GIOVANNI ANTONIO SCARIOTTO Di Faenza

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Cerca nel sito:

Condottieri di ventura

1754      GIOVANNI ANTONIO SCARIOTTO  Di Faenza. Figlio di Scariotto da Faenza.

+ 1485 ca.

Anno, mese Stato. Comp. ventura Avversario Condotta Area attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1460 Bologna 40 lance Emilia Ha il comando di 120 cavalli.
…….. Venezia E’ contattato da Federico da Montefeltro per passare al suo servizio. La trattativa non va a buon fine per cui rimane al servizio della Serenissima.
1469  

 

 

 

 

 

 

 

 
Ago. Venezia Rimini  

 

Romagna

E’ inviato in soccorso dei pontifici per contrastare nel riminese Roberto Malatesta ed i suoi alleati. Partecipa alla battaglia di Mulazzano: ferito è catturato dagli avversari.

1470  

 

 

 

 

 

 

 

 
Mar.  

 

 

 

200 cavalli  

 

Gli è rinnovata la condotta per un anno di ferma ed uno di rispetto.

1478 Venezia Chiesa Napoli  

 

Toscana

Contrasta in Toscana pontifici ed aragonesi a favore dei fiorentini.

1479  

 

 

 

 

 

 

 

 
Sett.  

 

 

 

 

 

Toscana  Romagna

E’ catturato nella battaglia di Poggio Imperiale (Poggibonsi). Liberato, è trasferito a Ravenna con Galeotto della Mirandola.

Nov.  

 

 

 

 

 

Romagna

Lascia la Romagna con Galeotto della Mirandola.

1482 Venezia Milano 60 lance Lombardia

Combatte nella guerra di Ferrara al comando di 300 cavalli. Informato di scorrerie degli sforzeschi a Pandino  molesta gli avversari con i suoi cavalli fin sulle porte di tale centro.

1483  

 

 

 

 

 

 

 

 
Lug.  

 

 

 

 

 

Lombardia

A Brescia con 5000 uomini.

Sett.  

 

 

 

 

 

Lombardia

Ha il comando di tre squadre di cavalli. E’ posto da Roberto da San Severino alla guardia di Orzinuovi con 300 cavalli. Scorre attorno a Brescia con Giovanni Greco: sono fatti 30 prigionieri.

Dic.  

 

 

 

 

 

Lombardia

Mentre si reca ai suoi alloggiamenti invernali di Crema con 500 cavalli per colpa di una falsa guida cade a Martinengo in un agguato tesogli da Gian Giacomo da Trivulzio e da Pietro Francesco Visconti: tra i veneziani sono catturati 200 cavalli. Lo Scariotto riesce invece a salvarsi a Crema con il figlio Federico. Esce poco dopo dalla città e sopraffà in una scaramuccia il presidio di Pandino. Predispone infine una trappola, in una palude vicina a Pandino:  in essa cattura Ambrosino Calco figlio del  cancelliere della corte sforzesca. I ducali pongono sulla sua testa una taglia di 100 scudi; la relativa grida è appesa di notte sulla porta del castello di Serio.

1484  

 

 

 

 

 

 

 

 
Lug.  

 

 

 

 

 

Lombardia

Alla guardia della rocca di Orzinuovi: si trova in condizioni non brillanti tanto che i provveditori Luca Pisani e Niccolò Pesaro gli consegnano 350 ducati per completare l’organico della propria compagnia.

1485  

 

 

 

 

 

 

 

 
Feb.  

 

 

 

 

 

Veneto

A Venezia. E’ scelto da Roberto da San Severino tra gli arbitri di una grande giostra organizzata in piazza San Marco.

………  

 

 

 

 

 

 

 

Muore.

 CITAZIONI

Con Galeotto della Mirandola “Inclytos bello duces.” G. ROSSI

“Strenuo Conductero.” ZAMBOTTI

“Fidelissimo condutier nostro.” SANUDO

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Roberto Damiani
Roberto Damiani è l'autore del sito Condottieri di ventura.
Print Friendly, PDF & Email