GABRIELE MALASPINA

0
2593
La Fortezza della Verrucola dei Bosi, Fivizzano
La Fortezza della Verrucola dei Bosi, Fivizzano

Last Updated on 2024/01/03

GABRIELE MALASPINA  Marchese di Fosdinovo. Signore di Fivizzano, Ortonovo (Luni), Nicola, Castelnuovo Magra, Marciaso, Cecina, San Terenzo Monti, Rometta Apuana,  Bibola, Olivola, Collecchia, Pallerone, Falcinello, Soliera, Agnino, Ceserano, Magliano in Toscana. Padre di Galeotto Malaspina. Genero del Gonfaloniere della Repubblica Fiorentina Piero Soderini.

1435 ca.- 1508 (febbraio)

Anno, meseStato. Comp. venturaAvversario.CondottaArea attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1455
Gen.mar.ToscanaIn Lunigiana. Sostituisce a Fosdinovo il fratello Giacomo al governo del marchesato: si lamenta con i fiorentini per un attacco portato dai lucchesi ai danni di Massa.
1460VenetoRisiede a Verona dove sia Gabriele che la moglie possiedono numerosi beni.
1462
Lug.VenetoFa parte di un’ambasceria di veronesi inviata  a Venezia per congratularsi con il nuovo doge Cristoforo Moro.
1465
Lug.ToscanaHa l’incarico dal duca di Milano Galeazzo Maria Sforza di catturare l’arcivescovo Paolo Fregoso.
Sett.ToscanaProtesta per l’assalto subito da 2 uomini nel proprio territorio ad opera di una quarantina di sudditi di Ludovico Fregoso.
1466
Giu.ToscanaSi reca a Firenze per chiedere a nome dei fratelli e dei nipoti il rinnovo dell’ accomandigia.
1467
Ago. sett.ToscanaSi schiera a favore dei fiorentini mentre il fratello Giacomo parteggia per il duca di Milano. La moglie Bianca invia alcuni soldati a Podenzana ed a Santo Stefano: i fiorentini invitano il Malaspina a non immischiarsi nel conflitto che sta opponendo in Lunigiana gli sforzeschi con i Fregoso. A settembre si rifiuta di cedere ai ducali la fortezza di Ortonovo messa a sua disposizione  da Ludovico Fregoso; presta, inoltre, soccorso a Obietto Fieschi. Quest’ultimo si riconcilia rapidamente con il duca di Milano.
…………..MalaspinaMalaspinaToscanaIl fratello Giacomo si impadronisce di Massa; perde anche Fosdinovo ed è costretto a fuggire a Pietrasanta. Si arriva ad una prima divisione dei beni. A Gabriele è assegnata Olivola con il fratello Spinetta; le località di Bibola, Fosdinovo e Massa rimangono indivise con il fratello Giacomo come altri immobili siti a Cigoli ed a Pisa. Più tardi, sempre con Giacomo, raggiunge un nuovo accordo per cui al congiunto vanno Massa con tutto il vicariato, le tenute di Cigoli ed il palazzo di Pisa (dietro la somma,  mai versata, di 1500 fiorini l’anno per un quinquennio) mentre a Gabriele (che nel frattempo entra in possesso anche di Olivola) spetta Fosdinovo.
1469
Gen.ToscanaCon il nipote Leonardo è preso in accomandigia dai fiorentini per dieci anni: suo obbligo è quello di consegnare annualmente un palio di seta del valore minimo di 25 fiorini per la festa di San Giovanni Battista. La protezione ai suoi possedimenti gli sarà rinnovata nel settembre 1488.
Lug.Toscana

Accoglie ad Avenza Lorenzo dei Medici e lo ospita nel suo palazzo di Sarzana.

Lug.ToscanaAccoglie ad Avenza Lorenzo dei Medici e lo ospita nel suo palazzo di Sarzana.
1470
Ago.ToscanaE’ armato cavaliere dagli speroni d’oro a Firenze nella cattedrale di Santa Maria del Fiore. Dopo alcuni giorni la Signoria,   per i meriti suoi e quelli dei famigliari, gli consegna la bandiera del comune di Firenze e quella della parte guelfa. La cerimonia si svolge alla presenza degli ambasciatori di Napoli, Milano e Ferrara.
1472
Mag.FirenzeVolterra300 fantiToscana

Gli viene concessa inizialmente una condotta di 50 fanti; ne ha invece 80; la condotta gli sarà presto ampliata prima a 100 fanti e, poco dopo, a 300 uomini. Nei primi giorni del mese è segnalato a Pisa; affianca Federico da Montefeltro a Siena;  a fine mese è segnalato sotto Volterra.

Giu. sett.Toscana

Vi sono alcuni negoziati tra fiorentini e volterrani: approfitta della diminuita sorveglianza e, con il favore della notte, entra nella fortezza con 400 soldati. La città è messa a sacco. Rimane alla guardia della rocca fino a settembre quando verrà licenziato.

1474
Nov.ToscanaE’ invitato  con Rodolfo Gonzaga (o forse si tratta di uno dei suoi figli) a partecipare a Firenze ad una giostra organizzata per festeggiare l’alleanza politica con Milano e la corte aragonese. La giostra si effettuerà sulla fine del successivo gennaio.
1475
Feb.1200 fantiToscanaHa il comando di 1200 provvigionati.
1477ToscanaAlla morte del fratello Spinetta i fiorentini gli tolgono Fivizzano.
1478FirenzeChiesa Napoli300 fanti e 12 balestrieri a cavalloToscana e Liguria

Ha il comando di 300 fanti e di 12 balestrieri a cavallo reclutati in Lunigiana, in Val di Nievole ed in Corsica. Difende il territorio fiorentino dalla parte di Sarzana; non può però impedire che tale località cada nelle mani di Agostino Fregoso.

1481ToscanaI fiorentini gli concedono Panzanello e Falcinello.
1482
Sett.ToscanaOttiene dai fiorentini il governo provvisorio dei castelli di Soliera, Agnino, Ceserano e Magliano in Toscana.
1487
PrimaveraFirenzeGenovaCapitano g.le fanteriaLiguriaPrende parte alla guerra di Sarzana. Interviene a favore di difensori di Sarzanello.
…………….Liguria

All’assedio di Sarzana;  si colloca con i suoi uomini davanti a San Francesco. La città cede.

1494
…………..Si appoggia al duca di Milano Ludovico Sforza.
Ott. dic.FranciaFirenzeToscana

Acquista dai francesi del Montpensier Fivizzano per 3650 fiorini, cui seguono (novembre) anche Castelnuovo Magra,  Ortonovo e Nicola. Mette a sacco la prima località. Non avendo il denaro in contanti per la sua acquisizione, Gabriele Malaspina consegna in ostaggio ai francesi 16 cittadini della stessa Fivizzano. Costoro sono tutti tradotti a Lione. A fine dicembre cede Castelnuovo Magra, Ortonovo e Luni al Banco di San Giorgio per 1800 ducati.

1495
…………..MalaspinaFirenzeToscana

Riceve in soccorso da Ludovico Sforza 100 fanti di Pontremoli. Si impadronisce di Fosdinovo. Deve consegnare ai transalpini il figlio in ostaggio;  lo potrà riavere solo mediante l’esborso di una grossa somma.

Lug.ToscanaI fiorentini approfittano di una sua malattia per recuperare Fivizzano con le sue frazioni limitrofe di Verrucola, Soliera Apuana, Magliano ed Agnino, tutte terre appartenenti al Malaspina da oltre un decennio.
1496
Giu.ToscanaSi allea con i pisani e recupera Agnino.
Lug.Toscana

Con i nipoti Leonardo e Tommaso si impadronisce nuovamente di Fivizzano e dei suoi dintorni..  Sottopone ancora una volta al saccheggio la località; parte della città è data alle fiamme. Assedia Verrucola. E’ sconfitto dai fiorentini ed un cugino è catturato dagli avversari.

Ott.ToscanaI fiorentini liberano Verrucola dall’assedio e recuperano Fivizzano. Oltre Soliera Apuana, Magliano ed Agnino perde definitivamente altri castelli come Ceresara, Collecchia, Rametta, Colli, Bardone e San Terenzo.
…………….FirenzePisa1000 fantiToscana

Milita al servizio dei fiorentini; con 1000 fanti si congiunge con le truppe di Lorenzo Morelli per farsi consegnare dai francesi Sarzanello. A Fosdinovo viene a conoscenza che nella località sono entrate milizie genovesi: i fiorentini si ritirano.

1497
Lug.ToscanaA Fosdinovo.
1498
Mag. giu.MalaspinaFirenzeToscana

Con l’aiuto dei pisani (70 cavalli e 200 fanti) assale Tenerano alla cui difesa si trovano solo 8 soldati. Dopo che Giannone d’Arezzo ha depredato il territorio di Fosdinovo a maggio addiviene ad una tregua con i fiorentini grazie all’ intervento dell’ ambasciatore sforzesco Niccolò Maletta. Gabriele Malaspina continua nonostante tutto a procurare fastidi alla repubblica anche perché i veneziani minacciano, in caso di suo ritiro, di confiscargli le sue proprietà nel veronese. Il nuovo commissario fiorentino Lorenzo Spinelli si impadronisce di alcuni castelli e lo costringe a chiedere la pace. A tale scopo a giugno deve recarsi a Firenze.

1499LombardiaSulla fine dell’anno si porta a Milano per rendere omaggio al re di Francia Luigi XII. Gli giura fedeltà per i feudi detenuti.
1500
Giu.Toscana

Convince il Beaumont, in marcia verso la Toscana, a fermarsi a Massa in Lunigiana ed a conquistare per suo conto le terre appartenenti al nipote Alberico (Carrara, Moneta ed Avenza). I fiorentini protestano per tale atto. Il re di Francia Luigi XII è chiamato come arbitro allo scopo di dirimere la vertenza con il congiunto. Nel maggio 1501 è costretto a restituire al fratello le tre località.

Lug.ToscanaA Fosdinovo.
1502
Sett.ToscanaLa nomina a Gonfaloniere perpetuo della Repubblica di Firenze Piero Soderini lo porta ad allontanarsi definitivamente dal recente passato. Gli è garantita l’indipendenza di Fosdinovo.
1507ToscanaScrive il suo testamento ricorrendo per la prima volta nella storia della sua famiglia all’istituzione di un fedecommesso. Lascia tutto al figlio Lorenzo. Il documento provoca una guerra fratricida, in quanto prevede per Lazzaro Malaspina, figlio del suo secondogenito, il solo marchesato di Olivola, mentre il primogenito Galeotto viene privato di qualsiasi feudo in Lunigiana.
1508
Feb.ToscanaMuore ai primi del mese. E’ sepolto in Fosdinovo nella chiesa di San Remigio. Sposa Bianca Malaspina di Castel dell’Aquila che gli porta in dote beni e terre nel veronese.

 CITAZIONI

-“Signore di molta autorità nell’esercito.” MELI

-“Mo primamente ferno il capitano/ di tucti e fanti el marchese Gabriello.” Da “La guerra di Sarzana” in GUERRE IN OTTAVA RIMA

BIOGRAFIE SPECIFICHE

-P. Meli. Gabriele Malaspina, marchese di Fosdinovo.

Fonte immagine: wikimedia

Print Friendly, PDF & Email

Rispondi