FRANCESCO DA FOGLIANO Guelfo

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Cerca nel sito:

Condottieri di ventura

0686      FRANCESCO DA FOGLIANO  Guelfo. Figlio di Giberto, fratello di Guido Savina. Signore di Scandiano.

+ 1372 (dicembre)

Anno, mese Stato. Comp. ventura Avversario

 

Condotta Area attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1340  

 

 

 

 

 

 

 

 
Feb.  

 

 

 

 

 

Lombardia

Si trova a Mantova per il matrimonio di Filippino Gonzaga; nel corso delle cerimonie viene armato cavaliere con altri ventitre nobili.

…….. Milano  

 

 

 

 

 

Milita al servizio di Bernabò Visconti.

1354  

 

 

 

 

 

 

 

 
Ott.  

 

 

 

 

 

Emilia

Con Bertolino da Fogliano e Guido Manfredi si reca a Scandiano dove è accolto amichevolmente da Matteo da Fogliano, signore di tale località e di Dinazzano. Uccide il suo ospite con un figlio giovanetto e si impossessa dei due castelli.

1356  

 

 

 

 

 

 

 

 
Gen. Fogliano Mantova  

 

Emilia

Si impadronisce del monastero di San Prospero a Reggio Emilia.

Feb.  

 

 

 

 

 

Emilia

Assediato in San Prospero da 1000 uomini comandati da Feltrino Gonzaga, è costretto ad arrendersi.

1359  

 

 

 

 

 

 

 

 
Giu.  

 

 

 

 

 

Emilia

Staziona a Scandiano.

1360  

 

 

 

 

 

 

 

 
Mar.  

 

 

 

 

 

Emilia

Sempre a Scandiano.

Ott.  

 

 

 

 

 

Emilia

Con  Guido Savina e Bertolino da Fogliano firma la tregua con i Gonzaga.

1369 Firenze Milano 25 cavalli  

 

Abbandona l’alleanza con i viscontei e passa al soldo dei fiorentini. Gli è concessa una provvigione mensile di 150 fiorini da pagarsi a Bologna.

1371 Chiesa Milano  

 

 

 

Gli viene riconosciuta una provvigione mensile di 250 fiorini.

1372  

 

 

 

 

 

 

 

 
Giu.  

 

 

 

Capitano g.le Emilia

Fronteggia le truppe di Bernabò Visconti. Al comando di 800/1300 lance dà il guasto al territorio di Sassuolo; giunge verso Rubiera ove è sconfitto con Guglielmo da Fogliano da 1000 lance capitanate da Ambrogio Visconti e da Giovanni Acuto. Tradito da Giovanni di Rod è fatto prigioniero; è condotto a Reggio Emilia ed è trattenuto nella locale cittadella.

Dic.  

 

 

 

 

 

Emilia

Viene impiccato a Reggio Emilia ad un merlo della torre di San Bernardo le cui mura sono volte verso Scandiano: il fratello Guido Savina si è, infatti, rifiutato di consegnare al Visconti i castelli da lui controllati nel reggiano. Il suo cadavere rimane  appeso per nove giorni; sarà tumulato con grandi onori nella cattedrale cittadina davanti all’altare di Santa Lucia. Sposa Elisabella Ordelaffi.

 CITAZIONI

“Valoroso si in roba lunga come in corta.” BUGATI

“Assai valente omo ma no era temudo né redottado da chostoro (gli altri condottieri pontifici), perché no era omo da fare chò (capo) de sì fatta brigada, no perché non fosse prodomo e gentille per la grandeza di soldati che ò ditto de sovra no era da fare; ma feurlo perché era nemigho de miser Bernabò et a lui tochava la brigha, perché lì apresso avea le sue forteze.” CORPUS CHRONIC. BONOMIENSUM

“Uomo ch’era famoso per le sue scelleratezze.” LITTA

“Valoroso guerriero.” VENTURI

Print Friendly, PDF & Email
Previous articleFORMIGHINO
Next articleGALEAZZO FARNESE
Roberto Damiani
Roberto Damiani è l'autore del sito Condottieri di ventura.
Print Friendly, PDF & Email