FRANCESCO MANFREDI

0
1809
Castello Manfrediano di Solarolo
Rocca di Solarolo

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Indice delle Signorie dei Condottieri: ABCDEFGIJLMNOPQRSTUVZ

FRANCESCO MANFREDI  Signore di Solarolo.

Figlio di Giovanni Manfredi, fratello di Astorre Manfredi.

  • 1393
Anno, meseStato. Comp. venturaAvversarioCondottaArea attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1356
Dic.Veneto

Viene dato in ostaggio con il fratello Astorre ai carraresi dopo che il padre è costretto a cedere Faenza ai pontifici. Rientra più tardi a Bagnacavallo con il padre ed il fratello.

1361MilanoChiesaEmiliaCombatte i pontifici al servizio del signore di Milano Bernabò Visconti
1375FirenzeChiesaEmiliaContrasta ancora i pontifici nella guerra degli Otto Santi.
1376
Mar.EmiliaEsce da Cotignola con il fratello Astorre; si impossessa di Granarolo.
1377
Lug.FaenzaFerraraRomagnaEntra in Faenza ai danni degli estensi.
1379
Mar.RomagnaCatturato dagli estensi in uno scontro, viene liberato solo alla firma della pace con il signore di Ferrara Niccolò d’Este.
Mag. ago.FaenzaMarradiRomagna e ToscanaAppoggia il fratello nel suo attacco a Bagnacavallo ai danni di Giovanni Acuto. Allorché Giovanni di Alberghettino Manfredi, con l’aiuto del condottiero inglese, si impadronisce di Marradi continua da solo la lotta. Assale tale località; negli scontri che riguardano questa campagna rimangono uccise un migliaio di persone.
Sett.RomagnaE’ segnalato a Tredozio con Almerico Manfredi.
1380
……….ManfrediFaenzaRomagna

Viene a conflitto con il fratello; è incarcerato a Solarolo perché sospettato di tradimento. Mentre è trattenuto nella rocca intervengono i suoi sostenitori, lo liberano ed imprigionano il castellano. Si fa signore del castello.

Mag.Romagna

Conclude un accordo, rinnovabile ogni quattro mesi, con Sinibaldo Ordelaffi, Bertrando AlidosiGiovanni Acuto per proteggersi dalle minacce del fratello.

1381
Apr.ManfrediFaenzaRomagna

Attaccato da Astorre, tratta con Alberto Galluzzi;  cede Solarolo ai bolognesi in cambio di 3000 ducati, di un vitalizio mensile di 60 ducati e di un palazzo a Bologna. Il fratello vede le insegne del comune sul castello ed è costretto a ritirarsi.

1386BolognaFaenzaRomagna

Vi è fra le parti l’intervento pacificatore di Gian Galeazzo Visconti. Come  conseguenza è esiliato da Faenza e dal suo distretto.

1387
Ago.

E’ compreso nella pace intercorsa tra i bolognesi ed il signore di Faenza. Si ritira definitivamente a Bologna nel suo palazzo volgarmente chiamato l’albergo del re.

1393

Muore. Gli è attribuita l’iniziativa dell’apertura di un’officina monetaria sulla base di apposite concessioni papali ed imperiali.

NESSUNA CITAZIONE

Fonte immagine in evidenza: solarolo.org

Print Friendly, PDF & Email

Rispondi