GIROLAMO NOVELLO

0
1818

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Indice delle Signorie dei Condottieri: ABCDEFGIJLMNOPQRSTUVZ

Condottieri di ventura

1254      GIROLAMO NOVELLO  (Girolamo da Verona, Girolamo Novello Allegri) Di Verona.

  • 1477 (ottobre)
Anno, meseStato. Comp. venturaAvversarioCondottaArea attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1455
Gen.Veneto

E’ sospettato di avere fatto uccidere Maggio Maggi, nei pressi di Verona, sulla via che porta dalla Tomba a San Giovanni Lupatoto.

1460Bologna20 lanceEmiliaHa il comando di 60 cavalli.
1464
InvernoVeneziaImpero Ottomano300 cavalliGrecia

Passa agli stipendi dei veneziani. Opera in Morea per combattervi i turchi. Ammalatosi, rientra in Italia.

1465
Sett.Governatore g.leGrecia

Viene nominato governatore generale delle truppe in Grecia al posto di Sigismondo Pandolfo Malatesta. Sembra che al momento non abbia potuto assumere tale incarico tanto che nel seguente novembre il comando delle truppe lo ha Francesco da Tiano.

1466Grecia

Combatte i turchi alla testa di 400 cavalli e di 1000 fanti italiani.

1468Grecia

Esce da Corone ed occupa il castello di Lagostiza nel golfo di Patrasso; assalito da 2000 turchi,  costringe gli avversari a ripiegare infliggendo loro gravi perdite. Si imbarca nella flotta e naviga verso Negroponte; espugna Euro che è messa orrendamente a sacco.

1472

Ha ai suoi ordini 200 cavalli.

1473
Apr.VeneziaTriesteV.Giulia

Con Adriano da Parma recupera la bastia di San Servolo.

1477
…………..VeneziaImpero OttomanoGovernatore g.leFriuli

Fronteggia ancora i turchi in Friuli. Ha l’incarico di difendere due campi trincerati sull’Isonzo a Gradisca ed a Fogliano ed un ponte presso Gorizia: ha ai suoi ordini 3000 fanti e molti cavalli.

Ott.Friuli

La cavalleria turca, che i veneziani pensano essere impegnata in Bosnia, compare all’improvviso a Lucinico davanti al campo posto sull’Isonzo e si impadronisce del ponte. Gedik Ahmed Pascia fa attraversare un migliaio di cavalli sulla sponda opposta mentre altri uomini guadano il fiume per preparare un’imboscata: nello stesso tempo il grosso dell’esercito nemico attraversa il fiume e sfida a battaglia i veneziani. Girolamo Novello divide le sue truppe in tre squadroni, attraversa a sua volta l’Isonzo ed accetta lo scontro: un suo figlio, che comanda la prima squadra, si lascia trasportare dall’ entusiasmo ed insegue i turchi che sembrano  volersi ritirare. Il Novello cerca di bloccare la colonna; questa cade nell’imboscata ed è completamente distrutta; la seconda linea, presa dal terrore (pare per difetto di Giorgio da Martinengo) comincia a darsi alla fuga  trascinando con sé il resto delle truppe. La cavalleria ottomana insegue i veneziani in rotta fino a Mezzano. Il Novello è ucciso nel corso del combattimento con il figlio.

 CITAZIONI

-“Homo de pocha autorità et de pocha experientia.” SIMONETTA

-“Capitano di grande esperienza, e di gran nome.” BONIFACCIO

-“Huomo famoso nella militia.” P. GIUSTINIAN

-“Uomo esercitato nella milittia, il quale aveva allora gran condotta di gente nobile ed eccellente.” SABELLICO

-“Il quale serviva allora con molto valore e merito come Capitano e condottiere di nobile e fiorita gente.” VIANOLI

-“Capitano di molto concetto.” VERDIZZOTTI

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Rispondi