GUIDARELLO GUIDARELLI Di Ravenna

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Cerca nel sito:

GUIDARELLO GUIDARELLI  Di Ravenna. Figlio di un notaio.

1455 ca.- 1501 (marzo)

Anno, mese

 

Stato. Comp. ventura

 

Avversario

 

Condotta

 

Area attività

 

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

 

1468

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Viene armato cavaliere dall’ imperatore Federico d’Austria.

……..

….

 

 

 

 

 

 

Romagna

 

Deve sostenere con i veneziani gravi liti per l’eredità paterna.

1489
Apr. Romagna Con Brunoro da Forlì e Girolamo Bifulci è segnalato come testimone a Ravenna per la conclusione di un contratto.
1496

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sett.

 

Firenze

 

Venezia

 

 

 

Toscana

 

E’ ferito nella battaglia che si svolge sul lago di Bientina.

1498

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ott.

 

Venezia

 

Firenze

 

 

 

Toscana

 

Prende parte all’assedio di Marradi; con altri capitani è presente ad un consiglio di guerra che si svolge in Valdarno.

1499

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

…………

 

Chiesa

 

 

 

 

 

 

 

Agli stipendi del papa Alessandro VI.

Ago.

 

Venezia

 

Impero Ottomano

 

 

 

Croazia

 

Si reca a Veglia e ritorna al servizio della Serenissima per combattere i turchi.

Dic.

 

Chiesa

 

Faenza

 

 

 

Romagna

 

Milita nuovamente agli stipendi dei pontifici  agli ordini di Cesare Borgia. A fine mese viene ferito a Forlì in una rissa fra soldati francesi ed italiani al servizio dello stato della  Chiesa. Nel periodo si sposa con Benedetta del Sale.

1500

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ott. Romagna Informa i veneziani sui movimenti di Cesare Borgia e di quelli delle truppe pontificie in Romagna.
Nov. Romagna Alla testa di venti balestrieri a cavallo prende parte ad un attacco condotto ad una porta di Faenza. E’ respinto.
Dic.

 

 

 

 

 

 

 

Romagna

 

Combatte sempre i faentini per conto del Borgia. E’ segnalato a Forlì.

1501

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Mar.

 

 

 

 

 

 

 

Romagna

 

Ad Imola. Ritorna all’assedio di Faenza;  è ferito mortalmente durante un attacco alle mura. Alcuni accusano della sua morte Paolo Orsini. Secondo altre fonti diversa sarebbe la causa della sua morte: presta a Virgilio Romano una camicia lavorata in oro per una festa in maschera a Imola. Costui non gliela vuole restituire; ne nasce un diverbio. Il Guidarelli è ferito mortalmente ad Imola a colpi di spada in un agguato tesogli dall’ avversario, caposquadra di Paolo Orsini. Trasportato in fin di vita nelle case di Penserio da Sassatello, Palazzo Monsignani nella parrocchia di San Matteo, vi muore dopo qualche giorno. L’assassino sarà fatto decapitare da Cesare Borgia. Guidarello Guidarelli è sepolto a Ravenna nella chiesa di San Francesco (cappella di San Liberio, detta del Crocifisso). Lascia allo scopo 600 ducati per arricchire ed abbellire la cappella e la tomba. Originariamente la tomba poggiava su un’arca antica. Solo ventiquattro anni dopo la moglie Benedetta ed il cugino di questa Bartolomeo commissionano una lastra tombale raffigurante Guidarello Guidarelli. La tomba resterà nella cappella fino al 1650 allorché sarà trasferita nel Quadrarco di Braccioforte, un cimitero a cielo aperto attiguo alla basilica e dedicato ai personaggi illustri (fra cui Dante Alighieri) ed alle famiglie eminenti di Ravenna. Nel 1827 la famiglia Rasponi del Sale, proprietaria del monumento funebre, deciderà di esporre la tomba all’Accademia delle Belle Arti di Ravenna, nella primitiva sede di via Beccaria. Nel novembre 1970, nuovo trasloco del monumento nell’ex-monastero di Santa Maria in Porto, via Roma, dove è stata trasferita l’Accademia. All’ interno della nuova struttura vi sono stati, da ultimo, ancora due movimenti: da una sala al pianoterra, nel novembre 1972 il sepolcro è stato spostato al secondo piano nella Loggetta Lombardesca o Loggia del Giardino, nuova sede della pinacoteca comunale. In un primo tempo si ritenne che l’autore del monumento sia stato il ravennate Giacomello Baldini; fu poi avanzata l’ipotesi di Severo di Ravenna, finché la scoperta di documenti, attestanti il pagamento della somma di 350 ducati a favore di Tullio Lombardo per lavori eseguiti nella cappella di San Liberio, all’interno della chiesa di San Francesco, hanno posto fine ad ogni discussione.

 CITAZIONI

“Uno dei tre migliori condottieri di Ravenna.”

“Soldato degno del Borgia.”

Epitaffio che compare sulla tomba “Stemma, domus, patriae nitor, atque/ Illustribus actis/ Clarus et insignis hic Guidarelle/ Iacet.”

Fonte Immagine: wikipedia

Print Friendly, PDF & Email
Previous articleGRECHETTO
Next articleIPPOLITO GONZAGA Figlio di Febo
Roberto Damiani
Roberto Damiani è l'autore del sito Condottieri di ventura.
Print Friendly, PDF & Email