FILIPPO DA PISA

0
2916
Ponte sul Tesina, Torri di Quartesolo
Ponte sul Tesina, Torri di Quartesolo

FILIPPO DA PISA  (Filippo Tibertelli)

  • 1414 (luglio)
Anno, meseStato. Comp. venturaAvversarioCondottaArea attivitàAzioni intraprese ed altri fatti salienti
1382PerugiaFuoriuscitiUmbria

Ha l’incarico di recuperare Castelnuovo  appartenente ai Michelotti: i priori consegnano 1000 fiorini ad alcuni soldati ed il castello perviene in pochi giorni in potere dei perugini.

1386
Mar.PadovaVeronaVenetoCon Bartolomeo Boccanera nei pressi di Conegliano alla testa di 60 lance e di 20 cavalli ungheri allo scopo di danneggiare gli scaligeri.
Lug.VenetoA Padova, allorché viene stipulato il contratto inerente la liberazione di Ostasio da Polenta, catturato il mese precedente nella battaglia di Brentelle.
1387
Feb.VenetoPartecipa con altri capitani ad un consiglio di giuerra che si tiene a Cerea.
Mar.Veneto

A Castelbaldo per un nuovo consiglio di guerra. Prende parte alla omonima battaglia in cui combatte inserito nella seconda schiera, forte di 1000 cavalli, con Giovanni degli Ubaldini, Giovanni Tedesco da Pietramala e Borso Gambara. Con costoro respinge gli avversari che hanno superato il fossato che separa i contendenti.

1390
Nov.MilanoFirenze PadovaPiemonteNell’alessandrino per bloccare il passo all’eventuale arrivo di Giovanni d’Armagnac in soccorso di fiorentini e carraresi.
1391
Lug.Piemonte Veneto

Prende parte alla battaglia di Castellazzo in cui i cavalli francesi vengono sgominati a seguito di un combattimento che dura tre ore. Un suo scudiero (Benzio Bussazzi) si imbatte nell’Armagnac che vede morente sulla riva di un ruscello. Lo fa prigioniero e lo conduce ad Alessandria dove il capitano francese viene riconosciuto. Subito dopo la vittoria Filippo da Pisa si trasferisce a Verona per coadiuvare Ugolotto Biancardo ai danni dei carraresi.

1394EsteFerraraEmilia

Si collega con Giordano da Savignano e favorisce la causa di Azzo d’Este contro il marchese di Ferrara. Depreda la Garfagnana e la montagna modenese.

1396
Mag.FirenzeComp. venturaToscanaViene assunto in aspetto dai fiorentini per difendere il territorio della repubblica dalle scorrerie della compagnia di Giovanni da Barbiano.
Ago.Comp. venturaPerugiaToscana Umbria

Minaccia di scorrere in Umbria con Bartolomeo Boccanera e Ludovico Gabriotto Cantelli. Biordo dei Michelotti assolda 550 fanti e richiama il fratello Ceccolino dal regno di Napoli: quest’ultimo tallona da vicino i tre capitani con 1200 cavalli per controllare i loro movimenti. Alla fine il signore di Perugia consegna ai venturieri 4500 fiorini, di cui 2000 subito, 2000 entro ottobre e 500 al solo Cantelli. Per la stipula dell’atto Filippo da Pisa si reca più volte a Perugia: gli sono donati per la sua collaborazione 100 fiorini mentre altri 25 vanno ad un suo cancelliere.

Nov.FirenzePisaToscana

Piero Gambacorta è  ucciso in Pisa e la signoria della città perviene sotto il controllo di Jacopo d’Appiano. Spinto dal vescovo di Pisa Lotto Gambacorta e dal conte Niccolò da Montescudaio Filippo da Pisa (400 cavalli e molti fanti) preme  sulla città  per riportarvi al potere i Gambacorta. Staziona tra Colle Val d’Elsa e Volterra con Niccolò della Gherardesca. Giunge a San Casciano in Val di Pesa, si ferma a Putignano e perviene di notte  alla Porta del borgo di San Marco. Gli vengono contro Jacopo e Vanni d’Appiano che lo respingono con i balestrieri alla porta: nella città non sorgono i tumulti sperati a favore dei Gambacorta per cui dopo un’ora di combattimento Filippo da Pisa deve ritirarsi a San Casciano in Val di Pesa ed a Lavaiano. Assale per tre volte il castello di Fabrica. Si impadronisce della località facendovi entrare 10 soldati. A fine mese tenta Terricciola; è costretto a spostarsi in Valdarno tra Cascina, Settimo e San Casciano in Val di Pesa facendovi gravi danni. I saccomanni della compagnia giungono con le loro scorrerie fino a San Lorenzo alle Corti.

Dic.MilanoFirenzeToscana

Entra in Pisa Luca di Canale con 400 cavalli e 400 fanti:  Filippo da Pisa è obbligato a ritirarsi a Ponsacco, Prata, Perignano, Lavaiano e Cevoli in Val di Cecina. Si accampa  ad Asciano ed a Fabrica dove sorgono gravi dispute nel suo campo. La  compagnia si scioglie. Si collega con Ludovico Gabriotto Cantelli ed affianca Giovanni da Barbiano ai danni dei fiorentini con 1500 cavalli. Sempre con il Cantelli si fa corrompere dagli avversari e decide di abbandonare le operazioni. Il Cantelli riesce ad anticipare i sospetti e si mette in salvo; Filippo da Pisa è invece scoperto ed incarcerato. Liberato, viene assoldato dai perugini.

1397
Gen.PerugiaFuoriusciti100 lanceUmbria
Giu.FirenzeMilanoToscana

Con Paolo Orsini fiancheggia Bartolomeo Boccanera in una scorreria nel pisano portata nonostante gli ordini contrari del capitano generale Bernardo della Serra.

Lug.ToscanaCon la decapitazione per insubordinazione di Bartolomeo Boccanera si allontana dal campo con Paolo Orsini. Viene richiamato dai fiorentini.
Ago.MilanoFirenzeLombardia ed Emilia

E’ inviato nel mantovano per contrastare i viscontei agli ordini di Carlo Malatesta. Lascia Reggiolo e devasta con 300 cavalli il parmense: nell’ incursione sono toccate Berotto, Gualtieri, Poviglio, Moletolo e Cogruzzo; sono razziati 2000 capi di bestiame e sono fatti prigionieri 100 uomini. Nello stesso mese defeziona nel campo visconteo e si pone agli ordini di Jacopo dal Verme. Si accampa a Borgoforte;  cerca di impadronirsi del castello che blocca il ponte sul Po per potere penetrare nel serraglio di Mantova. Assale il campo della lega antiviscontea a Governolo; nella battaglia ha con Francesco Visconti il comando della sesta schiera forte di 1500 cavalli. Sostiene l’azione di Ottobono Terzi e si scontra con Conte da Carrara. E’ catturato.

1398
Mar.PerugiaChiesa700 cavalliUmbriaAlla morte del signore di Perugia Biordo dei Michelotti coadiuva il fratello di quest’ultimo Ceccolino contro i pontifici.
Dic.FerraraComp. venturaCapitano g.leEmilia e Romagna

Con Francesco Buzzaccarini ed i capitani della Compagnia della Rosa Giovanni Malvicini, Tommasino Crivelli, Tommaso da Castello e Giovanni dell’ Ischia affronta la compagnia di Bartolomeo Gonzaga. Costringe l’avversario ad abbandonare il modenese ed a ritirarsi in Romagna. Sul fiume Ronco  sbaraglia il Gonzaga che è fatto prigioniero con tutti i suoi uomini.

1399
Ago.BolognaCunioEmilia

Combatte per Carlo Zambeccari contro i Bentivoglio e Giovanni da Barbiano che sconfigge a Spilamberto. Cattura Manfredo da Barbiano e lo fa condurre a Modena; Giovanni da Barbiano ed il figlio Conselice, parimenti fatti prigionieri, sono invece scortati a Bologna per esservi decapitati.

Sett.FerraraCunioCapitano g.leEmiliaRecupera Vignola.
1403
Sett.FerraraMilanoLombardia

Segue il marchese di Ferrara Niccolò d’Este contro i viscontei in soccorso del signore di Padova Francesco Novello da Carrara. Affianca Uguccione Contrari alla conquista di Brescia. A seguito di un compromesso tra i guelfi ed i ghibellini della città si ritira e ritorna a Padova.

Nov.PadovaMilanoCapitano g.leVeneto

E’ nominato capitano generale da Francesco Novello da Carrara. Si muove alla volta di Verona alla cui difesa si trova Ugolotto Biancardo; si acquartiera a San Martino Buon Albergo; spesso scorre nel vicentino dove fa prigionieri e razzia bestiame.

Dic.Veneto

Viene raggiunto da Francesco Terzo da Carrara e da Ubertino da Carrara; si sposta a Torri di Quartesolo;  sul Bacchiglione edifica 2 bastie a difesa di un ponte di legno  utilizzato per reprimere le continue molestie portate dai vicentini. Entra nel veronese e si ferma ad Albaredo d’Adige.

1404
Gen.Veneto

Sempre contrastato da Ugolotto  Biancardo, Filippo da Pisa inizia la costruzione di una forte bastia ad Albaredo d’Adige; ne fa costruire un’altra con un ponte a Porcile (Belfiore).

Mar.Veneto

Con Giacomo e Francesco Novello da Carrara fronteggia nel serraglio di Padova Facino Cane: respinge più volte i tentativi offensivi di tale condottiero volti a superare un ponte; assale il  campo dell’avversario e gli infligge alcune perdite.

Apr.Veneto

Con il ritiro di Facino Cane nel vicentino Filippo da Pisa entra prima in Legnago, accolto dagli abitanti, ed il giorno successivo in Porto con Brunoro ed Antonio della Scala; tocca Montagnana e cavalca verso Verona per restaurarvi la signoria degli scaligeri. Perde alcuni giorni sotto Cologna Veneta per impadronirsi del castello di Illasi; si accampa davanti a Verona presso Porta Vescovo;  irrompe nella città dopo un combattimento notturno al cui termine il Biancardo è costretto a rifugiarsi nella cittadella. Si porta a Campo di Marte dove è armato cavaliere dal signore di Padova con Niccolò d’Este, Giacomo da Carrara, Luca Lion, Brunoro ed Antonio della Scala, Giovanni Visconti e Nanne Strozzi; penetra, infine, nella cittadella e ne prende possesso. Ora è Filippo da Pisa ad armare cavalieri alcuni nobili padovani e veronesi tra i quali vi è Calcino Tornielli. Viene lasciato alla difesa della città allorché Francesco Novello da  Carrara e Niccolò d’Este si allontanano da Verona; a fine mese si colloca con Ludovico Buzzaccarini, Tommasino da Parma e Morello d’Alessandria a Torri di Quartesolo con l’obiettivo di assediare Vicenza.

Lug.PadovaVeneziaVenetoSi accampa a Rustega per difendere il serraglio di Padova.
Ago.Veneto

Respinge un attacco di Malatesta Malatesta al campo di Gorgo. In un primo tempo la vittoria sembra arridere agli avversari; il pronto intervento di Francesco Novello da Carrara e di Ludovico degli Obizzi volge la sorte a suo favore.

Sett.Veneto

E’ informato sul fatto che i veneziani hanno superato il serraglio di Padova nel contado di Piove di Sacco; con Ubertino da Carrara ripiega verso Stra e rinforza le difese che intercorrono da Oriago, a Stra ed a Vigodarzere.

Dic.Veneto

Paolo Savelli supera le difese del serraglio di Arino: Filippo da Pisa si ritira con i suoi uomini nel territorio di Piove di Sacco;  giunge a Ponte San Niccolò nei pressi di Padova. Si collega con Manfredo da Barbiano e Lorenzo Attendolo per attaccare il capitano avversario a Camponogara: nonostante le pressioni sua e di Ugo di Monforte l’iniziativa sfuma per il tradimento di Manfredo da Barbiano che, corrotto dai veneziani, accampa pretestuose motivazioni per non agire.

1405
Gen. feb.FerraraVeneziaEmilia

Combatte sempre i veneziani agli stipendi del marchese d’Este. Blocca ad Ariano Ferrarese sul Po Giovanni da Tossignano con 200 cavalli; lo sconfigge a febbraio e gli cattura alcuni cavalli con tre connestabili di fanti.

1407
Sett.EmiliaA Ferrara, per il battesimo di Lionello d’Este.
1408
Giu.FerraraParmaEmilia

Combatte il signore di Parma Ottobono Terzi. Raggiunge Modena con Niccolò d’Este ed Uguccione Contrari al comando di 600 cavalli. Viene nominato governatore della città.

1414
Lug.Emilia

Muore a metà mese a Ferrara, a Santo Stefano, in una casa già appartenente a Bichino da Marano. E’ sepolto con tutti gli onori nella chiesa di San Domenico.

CITAZIONI

-“Espertissimo Cavaliere, e di gran valore.” VERCI

-“Il quale era uno virile cavaliero et consigliero de lo illustrissimo marchexe da Este et uno dignissimo Conduttiero.” DIARIO FERRARESE

-“Prode capitano.” SPRETI

-“Egregium et strenuum scutiferum..Bellici negotii expertissimus.” DELAITO

Fonte immagine in evidenza: wikimedia

Print Friendly, PDF & Email

Rispondi