GASPARE DA MARTINENGO Figlio di Antonio

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Cerca nel sito:

GASPARE DA MARTINENGO  Iniziatore del ramo dei Martinengo della Pallata. Figlio di Antonio. Signore di Urago d’Oglio,  Orzinuovi, Pavone, Roccafranca e Pievedizio.

Cognato di Gerardo da Martinengo, Giacomo della Motella e Niccolò da Correggio. Genero di Bartolomeo Colleoni.

+ 1481 (settembre)

Anno, mese Stato. Comp. ventura Avversario Condotta Area attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1454  

 

 

 

 

 

 

 

Gen. Milano Venezia  

 

Lombardia

Affianca Bartolomeo Colleoni in Val Seriana. Con due squadre di uomini d’arme ha l’ incarico di attraversare il Serio e di lasciarvi i fanti affinché molestino i veneziani con le loro balestre; prende poi parte alla battaglia di Alzano Lombardo in cui viene catturato Ludovico Malvezzi.

……….. Venezia Milano  

 

Lombardia
1456  

 

 

 

 

 

 

 

Ago.  

 

 

 

 

 

Lombardia

Si trova a Milano per risolvere alcune questioni sorte dopo la pace di Lodi tra la Serenissima ed il duca di Milano Francesco Sforza.

1467  

 

 

 

 

 

 

 

Lug. Venezia Firenze  

 

Emilia

Partecipa alla battaglia di Molinella.

Dic.  

 

 

 

 

 

Romagna

Si fortifica in Forlì con il Colleoni, Pino Ordelaffi, Gerardo da Martinengo, Marco Pio e Costanzo Sforza nell’attesa che abbia termine il conflitto.

1475  

 

 

 

 

 

 

 

Nov.  

 

 

 

 

 

Lombardia

A Bergamo, per le esequie del suocero Bartolomeo Colleoni che gli lascia in eredità un palazzo a Brescia, alcune terre a San Zeno ed il mulino della Gerola. Verrà licenziato poco dopo.

1481  

 

 

 

 

 

 

 

Sett. Muore a metà mese. E’ sepolto nella chiesa di Santo Cristo. Più tardi la sua tomba sarà traslata davanti alla medesima chiesa. Sposa Caterina Colleoni, figlia di Bartolomeo.

 CITAZIONI

Con Gerardo da Martinengo e Giacomo della Motella “Condottieri suoi (di Bartolomeo Colleoni) tutti e tre ed uomini valorosi nell’arme.” SPINO

“La leggenda vuole che la figlia..Biancamaria (1466-1480), malinconica e cagionevole di salute, sia morta, nel 1480, attirata dalla magia luminosa delle lucciole, precipitando nel fossato del castello (di Padernello) dando vita alla leggenda della “Dama Bianca”. Ogni dieci anni il 20 di luglio, la stessa notte della sua morte, il suo fantasma ricompare nel castello vestito di bianco, con in mano un libro aperto dorato contenente il suo segreto.” WIKIPEDIA

 

Fonte immagine: wikipedia

Print Friendly, PDF & Email
Previous articleGALEOTTO MANFREDI Di Faenza
Next articleGASPARE MAINO
Roberto Damiani
Roberto Damiani è l'autore del sito Condottieri di ventura.
Print Friendly, PDF & Email