GIOVANNI VITELLI

0
1871

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Indice delle Signorie dei Condottieri: ABCDEFGIJLMNOPQRSTUVZ

GIOVANNI VITELLI  (Giovan Paolo Vitelli) Di Città di Castello. Figlio di Giovanni Vitelli, fratello di Chiappino Vitelli.

  • 1512 (settembre)
Anno, meseStato. Comp. venturaAvversarioCondottaArea attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1494FranciaChiesa
1496
Sett.SienaFirenzeToscanaViene condotto dai senesi per contrastare i fiorentini. Ha l’incarico di conquistare il bastione di Ponte a Valiano (Valiano). Batte la fortezza con le artiglierie. Dopo poche giorni ha notizia dell’arrivo nel senese a Bettolle di Ranuccio da Marciano con sei squadre di cavalli e 2000 fanti. Giovanni Vitelli si ritira velocemente dalle operazioni di assedio con Jacopo d’Appiano e Giovanni Savelli abbandonando sul terreno anche alcuni pezzi di artiglieria.
1501ChiesaMilita al servizio di Cesare Borgia.
1503VitelliChiesaUmbria e Toscana

Deve abbandonare Città di Castello per timore dei pontifici. Si rifugia prima a Perugia e poi a Siena  con lo zio Giulio Vitelli ed il cugino Vitello Vitelli.

1506
Giu.ChiesaRomagnaE’ segnalato alla guardia di Cesena con 50 cavalli.
Ott. nov.ChiesaBolognaEmilia

A Cesena alla rassegna delle truppe. Si trova a Bologna allorché il papa Giulio II entra solennemente nella città a seguito della sua conquista ai danni dei Bentivoglio.

1507
Apr.RomagnaE’ segnalato ancora a Cesena. Ha il compito di controllare la località minacciata dai fuoriusciti.
1509
Mag.SienaVenezia60 lanceRomagna

Viene inviato in soccorso con il fratello Chiappino Vitelli dei pontifici (condotta collettiva di 100 lance). Si congiunge a Santarcangelo di Romagna con Francesco Maria della Rovere; assedia Faenza e Russi; cattura in un’imboscata, tesa sulla strada che porta da Ravenna a Russi, il capitano degli stradiotti  veneziano Giovanni Greco.

1510
Mag. ago.VeneziaFrancia FerraraLiguria

Passa agli stipendi dei veneziani; il papa non accetta la partenza della sua compagnia. E’ trovato un compromesso ed è dirottato con Marcantonio Colonna (100 lance e 700 fanti) all’impresa ai danni di Genova. Non sorgono i sperati disordini all’interno della città per cui l’azione si avvia al fallimento. Ad agosto è costretto a ritirarsi in un primo momento a Rapallo; in un secondo momento è costretto a fuggire via mare con Marcantonio Colonna.

Sett.Emilia

Si muove con Marcantonio Colonna alla difesa di Modena ribellatasi ad Alfonso d’Este. Nella città è raggiunto da Francesco Maria della Rovere e da Giampaolo Baglioni. Assale Marzaglia con 60 uomini d’arme; si unisce con Guido Vaina e si scontra a Rubiera con 800 cavalli di Galeazzo Pallavicini. Lascia Modena, tocca Nonantola e raggiunge Bologna per la rassegna dei suoi uomini.

Ott.Emilia

Esce da Modena con le sue lance in soccorso di Guido Vaina attaccato a San Leonardo;  si trova alla guardia di Carpi con 500 fanti, dei quali 260 sono uccisi in uno scontro avuto a Campogalliano. Dopo pochi giorni, sempre con il Vaina, saccheggia il carpigiano con 450 cavalli ed alcuni fanti e razzia molti capi di bestiame; sono date alle fiamme diverse abitazioni di Campogalliano.

1511
Gen.ChiesaFrancia Ferrara53 lance e 81 cavalli leggeriEmiliaPresenzia alla rassegna delle sue compagnie che si svolge di fronte al papa Giulio II. Fa ritorno a Modena.
Feb.EmiliaTenta con scarso successo di impossessarsi della bastia dello Zaniolo/Genivolo.
Mar.RomagnaA faenza al capezzale del fratello Chiappino. Si offre agli stipendi dei veneziani.
Apr. mag.Romagna

Attraversa il territorio di Lugo. Non può ritornare ad assediare la bastia dello Zaniolo/Genivolo per una serie di concause che vanno dal ritardo delle paghe, alle forti piogge ed alla rottura degli argini operata dagli estensi. La sconfitta della flotta veneziana a Sant’Alberto (maggio) convince i pontifici ad inviarlo al campo di Finale Emilia.

Giu.  sett.Siena ChiesaFirenze100 lanceToscana

Condotto da senesi (60 lance) e da pontifici giunge a Montepulciano con Guido Vaina e Giampaolo Baglioni per proteggere Pandolfo Petrucci da possibili attacchi dei fiorentini. Quando fra i due stati è concluso un trattato di alleanza di venticinque anni  Montepulciano viene consegnata ai fiorentini.

Ott.ChiesaFrancia FerraraEmiliaStaziona nel bolognese.
Nov.RomagnaSosta a Rimini alla testa di 1000 fanti.
Dic.Marche

Alla rassegna dei suoi uomini che si effettua a Loreto. Si porta a Fossombrone, si collega con Pietro Navarro ed assedia ancora una volta la bastia dello Zaniolo/Genivolo difesa da 150 fanti. Entra nella fortezza dopo tre giorni a seguito di un feroce assalto in cui sono ammazzati dagli spagnoli quasi tutti i difensori, compreso il loro capitano Vestitello Pagani, nonostante che essi si siano arresi a patti.

1512
Gen.RomagnaCon Marcantonio Colonna, Malatesta Baglioni e Raffaello dei Pazzi si collega ad Imola con il resto dell’esercito pontificio.
Feb.EmiliaAll’assedio di Bologna.
Mar. apr.100 lanceRomagnaSi sposta in Romagna. Ad aprile è ferito alla battaglia di Ravenna. Con la sconfitta ripara a Forlì.
Mag. ago.ChiesaFirenze40 lance e 50 cavalli leggeriRomagna

Raccoglie 1000 fanti per i pontifici. A giugno ha ai suoi ordini 40 uomini d’arme e 50 balestrieri a cavallo; ad agosto si muove per combattere i fiorentini.

Sett.Emilia e Romagna

Ammalatosi a Bologna abbandona la città per ritornare a Città di Castello. Muore ai primi del mese ad Imola. I funerali sono solenni con la presenza del vessillo di Città di Castello e di 24 torce. E’ sepolto a Città di Castello.

 CITAZIONI

-Con Giampaolo Baglioni, Marcantonio Colonna “Erano condottieri di molta autorità nell’esercito Pontificio.” VEDRIANI

Print Friendly, PDF & Email

Rispondi