GALEAZZO SFORZA

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Cerca nel sito:

Indice delle Signorie dei Condottieri: ABCDEFGIJLMNOPQRSTUVZ

GALEAZZO SFORZA  (Galeazzo da Pesaro) Conte di Cotignola. Signore di Pesaro.

Figlio naturale di Costanzo Sforza, fratello di Giovanni Sforza, genero di Ercole Bentivoglio.

1466 – 1515 (aprile)

Anno, mese Stato. Comp. ventura Avversario Condotta Area attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1487
Gen. Emilia

A Bologna, per i festeggiamenti legati alle nozze di Annibale Bentivoglio.

1495
Lug. ago. Venezia Francia 80 lance e 60 cavalli leggeri Emilia e Piemonte

Ha il comando della compagnia del fratello Giovanni. E’ segnalato il suo passaggio per Bologna. Ad agosto si trasferisce all’assedio di Novara al comando di 80 uomini d’arme e di 60 balestrieri a cavallo.

Ott. Marche

Alla firma della pace si reca prima a Crema e poi nei suoi territori marchigiani.

1497
Feb. Lombardia e Marche A metà mese si trova a Milano al fianco del duca Ludovico Sforza. Rientra a Pesaro.
1498
Lug. Lombardia

A Milano, alla ricerca di una condotta per il fratello Giovanni.

Sett. Marche

Entra in contatto con i veneziani per ritornare ai loro stipendi.

1500
Ott. Pesaro Chiesa Marche ed Emilia

Pesaro è attaccata dalle truppe di Cesare Borgia. Sorpreso dalla ribellione degli abitanti fugge travestito da frate: riconosciuto presso la Porta del Mare è arrestato dagli insorti. Convince il castellano a consegnare la rocca agli avversari; rilasciato, ottiene un salvacondotto per la sua guarnigione da Ercole Bentivoglio, carica su alcune navi dirette a Ravenna le artiglierie e le munizioni del castello;  ripara a Bologna.

1503
Ago. Sforza Chiesa

Muore all’improvviso il papa Alessandro VI. Immediato è il crollo dello stato di Cesare Borgia in Romagna. A fine agosto lo Sforza è già ad Urbino per muovere successivamente alla volta di Pesaro.

Nov. Marche

Contrasta le milizie del Borgia, giunge a Novilara ed a Mombaroccio;  recupera tali castelli per conto del fratello. Sempre nel mese ha l’incarico da Pandolfo Malatesta di consegnare alla Serenissima i contrassegni della rocca di Rimini in cambio della somma di 4000 ducati. Asporta dalla fortezza un cannone che i veneziani gli richiederanno il successivo dicembre.

1504
Gen. Lazio

E’ prima a Roma e poi a Pesaro.

Nov. Veneto

Si reca a Venezia (dove è alloggiato nel monastero di Santa Maria delle Grazie) per condurre a Pesaro la cognata Ginevra Tiepolo.

1505
Giu. Pesaro Chiesa Marche Giovanni da Sassatello si muove contro Pesaro su istigazione del papa Giulio II e dei ribelli alla signoria del fratello Giovanni. Recupera con facilità il castello di Montelabbate. I prigionieri sono condotti a Pesaro e 12 di costoro sono impiccati.
1507
Ago. Marche Sposa a Pesaro Ginevra Bentivoglio, figlia di Ercole.
1509
Ago. Chiesa Venezia 150 cavalli leggeri Veneto

All’assedio di Padova con 150 cavalli leggeri.

Dic. Emilia Con la caduta del Polesine in potere veneziano ripara a Ferrara.
1510
Apr. Chiesa Fuoriusciti Marche

Sostiene i pontifici allorché in Fano entrano numerosi fuoriusciti.

Mag. Francia Chiesa

Ha il comando di una compagnia che ha già militato agli ordini di Ludovico della Mirandola.

Lug. Marche

Muore il fratello.   Galeazzo Sforza assume il governo dello stato per conto del nipote Costanzo II che morirà due anni dopo. Il papa gli chiede una notevole somma di denaro;  la  cittadinanza non lo vuole accettare come signore della città.

Ago. Marche

Chiede vanamente ai veneziani la restituzione di un naviglio sequestrato a Muggia adibito al trasporto di vettovaglie per gli imperiali che si sono fortificati in Trieste. A Pesaro cancella le taglie e le condanne comminate dal fratello contro i ribelli, cercando in tal modo di ingraziarsi i cittadini.

Sett. Marche

A metà mese accoglie in Pesaro Giulio II diretto a Bologna. E’ accompagnato da 30 cavalli e da 40 fanti, con belle divise di seta e insegne proprie: costoro portano  a turno il seggio su cui siede il pontefice. Lo Sforza gli consegna le chiavi della città e della rocca; le porte sono scardinate in segno di sottomissione; il percorso è disseminato di archi di trionfo. Il giorno seguente scorta il papa con il suo seguito di armati e  di nobili fino al torrente Tavolo, che segna il confine con lo stato dei Malatesta.

1511 Chiesa Ferrara 150 cavalli leggeri Romagna
1512
Apr. Marche

Dopo la battaglia di Ravenna entra nella rocca di Pesaro e promette ubbidienza ai francesi.

Ago. sett. Pesaro Francia Marche

Alla morte del nipote tenta di impadronirsi della signoria di Pesaro. Il pontefice si oppone ai suoi progetti ed invia al governo della città il vescovo di Monopoli., il dalmata Michele Claudio. A settembre si rinchiude nella rocca; è costretto a cedere ai pontifici nonostante gli incitamenti alla resistenza da parte del vescovo di Lodi Ottaviano Sforza. Ottiene in feudo Cotignola. Giulio II decide di mantenere per lo stato della Chiesa il governo dello stato, che in un secondo momento affida al nipote Francesco Maria della Rovere per l’affitto simbolico annuale di una razza d’argento del peso di una libbra.

Ott. Marche

Lascia il castello di Pesaro nelle mani del duca di Urbino Francesco Maria della Rovere;  si dirige nel mantovano per entrare in possesso di beni che gli devono garantire una rendita annua di 1000 ducati. Il della Rovere gli fa anche avere 2000 ducati per le artiglierie della fortezza ed altri 1500 ducati per alcune spese sopportate da Galeazzo Sforza. Ottiene, infine, vari beni nel mantovano che comportano una rendita annua di 1000 ducati. L’accordo è mediato dal cardinale Sigismondo Gonzaga, legato pontificio per le Marche.

Nov. Marche Il della Rovere entra nel Palazzo Ducale.
1513
……… Chiesa Emilia Lombardia

Ricopre l’incarico di governatore di Bologna. E’ segnalato poi a Mantova ed a Milano dove abita in una casa, donatagli dai parenti milanesi,  presso Porta Cremona, parrocchia di San Marcellino (un palazzo già di Angelo Simonetta). Lo Sforza  ga una lunga contesa riguardante l’eredità lasciata dal suocero. La lite vede di fronte  la moglie Ginevra e la sorella Costanza da un lato, con la madre Barbara Torelli dall’altro, in quanto le figlie divengono eredi del patrimonio del padre Ercole che comprende anche la dote materna.

Giu. Milano Francia Venezia Lombardia

Si trova alla guardia di Cremona con Alessandro Sforza. Si arrende a patti ai Pallavicini; Bartolomeo d’Alviano non accetta tale situazione e lo cattura. E’ rinchiuso nella rocca di Pizzighettone.

1515
Mar. Lombardia

A Milano al servizio del duca Massimiliano Sforza. Mentre si sta dirigendo con il duca verso il Castello Sforzesco incappa in una ronda che cerca 3 malfattori: non sa rispondere alla parola d’ordine ed è gravemente ferito alla spalla da un colpo di schioppetto.

Apr. Lombardia

Muore a fine mese, forse per setticemia. E’ sepolto a Milano nella chiesa di Santa Maria delle Grazie. E’ ricordato in una novella di Matteo Bandello.

NESSUNA CITAZIONE

Print Friendly, PDF & Email
Roberto Damiani
Roberto Damiani è l'autore del sito Condottieri di ventura.
Print Friendly, PDF & Email