FRACASSO DA PISA

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Cerca nel sito:

Indice delle Signorie dei Condottieri: ABCDEFGIJLMNOPQRSTUVZ

Condottieri di ventura

1504      FRACASSO DA PISA  (Francesco da Pisa) Fuoriuscito.

  • 1520 ca.
Anno, meseStato. Comp. venturaAvversarioCondottaArea attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1509

Ago.VeneziaFrancia Ferrara 

 

Veneto

Prende parte alla difesa di Padova; si colloca con i suoi uomini nella piazza.

1510

Apr. 

 

 

 

 

 

Veneto

Si muove nel Polesine;  con Niccolò da Pisa ha il comando di 155 provvigionati.

Mag. 

 

 

 

 

 

Veneto

Segue il provveditore Giovanni Paolo Gradenigo alla volta di Montagnana: si deve fermare perché la città è già pervenuta in potere dei nemici. Nei medesimi giorni il suo operato viene richiesto a Treviso da Zitolo da Perugia con il quale ha militato in precedenza.

Giu.VeneziaFrancia Impero152 fantiVeneto

Lascia Treviso e raggiunge il campo di Brentelle presso Padova; da qui è spostato alla difesa di Monselice dove ha l’incarico di sorvegliare il tratto delle mura inferiori verso la Porta di Santa Maria. Comanda 152 provvigionati sempre con Niccolò da Pisa. Con altri capitani lascia la città e rientra al campo di Brentelle:  esterna il proprio malcontento causato dalla mancanza di fortificazioni adeguate che non permettono di resistere in modo efficace all’assalto dell’esercito nemico.

Sett. 

 

 

 

122 fantiVeneto

Parte da San Martino di Lupari con Serafino da Cagli, si accampa sotto Verona. Assedia la città a Porta Vescovo con 600 fanti ed alcuni cavalli leggeri.

1511

Mag. 

 

 

 

223 fantiVeneto

Milita con Niccolò da Pisa agli ordini del provveditore generale Andrea Gritti. Affronta i francesi.

Ago. 

 

 

 

212 fantiVeneto

Alla difesa di Treviso. Si acquartiera nella piazza del vescovado; i suoi provvigionati si lamentano per un ritardo di quaranta giorni nella riscossione delle loro paghe.

Nov. 

 

 

 

 

 

Friuli

Appoggia Renzo di Ceri nella sua spedizione in Friuli contro gli imperiali.

1512

Mar.97 fantiFriuli

E’ segnalato a Cividale del Friuli.

Mag.

Ha il comando di 100 fanti

Ago.

Ai suoi ordini sono ora 102 fanti.

Sett. 

 

 

 

143 fantiLombardia

Prende parte all’assedio di Brescia;  è inquadrato nella seconda squadra di riserva che deve sostenere l’attacco alle mura della città.

Nov.125 fanti
1513

Mag.VeneziaSpagna Impero232 fantiVeneto

Segue Bartolomeo d’Alviano a Peschiera del Garda e nella sua ritirata verso est.

Lug. 

 

 

 

169 fantiVeneto

Ritorna alla difesa di Treviso;  è inserito nel colonnello di Giovanni dal Borgo.

Ott. 

 

 

 

 

 

Veneto

Partecipa alla battaglia di Creazzo nel cui corso viene fatto prigioniero.

1514

Mag.Friuli

Staziona nel Friuli con 100 fanti.

Giu. 

 

 

 

 

 

Friuli

Si trova all’assedio di Marano Lagunare: assalta il bastione di San Giovanni con Mariano Corso al comando di 40 fanti;  nell’attacco è colpito alla corazzina da un tiro di schioppetto. Il suo ardimento merita gli elogi di Girolamo Savorgnano.

Lug. 

 

 

 

 

 

Veneto

Si reca a Venezia nel Collegio dei Pregadi a seguito della scioglimento della sua compagnia. Si offre di rimanere al servizio dei veneziani;  la sua pratica è trasferita al Consiglio dei Savi per esservi esaminata.

1520

Muore.

 CITAZIONI

-“…il gran campione/ che la sua vita mai non s’oprò invano./…/ (Alla battaglia di Creazzo) ..il sir soprano,/ come un novello achille atorno troia/ fra li greci s’oprò, così costui/ fra gli spagnioli.” DEGLI AGOSTINI

 

Print Friendly, PDF & Email
Previous articleFOLIGNO DA PESCIA
Next articleFRANCESCO DA PISA
Roberto Damiani
Roberto Damiani è l'autore del sito Condottieri di ventura.
Print Friendly, PDF & Email