GIORGIO UNGHERO/GIORGIO ZUDAR

0
1934

Last Updated on 2024/01/08

Condottieri di ventura

2062      GIORGIO UNGHERO/GIORGIO ZUDAR Nipote di Stefano Unghero.

  • 1390 ca.
Anno, meseStato. Comp. venturaAvversarioCondottaArea attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1356
Apr.LazioE’ segnalato a Sutri. La popolazione si ribella a causa delle angherie dei suoi uomini.
1372
Dic.PadovaVeneziaVenetoGiunge a Bassano del Grappa, viene ricevuto da Arcuano Buzzaccarini. Dopo qualche giorno si muove da Cittadella verso Piove di Sacco. Il signore di Padova Francesco da Carrara invia sul posto Simone Lupo e Francesco Lion per difendere i beni degli abitanti dalla furia degli ungheri. Di seguito Giorgio Unghero attraversa il Piave e sconfigge gli avversari a Nervesa della Battaglia.
1373
Gen.Veneto

Partecipa ad un consiglio di guerra con il signore di Padova Francesco da Carrara, Simone Lupo, Luigi Forzaté, il bano Benedetto Unghero, Giovanni di Polisna, Giovanni Unghero, Stefano Unghero e Federico di Mathelor. Lascia Padova, raggiunge Bassano del Grappa con 1200 cavalli e scorre il trevigiano dove fa molti prigionieri. Sono razziati 800 capi di bestiame. A Padova.

Mag.Veneto Friuli ed Ungheria

L’esercito veneziano condotto da Giberto da Correggio si posiziona lungo il fosso che congiunge Lova fino alla torre del Curano (Piove di Sacco) Alla testa di 700 cavalli è il primo ad attaccare gli avversari.  Il da Correggio è sconfitto: tra i veneziani sono uccisi, o muoiono annegati, 800 uomini ed altri 340 sono fatti prigionieri; tra i carraresi i morti sono 250. Dopo la vittoria rientra in Ungheria con Benedetto Unghero: tocca Cittadella e Conegliano con i prigionieri veneziani Taddeo Giustinian, Gerardo da Camino,  Rizzolino degli Azzoni, Federico Taddei che, catturati a Nervesa della Battaglia,  stanno per essere condotti nel suo paese. Nei pressi di Sacile respinge un attacco degli abitanti che si conclude con l’uccisione e la cattura di molti soldati. Lo sostituisce a Padova Pietro Unghero con 500 cavalli.

Giu.VenetoNelle vicinanze della bastia di Lova si scontra spesso con il contingente turco di 5000 uomini, inviato dal sultano di Costantinopoli in soccorso dei veneziani.
Lug.VenetoAttraversa il Piave a Nervesa della Battaglia superando la resistenza opposta dai veneziani e si collega all’esercito di carraresi. L’ultimo giorno del mese è al fianco di Francesco da Carrara, di Giovanni degli Obizzi, di Giovanni da Peraga nell’attacco alla bastia di Medicina. Dalla fortezza si risponde con balestre e colpi di bombarda. Carraresi ed ungheri sono alfine sconfitti da Giberto da Correggio.
1383
……..PadovaAustriaVenetoCombatte il duca Leopoldo d’Austria. Depreda il trevigiano con Peraghino da Peraga e Trapolino da Rustega.
Mag.Veneto

Si appropria di un grosso bottino vicino a Spinea; si avvia a Padova ed è sorpreso da 300 cavalli tedeschi usciti dalla località. Segue un duro combattimento nel corso del quale viene catturato con Giacomo Tedesco ed altri 40 padovani. E’ condotto a Treviso.

1390Muore.

NESSUNA CITAZIONE

Print Friendly, PDF & Email

Rispondi