GIAN GIACOMO POCHIPANI Della val Camonica

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Cerca nel sito:

Indice delle Signorie dei Condottieri: ABCDEFGIJLMNOPQRSTUVZ

Condottieri di ventura

1517      GIAN GIACOMO POCHIPANI  Della Val Camonica.

+ 1535 ca.

Anno, mese Stato. Comp. ventura Avversario Condotta Area attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1521
Ago. Venezia Impero 200 fanti Lombardia

E’ segnalato al campo di Verolanuova.

Sett. Lombardia Al campo di Fontanella.
1526
Sett. Venezia Impero Lombardia Ha ai suoi ordini 200 fanti.
Dic.  

 

 

 

 

 

Lombardia

Su indicazione del capitano generale Francesco Maria della Rovere viene licenziato dal provveditore generale Domenico Contarini al termine della rassegna tenutasi a Palazzolo sull’Oglio.

1527
Gen.  

 

 

 

 

 

Lombardia

Riassunto, è inviato a Crema come connestabile.

Mag.  

 

 

 

 

 

Lombardia

E’ sempre al comando di 200 fanti.

Dic. Lombardia Ha a sua disposizione 201 fanti.
1528
Gen.  

 

 

 

 

 

Lombardia

Si trova con i suoi uomini al campo di Cassano d’Adda.

Apr.  

 

 

 

 

 

Lombardia

Ai suoi ordini vi sono 200 archibugieri.

Mag. Lombardia

Sempre alla guardia di Crema.

Giu.  

 

 

 

 

 

Lombardia

Con Alberto Scotti sorprende un convoglio di vettovaglie che da Pandino stanno per essere portate al campo degli imperiali. Attacca la scorta di 100 archibugieri e mette in fuga gli avversari: nello scontro sono catturati 25 uomini ed altri sono uccisi. Sempre a Crema gli è aumentata la condotta da 200 a 300 fanti sia per i suoi meriti, che per quelli del padre Scipione capitano della Val Camonica.

Sett.   Lombardia

Rimane a Crema con 200 fanti.

Dic.  

 

 

 

50 fanti Lombardia

Al termine del conflitto l’organico della sua compagnia è ridotto a 50 fanti.

1530
Gen. 20 fanti Lombardia Alla fine del conflitto il numero degli uomini a sua disposizione si riduce ulteriormmentre
Ago.  

 

 

 

 

 

Lombardia

Si ritira dal mestiere delle armi. Chiede ed ottiene dai veneziani il permesso di costruire alcuni mulini sul Tramacone.

1531
Mar.  

 

 

 

 

 

 

 

Gli è sospesa la provvigione di 16 ducati per paga, per otto paghe l’anno.

1532
Dic.  

 

 

 

25 fanti Veneto

Più tardi ritorna al servizio della Serenissima; è di guarnigione a Verona.

1535  

 

 

 

 

 

Lombardia

E’ ucciso a Brescia in piazza della Loggia.

NESSUNA CITAZIONE

Print Friendly, PDF & Email
Previous articleGIACOMO PIO
Next articleGIAN FRANCESCO DA PIAGNANO
Roberto Damiani
Roberto Damiani è l'autore del sito Condottieri di ventura.
Print Friendly, PDF & Email