GIACOMO DELLA SASSETTA Fratello di Pietro Paolo

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Cerca nel sito:

GIACOMO DELLA SASSETTA (Jacopo degli Orlandi) Fratello di Pietro Paolo. Signore di Sassetta. + 1482 ca.

Anno, mese Stato. Comp. ventura Avversario Condotta Area attività Azioni intraprese ed altri fatti salienti
1431
Apr. Siena Firenze Toscana Milita agli stipendi dei senesi contro i fiorentini.
1432
Giu. Toscana Prende parte alla battaglia di San Romano.
1447 Firenze Napoli Toscana

E’ segnalato alla guardia di Bibbona con 300 fanti.

1448
Apr. 40 lance Toscana Contrasta gli aragonesi agli ordini di Federico da Montefeltro.
1451 Sforza Venezia Milano Emilia Affianca Francesco Sforza nel piacentino.
1452 Milano Venezia 400 cavalli Lombardia Francesco Sforza diviene duca di Milano. Giacomo della Sassetta è sempre al suo servizio;  contrasta ancora i veneziani. Ha il comando di 400 cavalli. Nello stesso anno i fiorentini, a causa della irrequietezza dei suoi famigliari, conquistano e distruggono il castello di Sassetta.
1459
……….. Firenze Toscana Agli stipendi dei fiorentini con i congiunti Pietro Paolo ed Antonio.
……….. Napoli Angiò Passa al servizio del re di Napoli Ferrante d’Aragona per affrontare le milizie di Giovanni d’Angiò.
1460
Lug. Abruzzi Prende parte alla battaglia di San Fabiano/San Flaviano. Dopo lo scontro un suo uomo riesce a penetrare nel campo avversario. Al suo rientro racconta di essersi incontrato con Jacopo Piccinino e riferisce le minacce di quest’ultimo a Federico da Montefeltro. Il conte di Urbino, intimorito dalla relazione, valutate anche le condizioni del suo campo, decide di ritirarsi.
1462
Gen. Si trova sempre nel regno di Napoli a contrastare i fautori di Giovanni d’Angiò.
1464
Ago. 100 cavalli Abruzzi Ha il comando di 100 cavalli. Agli ordini di Alessandro Sforza prende parte all’ assedio di Vasto.
1467 Napoli
1469
Ago. Firenze Chiesa 50 lance Marche e Romagna

Viene inviato in soccorso di Roberto Malatesta. Raggiunge Federico da Montefeltro con Francesco da Sassatello tra Montegrimano e Sassocorvaro; si segnala alla battaglia di Mulazzano, dove si trova inquadrato nell’ ala destra.

1471 Toscana Intrattiene buoni rapporti con Lorenzo dei Medici: con il fratello Pietro Paolo invia in dono alcuni cinghiali, cacciati nelle sue terre, al signore di Firenze.
1472
Apr. Firenze 100 cavalli Toscana A Campiglia Marittima al comando di 100 cavalli. Si lamenta per il ritardo delle paghe.
Mag. Firenze Volterra 100 cavalli e 100 fanti Toscana

Ai primi del mese  staziona a Sassetta. Tramite il fratello Pietro Paolo informa la Signoria che ha a sua disposizione solo 26 uomini d’arme e che è stato costretto a licenziare 150 cavalli a causa delle ristrettezze economiche. Gli sono consegnati 150 ducati ( a suo dire sempre insufficienti) che gli permettono di reintegrare l’organico della sua compagnia. E’ presente all’ assedio di Volterra alla testa di 100 cavalli e di 100 fanti. Ha l’incarico di entrare nella città per la porta nei pressi della rocca, di occupare con 300 fanti il Palazzo Pubblico e di difendere la piazza.

Giu. Toscana

Assiste con il marchese di Fosdinovo Gabriele Malaspina alle trattative di resa a patti di Volterra. Le truppe irrompono invece nella città e la mettono a sacco. Dopo la vittoria accompagna Federico da Montefeltro a Siena.

Lug. Da Roma il cardinale Giacomo Ammannati raccomanda a Lorenzo dei Medici il padre ed i fratelli di Iacopo Gherardi, ai quali Giacomo e Pietro Paolo della Sassetta rifiutano di restituire gli interessi trattenuti su una somma affidata loro in occasione dell’ assedio di Volterra.
Sett. Lo stesso cardinale Ammannati, da Siena, raccomanda al signore di Firenze Giovanni da San Casciano che desidera avere una condotta con Giacomo della Sassetta.
1473
Mar. Toscana Da Campiglia Marittima Giacomo della Sassetta informa Lorenzo dei Medici sulla situazione di Piombino dove sta per morire Jacopo III d’Appiano. Sempre da tale località, dove si trova per ordine degli Otto di Balia, rende noto che ha preso accordi con il capitano di Campiglia Marittima per la difesa di Piombino: chiede l’invio di 50 fanti.
1474
Genn. Toscana Scrive a Firenze a favore dello spagnolo Galvano da Ponte, già connestabile per gli Appiano a Piombino ed ora suo ospite a Sassetta.
Ago. Firenze Chiesa Toscana

Contrasta i pontifici a favore di Niccolò Vitelli. Si trova alla difesa di Borgo San Sepolcro (Sansepolcro) di cui è nominato capitano. Raccomanda Annibale da Perugia.

1475
Feb. 24 lance

 

Toscana

Ha ai suoi ordini 24 lance. Il costo annuo della compagnia è valutato in 2400 ducati.

Apr. Toscana A Firenze, per esservi armato cavaliere. Sono esposte le bandiere del comune e quelle di parte guelfa. La cerimonia si svolge sulla ringhiera del Palazzo della Signoria (sei gradini a sedili,  circondati da un parapetto dove siedono le autorità cittadine. La ringhiera sarà distrutta nel 1822). Giuliano dei Medici consegna la spada a Giacomo della Sassetta nell’ora stabilita dagli astrologi: il condottiero riceve le insegne seduto, non in ginocchio come previsto dalla consuetudine. Alla fine Giacomo della Sassetta è ricevuto nel palazzo di Piero dei Medici.
Lug. Toscana Rientra a Campiglia Marittima. Chiede a Lorenzo dei Medici di poter scambiare una sua cavalcatura con una posseduta da quest’ultimo.
1476
Lug. Toscana Chiede il permesso di inviare il fratello Pietro Paolo a Napoli per acquistarvi alcune cavalcature.
Ott. Toscana A Campiglia Marittima si trovano molti fanti corsi che provocano disordini: domanda alla Signoria di intervenire per eliminare ogni inconveniente.
1477
Ago. Toscana A Pisa. Raccomanda al signore di Firenze un suo congiunto, Simon Francesco degli Orlandi.
Sett. Toscana Gli abitanti di Pietrasanta chiedono alla Signoria l’invio di  Giacomo della Sassetta e di Pier Andrea Corso.
1478
Giu. Firenze Chiesa Napoli Toscana Combatte pontifici ed aragonesi. Opera nell’aretino a Subbiano; a fine mese si trasferisce a Cortona dove si collega con Niccolò Orsini. Raccomanda Giovanni Albanese a Lorenzo dei Medici.
Lug. Toscana Ha l’incarico di commissario generale al campo assieme con Jacopo Guicciardini. Stanzia trova inizialmente a Poggibonsi; si sposta presto da tale località per passare a San Donato in Poggio, Panzano e Radda in Chianti, i cui territori sono minacciati dai saccomanni degli avversari.
Ago. Toscana Ritorna con il fratello Pietro Paolo e Pier Andrea Rosso alla difesa di Poggibonsi minacciata dagli avversari.
Ott. Toscana Al campo con l’esercito fiorentino.
1479
Gen. Toscana A Campiglia Marittima. Contro i patti in essere, armati di Alfonso d’Aragona danneggiano i beni dei della Sassetta. Il fratello Pietro Paolo esce dal castello di Sassetta, attacca gli aragonesi ed uccide sette/otto soldati. Giacomo della Sassetta chiede a Lorenzo dei Medici l’invio di 50 fanti e di dieci/dodici balestrieri a cavallo per proteggere il suo feudo da eventuali rapppresaglie degli avversari.
Mar. Toscana A fine mese si trova a Pisa.
Mag. 100 lance Toscana

Con il fratello Pietro Paolo ottiene il comando di quattro squadre di uomini d’arme.

Giu. Toscana Nei pressi di Sarzana, assediata da pontifici ed aragonesi. Domanda il denaro per potere dare la paga ai suoi uomini.
1480
Sett. Firenze Genova Liguria

Contrasta i genovesi nella guerra di Sarzana. Con la cattura di Marco Pio da parte degli avversari ottiene il comando della cavalleria pesante.

Dic. Toscana

 

Si dichiara pronto a trasferirsi a Fivizzzano, annessa di recente allo stato mediceo, località su cui avanza alcune pretese  anche Amoratto Torelli che ha sposato Giacoma Malaspina.
1482 Napoli Venezia Agli stipendi del re di Napoli contro i veneziani. Muore su un campo di battaglia.

CITAZIONI

“La sua fama gli sopravvisse ancora a lungo, e fu ricordato a Firenze anche in alcune raccolte di aneddoti, nei quali, insieme alla sua fama e al suo valore, è rimarcata la sua attenzione ai compensi.” MILIANTI

Con Francesco da Sassatello “Ambedue capitani eccellenti.” BALDI

“Che è valente huomo.” L. ROSSI

“Condottiere di chiaro nome.” AMMIRATO

Fonte immagine: britishmuseum.org

Print Friendly, PDF & Email
Roberto Damiani
Roberto Damiani è l'autore del sito Condottieri di ventura.
Print Friendly, PDF & Email