GIACOMO DA CORTE Di Pavia

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Cerca nel sito:

Condottieri di ventura

0565      GIACOMO DA CORTE  Di Pavia.

+ 1515 ca.

Anno, mese Stato. Comp. ventura Avversario Condotta Area attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1487
Apr. Milano Cantoni Svizzeri Piemonte

Si trova a Vogogna con Renato da Trivulzio per affrontare gli svizzeri del vescovo di Sion Jodoco di Silenen; alla testa di 50 balestrieri a cavallo, di alcuni uomini d’arme e di vari stradiotti si incammina verso Beura sulla sinistra del Toce. Attraversa il fiume gonfio d’acqua ed assale con il Trivulzio 500 vallesani che sono messi in fuga; entra, quindi, in Domodossola, raduna altri balestrieri e corre a Preglia dove si trovano il Traversa e Zenone da Lavello. Con costoro impegna gli svizzeri finché viene raggiunto anche da Renato da Trivulzio con parte degli uomini d’arme e dei fanti. Si accorge che altri vallesani stanno ritornando dalla val Vigezzo carichi di bottino e che vogliono congiungersi con il resto dei loro compagni al ponte di Crevola: il da Corte prende allora con sé i suoi balestrieri e 25 stradiotti, attraversa nuovamente a guado il Toce e corre verso Trontano per bloccare la marcia ai saccheggiatori, i cosiddetti Frilli. Gli svizzeri si pongono in quadrato e lo respingono con alcune perdite; il da Corte divide i suoi uomini in due schiere, fa scaricare le balestre dalla prima e comanda a tali cavalli di simulare la fuga. I vallesani rompono l’ordinanza e si danno al loro inseguimento sparpagliandosi per il piano. Il condottiero, con il resto dell’esercito milanese, dà addosso agli avversari: gli svizzeri lasciano sul terreno 1000 uomini fra morti e feriti; i fuggitivi sono inseguiti dai montanari sulle balze di Trontano e di Masera e sono uccisi uno ad uno. Dopo la battaglia rientra a Domodossola con il Traversa e Zenone da Lavello.

1488
Sett. Milano Genova Liguria

Viene inviato contro i genovesi al comando di stradiotti e di balestrieri a cavallo. Si congiunge con Boccolino Guzzoni ed assale Savona per conquistare il vescovado dove si è fortificato Alessandro Fregoso. Occupata tale posizione, attacca all’alba il castello vecchio dopo avere fatto bombardare dalle artiglierie le abitazioni che  separano la sua postazione dal castello di San Giorgio. E’ così impedito ai difensori di essere soccorsi  dall’esterno. La fortezza è espugnata con due ore di combattimento.

1489 Lombardia

Coadiuva Ludovico Sforza ad impadronirsi  del potere in Milano esautorando di fatto il legittimo duca.

1490
Gen. Lombardia

Il fratello Bernardino è nominato castellano del Castello Sforzesco a Milano; egli ne viene eletto capitano.

1493
Apr. Piemonte A Borgofranco d’Ivrea.
1495
Giu. Milano Francia
Lug. Milano

 

Milano

Francia

 

Cantoni Svizzerii

Capitano g.le cavalli leggeri Emilia Piemonte

Svizzera

Prende parte alla battaglia di Fornovo. Di seguito è segnalato all’assedio di Novara. E’  trasferito con Giorgio da Pietrapiana alla difesa di Bellinzona allorché gli svizzeri della “Compagnia del Bue” dichiarano guerra ai ducali.

1499
Sett. Milano Francia Lombardia

Si trova con altri capitani alla guardia del Castello Sforzesco: si arrende quasi subito ai francesi in cambio di una rendita annua di 500 ducati.

1505
Apr. Firenze Pisa Maestro di campo Toscana

Viene sconfitto e fatto prigioniero in uno scontro al ponte Coribano.

………….. Francia
1513 Lombardia

E’ dichiarato ribelle dal duca di Milano Massimiliano Sforza.

1515

Muore.

 CITAZIONI

“Prode capitano”. BAZZETTA

Print Friendly, PDF & Email
Previous articleGIACOMO CAVALLI
Next articleGIACOMO DA CAIVANA
Roberto Damiani
Roberto Damiani è l'autore del sito Condottieri di ventura.
Print Friendly, PDF & Email