GIAMPIERO GONZAGA

0
2278
giampietro-gonzaga
Stemma nobiliare della famiglia Gonzaga-Novellara. (wikipedia)

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Indice delle Signorie dei Condottieri: ABCDEFGIJLMNOPQRSTUVZ

GIAMPIERO GONZAGA (Giampietro Gonzaga) Conte di Novellara.

Signore di Novellara, Cortenova e  Bagnolo in Piano. Padre di Alessandro Gonzaga e di Annibale Gonzaga. Genero di Marsilio Torelli. Guelfo.

1465 – 1515 (novembre)

Anno, meseStato. Comp. venturaAvversarioCondottaArea attivitàAzioni intraprese ed altri fatti salienti
1486
Mag.ChiesaNapoliToscanaE’ fatto prigioniero nella battaglia di Montorio.
1494
Gen.EmiliaA Bologna per conto di Giovanni Gonzaga. Scorta a Mantova, con un corteo di 120 persone, la moglie di quest’ultimo Laura Bentivoglio.
1495
Lug.VeneziaFranciaPiemonteMilita agli ordini del capitano generale della Serenissima, il marchese di Mantova Francesco Gonzaga. E’ segnalato al campo di Vespolate. Prende parte alle operazioni legate all’assedio di Novara.
Nov.Veneto

Affianca Francesco Gonzaga a Venezia allorché costui viene accolto nella città dai provveditori Luca Pisani e Melchiorre Trevisan: nei vari festeggiamenti regge lo stendardo di San Marco.

1496ChiesaFranciaCampaniaHa il comando della cavalleria pontificia con Niccolò Gambara. Prende parte all’assedio di Aversa.
1497
Gen.ChiesaOrsiniLazio

E’ assoldato con il duca di Urbino Guidobaldo da Montefeltro dai pontifici per fronteggiare gli Orsini. Partecipa alla battaglia di Soriano nel Cimino. Circondato dagli avversari, è costretto alla resa.  Nello scontro i pontifici, tra morti e feriti, perdono più di 500 uomini.

1498
Giu.MilanoFranciaHa l’incarico di ambasciatore in Francia per conto del duca di Milano Ludovico Sforza.
1501Alla morte del padre entra in lite con  numerosi cugini. Si rende spontaneamente feudatario dell’impero. Ottiene in tal modo l’investitura di Novellara, con il titolo di conte, dall’imperatore Massimiliano d’Austria.
1502
……….Lombardia

I cugini organizzano una congiura a Novellara per ucciderlo nella chiesa dei carmelitani il giorno del Corpus Domini: la trama gli è svelata da Battista Tosi. Per ringraziamento istituisce nella località una fiera annuale.

Ago.LombardiaSi batte a duello nella piazza di Pavia, davanti al re di Francia Luigi XII, con il cugino Guido Novello che si è impadronito con la forza di bagnolo San Vito.
1507GonzagaTorelliLombardiaCombatte il conte di Guastalla Achille Torelli per ragioni di confine.
1509LombardiaIl papa Giulio II fa prendere possesso di Bagnolo in Piano alle sue milizie. Ne scaccia i cugini con il pretesto di avere falsificato moneta.
1510LombardiaOttiene Bagnolo in Piano mediante l’esborso di una forte somma.
1512
Giu.Emilia

Si reca a Reggio Emilia; con Giovanni Boiardi  ha l’incarico di portare la pace tra le fazioni dei Bebbi e quella degli Scaioli. Appoggia i primi, feudatari di Leguigno, ai danni di Domenico Morotti. Ai  brevi pontifici che minacciano la scomunica nel caso in cui continui ad ospitare tali ribelli, risponde di essere un aderente dell’imperatore, non dello stato della Chiesa.

1513
Sett. nov.I guelfi locali si radunano nelle terre di Masino dal Forno per tentare di impadronirsi di Reggio Emilia. Il Gonzaga avverte gli alleati di non procedere all’azione a causa dell’aumento della sorveglianza in città.
1514
Gen. giu.Emilia

Continua ad appoggiare nel reggiano la politica del duca di Ferrara Alfonso d’Este. A fine mese il governatore Giovanni Gozzadini respinge  un colpo di mano per sottrarre ai pontifici Reggio Emilia. I guelfi locali, guidati da Giambattista Belbi,   si rifugiano nelle sue terre. Il Gonzaga rifiuta di consegnare i fuoriusciti che si sono rifugiati a Novellara: si dichiara, infatti, vassallo dell’imperatore e non dello stato della Chiesa. Da ultimo, a giugno, è concluso un accordo di cui egli è garante con il conte Giovanni Boiardi. I guelfi possono così rientrare in Reggio Emilia.

……..ImperoVeneziaVenetoAffronta i veneziani presso Valdagno.
1515
Nov.LombardiaMuore a metà mese a Novellara. Sposa Caterina Torelli, figlia di Marsilio, e Taddea Pio, vedova di Giovanni Anguissola.

CITAZIONI

-“Fu rinomato condottiero.” ARGEGNI

Fonte immagine: wikipedia

Print Friendly, PDF & Email

Rispondi