guido Rangoni che cercano di prestare soccorso a San Leo.

Mar. Marche

Sconfigge a Sorbolongo Giovanni dei Medici.

1521
Lug. Chiesa Francia Emilia

E’ segnalato all’ assedio di Parma;   sale per primo sulla breccia delle mura durante un assalto. Stringe amicizia con Teseo Rasponi.

1522
Mar. Romagna

In Romagna. Per il bimestre marzo-aprile fa parte della magistratura dei Savi di Ravenna.

Lug. Romagna

Il Rasponi decide di  uccidere i principali capi della fazione guelfa di Ravenna. Invitato ad una riunione pacificatrice il Tombesi viene sorpreso nella sala dove si  riuniscono i Savi dall’ irruzione di alcuni uomini armati che trucidano i guelfi presenti. Vede tra gli assalitori il Rasponi, da cui è legato da un giuramento di fratellanza, e gli si rivolge: è ucciso a colpi di stocco da due fratelli di quest’ultimo. Per giustificarsi gli assassini accusano il Tombesi di essersi accordato con altri guelfi quali i da Sassatello di Imola per impadronirsi di Ravenna.

 CITAZIONI

“Questo valoroso Capitano più volte da solo si cimentò con li più bravi capitani Francesi, restando con somma sua gloria sempre vincitore.” PAGLIARINO

“In poco tempo rinnovò in sé ‘l valore del padre.” MORDANI

“Maxime et virtute militari..Virtus praetereunda silentio non est.” G. ROSSI

“Aveva fatto tante eccellenti imprese.” RUBOLI

“Questi valoroso Capitano più volte a solo a solo si cimentò con li più bravi Capitani Francesi, restando con somma sua gloria sempre vincitore.” S. PASOLINI

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Roberto Damiani
Roberto Damiani è l'autore del sito Condottieri di ventura.
Print Friendly, PDF & Email