GIOVANNI DEL MONTE A SANTA MARIA/ GIOVANNI DI VALIANA

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Cerca nel sito:

Indice delle Signorie dei Condottieri: ABCDEFGIJLMNOPQRSTUVZ

Condottieri di ventura

1138      GIOVANNI DEL MONTE A SANTA MARIA/GIOVANNI DI VALIANA   Guelfo. Marchese. Figlio di Guido Collotorto del Monte a Santa Maria, fratello di Ugolino del Monte a Santa Maria, Angelo del Monte a Santa Maria e Piero del Monte a Santa Maria.

+ 1349

Anno, mese Stato. Comp. ventura Avversario Condotta Area attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1317
Giu. Guelfi Santa Fiora Capitano di guerra Toscana

Ha il comando della taglia guelfa contro il conte Giacomo di Santa Fiora. Attacca Abbadia San Salvatore;  dopo alcuni giorni scaccia i ghibellini da tale località.

1324
Mar. Guelfi Arezzo Capitano di guerra Toscana

Viene nominato con il padre capitano della taglia guelfa di Perugia, di Gubbio, di Orvieto, di Siena, di Bologna, di Firenze e dei conti Guidi al fine di combattere i Tarlati di Arezzo. La lega è costituita a Firenze.

1335
………. Firenze Verona Capitano g.le Toscana

Viene eletto dai fiorentini loro capitano generale al posto di Beltramone del Balzo. Combatte gli scaligeri per il possesso di Lucca.

Sett. ott.

 

Guelfi

 

Arezzo Capitano di guerra Umbria

Si accorda con tre fratelli di Monterchi, un tempo suoi partigiani, che hanno l’incarico di sorvegliare una porta di Città di Castello. Esce da Monte Santa Maria Tiberina con 500 cavalli e molti fanti; lo affiancano i figli di Tano degli Ubaldini, Neri della Faggiuola e Branca da Castello. Rodolfo Tarlati, che è alla guardia della città con 100 cavalli, si appresta alla sua difesa. Giovanni del Monte a Santa Maria invia la maggior parte delle sue truppe davanti ad una porta come per assalirla; nel contempo si porta davanti all’altra sorvegliata dai suoi seguaci. Irrompe in Città di Castello, i suoi mercenari tedeschi saccheggiano il centro abitato;  Rodolfo Tarlati è costretto a rinchiudersi nella rocca. Ai primi di ottobre l’avversario si arrende; il del Monte   lo conduce da Città di Castello a Perugia.

1336
Nov. Firenze Verona  

 

Toscana

Supera il ponte della Guisciana con Rolando dei Rossi ed opera una scorreria nel lucchese. Danneggia per più giorni i contadi di Gallena e di Sant’Angelo in Campo; si avvicina ad un tiro di balestra della mura di Lucca. L’azione sfuma perché a causa delle forti piogge è obbligato a rientrare a Firenze.

1337 Perugia Tarlati  

 

Toscana

Assale nuovamente i Tarlati; cerca di togliere loro Monterchi;  ne viene respinto dai fiorentini.

1341
………. Perugia Pisa 300 cavalli Toscana

E’ inviato in soccorso dei fiorentini con 300 cavalli tedeschi. Combatte ancora intorno a Lucca i pisani che stanno assediando la città.

Ott.  

 

 

 

 

 

Toscana

Agli ordini di Maffeo da Pontecarali partecipa alla battaglia di San Quirico in cui è sconfitto da Nolfo da Montefeltro.

1343
Ago.  

 

 

 

 

 

Toscana

Con la cacciata di Gualtieri di Brienne da Firenze è nominato podestà della città.

Sett.  

 

 

 

 

 

Toscana

Cattura Andrea Strozzi che ha cercato di sobillare il popolo minuto contro il popolo grasso. E’  inviato ad Arezzo per riportare la città nell’orbita fiorentina: la località preferisce godere della propria libertà anziché ritornare sotto il dominio di Firenze.

1344
Feb.  

 

 

 

 

 

Toscana

Cessa dal suo incarico di podestà a Firenze.

1349

Muore.

 CITAZIONI

-“Condottier di valore.” LITTA

-“Soldato invero di grandissima fama.” GAMURRINI

 

Print Friendly, PDF & Email
Roberto Damiani
Roberto Damiani è l'autore del sito Condottieri di ventura.
Print Friendly, PDF & Email