GIORGIO DI LODRONE Signore di Bagolino

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Cerca nel sito:

Condottieri di ventura

0880      GIORGIO DI LODRONE  Di Lodrone. Conte. Signore di Bagolino, Barco, Castellano e Castelnuovo. Figlio di Paride, fratello di Pietro, padre di Paride.

1400- 1457 ca.

Anno, mese Stato. Comp. ventura Avve sario Condotta Area attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1439  

 

 

 

 

 

 

 

 

Apr. Venezia Milano  

 

Trentino

Alla morte del padre è aiutato dal tutore Pietro Avogadro nel riconquistare i possedimenti di cui si sono impadroniti i viscontei. Dalla Val di Ledro libera i passi che portano alla sponda del lago di Garda.

Mag.  

 

 

 

 

 

Trentino  Lombardia

Assedia Lodrone la cui guarnigione si arrende alla condizione di non ricevere soccorsi entro alcuni giorni. L’Avogadro blocca immediatamente ai viscontei i passi della Val di Sabbia e della Val Trompia; Giorgio di Lodrone piomba su Toscolano-Maderno ed occupa la località per conto dei veneziani.

Ott.  

 

 

 

 

 

Trentino

Attaccato in Val di Ledro, vi viene soccorso da Guerriero da Marsciano con 200 saccomanni, molti fanti ed uomini della Val Trompia. Dopo alcuni giorni sconfigge  a Lodrone 600 cavalli e molti fanti di Luigi da San Severino; ai viscontei sono catturati 350 cavalli e 150 fanti; Giorgio di Lodrone si sposta, successivamente, a Riva del Garda.

1440  

 

 

 

 

 

Trentino

Si rappacifica con il vescovo di Trento e con il duca d’Austria con i quali è stato per molto tempo in lotta.

1441  

 

 

 

 

 

 

 

 

Apr.  

 

 

 

 

 

Lombardia

Con il fratello Pietro ottiene dal doge Francesco Foscari il feudo di Cimbergo in Val Camonica, di Bagolino in Val di Sabbia, di Muslone ed altri beni appartenenti ai ribelli Giacomo Trivelli, Maffeo Beretta e Baldassarre Nassino con l’obbligo di presentare ogni anno nel giorno di San Marco, nella omonima chiesa di Brescia, un cero del peso di dieci libbre.

1444  

 

 

 

 

 

Lombardia

Scacciato da Bagolino da una rivolta degli abitanti, interviene il doge per cui  può rientrare in breve tempo nella località con il fratello.

1446 Trentino Viene investito dal duca del Tirolo Sigismondo d’Austria del castello di Lodrone e di altri feudi famigliari.
1448  

 

 

 

 

 

 

 

 

……….. Austria  

 

 

 

Trentino

Ottiene l’incarico di capitano della Val Rendena, di Storo, Condino e Bono da Sigismondo d’Austria.

Sett. Venezia Milano  

 

Lombardia

Coadiuva i veneziani nella difesa di Brescia minacciata da Francesco Sforza.

Dic.  

 

 

 

 

 

 

 

E’ dichiarato proprio raccomandato dalla Serenissima.

1449  

 

 

 

 

 

 

 

 

Dic.  

 

 

 

 

 

 

 

Si allea nuovamente con i veneziani, promette di dare libero passo e vettovaglie alle loro milizie purché esse non combattano il duca d’Austria: in cambio a lui ed al fratello è riconosciuta la stessa provvigione mensile già corrisposta al padre.

1451 Trentino Il vescovo di Trento Giorgio di Hack lo nomina con il fratello Pietro suo vicario, capitano e giudice delle Valli Giudicarie.
1452 Venezia Milano  

 

Lombardia

Fronteggia gli sforzeschi per conto dei veneziani.  Nell’anno è il promotore della tentata riconquista del villaggio di Droane in Valvestino conteso al comune di Tignale. Sempre nell’anno, con il fratello Pietro, si unisce con il corteo dell’imperatore Federico d’Austria diretto a Roma. Ottiene con il congiunto il diploma di conte del Sacro Romano Impero ed il diritto di battere moneta.

1453  

 

 

 

 

 

Lombardia

Soccorre i veneziani con 1000 montanari della Val Camonica.

1454  

 

 

 

 

 

 

 

 

Gen.  

 

 

 

 

 

Lombardia

Partecipa alla battaglia di Breno.

………..  

 

 

 

 

 

Lombardia

E’ presente al trattato di pace tra la Serenissima ed il duca di Milano Francesco Sforza.

1456
Feb. apr.  

 

 

 

 

 

Trentino

Viene investito, con il fratello, dal vescovo di Trento Giorgio di Hack del castello di  Barco. Su istigazione di quest’ultimo assale di sorpresa Giovanni di Castelbarco, dichiarato ribelle dal presule;  si impadronisce di Castellano e di Castelnuovo. Sarà investito delle due località nell’aprile seguente.

1457  

 

 

 

 

 

 

 

Muore.

NESSUNA CITAZIONE

Print Friendly, PDF & Email
Roberto Damiani
Roberto Damiani è l'autore del sito Condottieri di ventura.
Print Friendly, PDF & Email