GALLETTO DA FORLI

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Indice delle Signorie dei Condottieri: ABCDEFGIJLMNOPQRSTUVZ

Condottieri di ventura

0699      GALLETTO DA FORLI’  (Girolamo Ravaldini) Di Forlì. Ghibellino. Fuoriuscito.

  • 1515 ca.
Anno, meseStato. Comp. venturaAvversario

 

CondottaArea attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1505
EstateForlìMorattini 

 

Romagna

Parteggia per i Numai contro i Morattini; si trova con costoro nella chiesa di San Mercuriale di Forlì in occasione di un tentativo di tregua tra le parti.

1508
Feb.NumaiMorattini 

 

Romagna

Cerca di entrare nottetempo in Forlì con Tiberto Brandolini e molti seguaci. Scoperto da una donna, deve ritirarsi dopo avere abbandonato scale ed armi. Viene bandito da Forlì.

1509
……….. 

 

 

 

 

 

Romagna

Accolto in Forlì, ha nuovi scontri con i Morattini. Ferisce mortalmente alla testa Antonio Benintendi.  Ripara a Meldola.

Apr.VeneziaFrancia400 fantiLombardia

Si trova al campo di Pontevico con i suoi provvigionati; è inquadrato nella prima colonna comandata da Niccolò Orsini.

Mag. 

 

 

 

 

 

Lombardia

Partecipa alla battaglia di Agnadello.

Ago. 

 

 

 

 

 

Veneto

Alla difesa di Padova. Nella città uccide a colpi di alabarda Ludovico Buschetto, membro della fazione avversa dei Morattini, colpevole, a suo tempo, di avere fatto dare alle fiamme a Forlì le sue case.

1510

Gen.Veneto

Nel veronese con 150 fanti.

Giu.VeneziaFrancia Ferrara150 fantiVeneto

Chiede licenza di ritornare in Romagna;  questa non gli viene concessa. Si reca a Venezia; si incontra con il doge Leonardo Loredan che gli esprime la sua stima. Gli è ancora dato il comando di 150 provvigionati.

Ago. 

 

 

 

 

 

 

 

Viene congedato, seppure a malincuore, dai provveditori veneziani.

……….. 

 

 

 

 

 

Romagna

Rientra a Forlì;  appoggia ancora i Numai ai danni dei Morattini.

1512
Apr.FranciaChiesa200 fantiRomagna

Parteggia per i Numai filofrancesi contro i Morattini fautori della causa pontificia. A seguito della battaglia di Ravenna i Morattini sono costretti ad abbandonare Forlì; Galletto da Forlì assedia la rocca di Ravaldino e cerca di catturare a Remondedo Sebastiano Morattini. Quest’ultimo riesce a sfuggirgli ed a riparare a Meldola. Nel periodo Galletto da Forlì ha il comando di 200 fanti, per lo più napoletani, che alloggiano nelle case dei rivali politici.

Mag. 

 

 

 

 

 

Romagna

I francesi si allontanano dalla Romagna e la sua casa di Forlì è messa a sacco dai Morattini.

1514
Mar.NumaiMorattiniRomagnaA fine mese i Numai si sollevano e tentano di uccidere Girolamo Morattini che si trova alla guardia della porta del Palazzo Pubblico. Il popolo si ribella e cerca di incendiare le case degli appartenenti del partito ghibellino, tra cui una volta di più quella di Galletto da Forlì.
1515Muore.

 CITAZIONI

-“Che quanto il vaglia ciaschuno n’è certo.” Da “Guerre orrende d’Italia” in GUERRE IN OTTAVA RIMA

 

Print Friendly, PDF & Email
Previous articleGALEAZZO FARNESE
Next articleGIACOMO DI FIORE
Roberto Damiani
Roberto Damiani è l'autore del sito Condottieri di ventura.