GIOVANNI DA CORONE

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Cerca nel sito:

Indice delle Signorie dei Condottieri: ABCDEFGIJLMNOPQRSTUVZ

GIOVANNI DA CORONE  (Giovanni Guasconi) Detto il Guascone.

+ 1533 (marzo)

Anno, mese Stato. Comp. ventura Avversario Condotta Area attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1500
Ott. Venezia Impero Ottomano  

 

Croazia

Di stanza a Traù per contrastare i turchi.

1510
Lug. Venezia Francia Impero 22 stradiotti  

 

1511
Mag.  

 

 

 

 

 

Veneto

Esce da Cologna Veneta ed effettua una scorreria fin sulle porte di Verona con  Guido Rangoni e Girolamo Pompei. Sono catturati sedici cavalli dei saccomanni. Sorveglia le rive dell’ Adige con Enea da Cavriana;  compie altre incursioni verso Porto e Legnago dove sorprende alcuni fanti intenti a deviare le acque del fiume.

1526
Lug. Venezia Impero 65 stradiotti Friuli
Nov.  

 

 

 

 

 

Veneto

A Treviso; si trasferisce nel territorio di Bassano del Grappa con Piero Parisoto per fronteggiarvi i lanzichenecchi di Giorgio Frundsberg. Con il cessare del pericolo è trasferito a Rovigo.

1527
…………..  

 

 

 

 

 

 

 

Affianca il provveditore generale Giovanni Vitturi.

Mag.  

 

 

 

 

 

Toscana

Si trova con 60 stradiotti agli ordini del provveditore generale Alvise Pisani.

Dic.  

 

 

 

 

 

Toscana

Ai suoi ordini ora militano solo 43 stradiotti.

1528
Mar.  

 

 

 

 

 

Puglia

Segue in Puglia il provveditore Andrea Civran. Si scontra con gli imperiali a Troia.

Mag.  

 

 

 

 

 

Puglia

Tende un’imboscata agli imperiali nei pressi di Gallipoli: il viceré di Napoli, il  principe d’ Orange, il duca di San Pietro in Galatina Ferrante Castriota, e Teodoro Boccali sfuggono all’ insidia.

Dic.  

 

 

 

35 stradiotti Puglia

Alla difesa di Trani. Nella città ha il compito dal Vitturi di sovrintendere alle misure profilattiche tese a delimitare il dilagare della peste.

1529
Sett. Puglia A Trani con 7 stradiotti.
…………..  

 

 

 

 

 

 

 

Gli è riconosciuta una provvigione di 18 ducati per paga per otto paghe l’anno.

1533
Mar.  

 

 

 

 

 

 

 

Muore. Per i suoi meriti è concessa una provvigione di 6 ducati per paga (per quattro paghe l’anno) al fratello Antonio; ad aprile è concessa anche al figlio Domenico una analoga provvigione.

NESSUNA CITAZIONE

Print Friendly, PDF & Email
Previous articleGIOVANNI DA CASALE
Next articleGIOVANNI DA COMO
Roberto Damiani
Roberto Damiani è l'autore del sito Condottieri di ventura.
Print Friendly, PDF & Email