GIROLAMO BARISELLO

0
2130
Scorcio delle mura di Ravenna
Scorcio delle mura di Ravenna

Last Updated on 2023/12/04

GIROLAMO BARISELLO  (Girolamo da Ravenna) Di Ravenna.

  • 1520 ca.
Anno, meseStato. Comp. venturaAvvesarioCondottaArea attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1495
Giu.VeneziaFirenze100 fantiEmiliaRiceve due paghe per sopperire alle necessità dei suoi uomini. Viene trasferito nel parmense.
1496
Dic.Gli è riconosciuta una provvigione mensile di 10 ducati, per otto paghe l’anno.
1497
Dic.VeneziaFirenze100 fantiToscanaCombatte i fiorentini a favore dei pisani.
1498
Feb.ToscanaAlla difesa di Ripafratta.
………PisaFirenzeToscana
1499
Apr.Toscana
Mag.Veneto

Dopo la firma della pace tra veneziani e fiorentini si reca a Venezia per conoscere le intenzioni della Serenissima nei confronti suoi  e degli altri capitani che, come lui, militano per i pisani.

Lug.VeneziaMilano100 fantiRomagna  Lombardia

A Ravenna. Non manca di intervenire in Romagna;  invia nel cesenate alcuni suoi uomini in soccorso di Ercole Bentivoglio. Lascia Ravenna con 82 provvigionati e si trasferisce nel bresciano per combattervi gli sforzeschi.

Ago.100 fantiLombardiaAlla guardia della rocca di Caravaggio.
Sett.TrentinoIl provveditore Paolo Trevisan lo invia a Riva del Garda.
Ott.Veneto

Viene spedito con Marco da Rimini, Antonazzo da Viterbo, Piero delle Corazine (400 fanti) a Feltre ed a Bassano del Grappa per sorvegliare i confini dello stato in previsione di una possibile azione dal Tirolo di Ludovico Sforza.

………Veneto

E’ trasferito a Cittadella per controllare Alessandro da San Severino, sospettato di volere consegnare la città all’ imperatore Massimiliano d’Austria.

1500
Ago.TibertiMartinelliRomagna

Aiuta Polidoro Tiberti ed Ercole Bentivoglio (700 uomini) ad entrare in Cesena ed a saccheggiare le case dei Martinelli loro avversari di fazione. Passa in rassegna i suoi uomini nella piazza: costoro sono accusati di compiere grassazioni nel contado limitrofo.

Sett.Romagna

I pontifici chiedono ai veneziani  che restituisca le realizzate  nei loro territori. E’ difeso dal provveditore di Ravenna Antonio Soranzo; lascia Cesena, rientra a Ravenna ed informa la Serenissima sui movimenti delle truppe di Cesare Borgia.

1502
Giu.RomagnaE’ catturato a Meldola dagli uomini di Cesare Borgia mentre sta cavalcando verso Castelnuovo. E’ presto rilasciato.
1503
Ago.MalatestaChiesaRomagnaSegue Pandolfo Malatesta alla conquista di Rimini. E’ segnalato a Cesenatico.
Nov.Venezia60 fantiRomagna

Pandolfo Malatesta cede Rimini alla Serenissima.  Girolamo  Barisello    accoglie nella rocca il nuovo castellano Vincenzo Valier; ne entra alla guardia con 60 fanti.

Dic.RomagnaRientra in Ravenna.
1504
Gen.Romagna

Si allontana all’ improvviso da Ravenna con Gregoliza da Spalato e Bernardino da Nona per scortare il castellano di Cesena Pietro Remiro nella sua uscita dalla rocca dove era assediato dai pontifici. E’ messo sotto accusa dai veneziani perché  tale operazione è stata fatta autonomamente senza aver  chiesto alcuna autorizzazione. Girolamo Barisello è incarcerato a seguito anche di sue recenti malversazioni che si sono verificate durante la cessione della rocca di Rimini da parte dei Malatesta alla Serenissima.

Mar.VenetoInterviene a suo favore Carlo Malatesta. Viene assolto ed è rilasciato.
1508
Feb.VeneziaImpero250 fantiVenetoIn Cadore.
Mar.Veneto

Si trova a Serravalle (Vittorio Veneto). Alcuni uomini della sua compagnia disertano; 4 fanti vengono catturati e sono torturati in pubblico a Venezia in piazza San Marco. Partecipa alla battaglia di Tai di Cadore; il suo comportamento viene elogiato a Venezia in Collegio da Bartolomeo d’Alviano. Alla conquista di Pieve di Cadore.

………VenetoRimane nel Veneto con Bortolo Malfato.
1509
Apr.VeneziaChiesaRomagnaAlla guardia di Cervia. Si mette all’inseguimento di Matteo da Cesenatico che ha effettuato una scorreria nelle vicinanze. Recupera i 300 capi di bestiame razziati.
Mag.RomagnaEsce da Ravenna con Cola da Venezia per depredare a sua volta il cesenate.
1510
Mag.ChiesaVeneziaRomagnaCon l’ingresso dei pontifici in Ravenna passa immediatamente al servizio dello stato della Chiesa. Spoglia delle loro armi 20 fanti veneziani.
1512
Mag.ChiesaFrancia FerraraRomagnaTenta di ottenere per trattato la rocca di Ravenna, controllata dai francesi.
………EmiliaCombatte gli estensi.
Nov.EmiliaE’ accusato, presso i pontifici, dal capitano del Po, il veneziano Andrea Contarini, di tenere un comportamento ambiguo nei confronti degli avversari.
1516
Apr.VeneziaImperoVenetoA Chioggia con 400 fanti raccolti in Romagna ed avviati alla volta di Padova.
Giu.Veneto

A Villafranca di Verona, pronto ad attaccare il capoluogo con il provveditore generale Andrea Gritti.

Sett.Veneto

E’ costretto a ritirarsi ad Albaredo d’Adige alla notizia dell’ingresso in Verona di numerose forze imperiali. Con Antonio da Castello ha l’incarico dal provveditore Giovanni Paolo Gradenigo di sorvegliare un ponte sull’ Adige.

Ott.Veneto

Con Giovanni Naldi scorta un convoglio di 42 carri carichi di polvere da sparo ed altri carri di vettovaglie, destinati  tutti alle truppe rimaste nei pressi di Verona. Si lamenta per il ritardo delle paghe dei suoi uomini.

1517
Gen.105 fantiVeneto
Apr.Veneto

Si reca a Venezia in Collegio dei Pregadi e riferisce sull’andamento della guerra nelle Marche tra  i  pontifici e la compagnia di Francesco Maria della Rovere teso alla riconquista del ducato di Urbino.

Mag.VenetoDi stanza a Padova. Gli viene tolto ogni comando di fanti e, nello stesso tempo, gli è riconosciuta una provvigione di 12 ducati per paga, per otto paghe l’anno.
1518
Sett.Gli è dimezzata la provvigione a causa della riduzione delle spese militari.
1520Muore.

NESSUNA CITAZIONE

Fonte immagine in evidenza: wikimedia

Print Friendly, PDF & Email

Rispondi