GIACOMO DALLA CROCE Di Padova

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Cerca nel sito:

Indice delle Signorie dei Condottieri: ABCDEFGIJLMNOPQRSTUVZ

Condottieri di ventura

0587      GIACOMO DALLA CROCE  Di Padova. Conte palatino.

+ 1425 ca.

Anno, mese Stato. Comp. ventura Avversario Condotta Area attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1390
Estate Milano Turchia

Milita al servizio di Gian Galeazzo Visconti. E’ inviato in Turchia per farvi incetta di bestie feroci (pardi) per il diletto della corte: i veneziani sospettano, invece, che il vero scopo  sia quello di allacciare un’alleanza del conte di Virtù con gli ottomani.

1394
Dic. Lombardia

Si trova nel castello di Pavia con Ottone da Mandello per ratificare il prolungamento del trattato di alleanza con il conte Amedeo di Savoia.

1395 Milano Firenze Toscana

Appoggia il signore di Pisa Jacopo d’Appiano contro i fiorentini.

1396 Toscana

Staziona nel senese con Alberico da Barbiano.

1397
Gen. Toscana Affianca sempre il Barbiano in Toscana.
1402
Sett. Liguria

Muore a Milano il duca di Milano. Il dalla Croce è segnalato a a Genova: da qui informa un fiorentino della morte del Visconti.

Ott. Veneto

Viene inviato a Venezia con Giovanni Casati dalla vedova di Gian Galeazzo Visconti per trattare la pace con Francesco Novello da Carrara.

………….. Emilia

A Bologna. Consiglia il governatore Leonardo Malaspina ad esercitare il suo incarico mediante norme repressive nei confronti della popolazione.

1403
Feb. Veneto

Riceve a Padova, come ambasciatore dei Visconti,  Belfiore da Varano, sposa di Giacomo da Carrara:  con Giovanni Casati cerca  un accordo con il signore di Padova.

Mag. giu. Milano Rossi Veneto ed Emilia

E’ stipulata una pace per la quale Belluno, Feltre e Bassano del Grappa sono assegnate ai carraresi; a giugno il trattato viene denunciato da Jacopo dal Verme e da Francesco Barbavara. Il dalla Croce si reca a Parma con Giovanni da Siena e si sposta alla guardia della città con Franchino Rusca a  causa di alcuni tumulti. Vi muta il podestà, il capitano, le guardie alle porte;  fa distruggere il castello di Antesica, appartenente a Pietro dei Rossi. I suoi uomini invece di difendere il territorio dai ladri si trasformano essi stessi in briganti.

Lug. Emilia

Assale Felino con Bartolomeo Gonzaga; tocca Caragnano, Corcagnano, Vigatto, Alberi ed altri luoghi controllati dai Rossi: ovunque sono commesse crudeltà, sono fatti trentasei prigionieri e sono razziati quattrocento capi di bestiame. Si trasferisce, quindi, a San Secondo Parmense, a Viarolo ed a Grugno di cui saccheggia il contado. A Parma sono banditi trentasei partigiani dei Rossi e quattro dei da Correggio. A fine mese il dalla Croce con 200 cavalli ed alcuni fanti si porta a Ozzano Taro, Gaiano, Talignano e Fornovo.

Ago. Milano Guelfi Lombardia

Giunge a Brescia. Si collega con Paolo da Lavello, Pietro e Brunoro Gambara, Rolando Pallavicini (400 cavalli e 400 fanti). Lascia Gambara ed assale i guelfi di Asola: la città è colta alla sprovvista nel giorno del mercato ed è data alle fiamme.

1404
Gen. Lombardia

Affianca Paolo Savelli (400 cavalli) alla guardia della cittadella di Brescia. Allorché Pietro Gambara attacca i guelfi a Porta Pile, esce dalla fortezza con i ghibellini e mette a sacco la città.

Mag. Lombardia

Con Jacopo dal Verme e Bertolino di Zambuono contribuisce a reprimere in Milano un tumulto suscitato dai guelfi contro i ghibellini. Con questi ultimi incalza le truppe di Ottone Rusca, che hanno occupato Porta Nuova, e le costringe alla fuga dopo un combattimento di otto ore.

………….. Milano Padova Lombardia

Affronta i carraresi con il dal Verme, Galeazzo da Mantova ed Ottobono Terzi.

Sett. Lombardia

Con 1000 fanti e 500 cavalli si muove in appoggio della cittadella di Brescia: i difensori si stanno arrendendo a patti  a meno che non ricevano soccorsi entro il termine di otto giorni. Il dalla Croce giunge con gli altri capitani viscontei a Porta San Giovanni dove viene respinto; il Terzi ripiega su Porta  Pile, riesce ad entrare nella città con l’aiuto dei ghibellini e può rifornire in tal modo i difensori della la cittadella con vettovaglie ed armi. I carraresi si allontanano di notte da Brescia dopo due giorni.

1421 Napoli Re d’Aragona Calabria

Affianca Francesco Sforza in Calabria nel suo tentativo di organizzare il partito angioino contro gli aragonesi.

1425

Muore.

 CITAZIONI

“Homo molto bestiale et pazo.” CORPUS CHRONIC. BONOMIENSUM

“Huomo temerario e bestiale.” VIZANI

 

Print Friendly, PDF & Email
Previous articleGIACOMO DA CAIVANA
Next articleGIAMPAOLO DI CERI
Roberto Damiani
Roberto Damiani è l'autore del sito Condottieri di ventura.
Print Friendly, PDF & Email