FEBO GONZAGA

0
2307
stemma nobiliare della famiglia Gonzaga dal 1433.
stemma nobiliare della famiglia Gonzaga dal 1433.

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Indice delle Signorie dei Condottieri: ABCDEFGIJLMNOPQRSTUVZ

FEBO GONZAGA

Figlio naturale di Giovanni Francesco; fratello di Federico Gonzaga da Bozzolo, Ludovico Gonzaga da Bozzolo e Pirro Gonzaga da Bozzolo da Bozzolo; padre di Ippolito Gonzaga; cugino di Francesco Gonzaga.

  • 1520
stemma nobiliare della famiglia Gonzaga dal 1433.
stemma nobiliare della famiglia Gonzaga dal 1433.
Anno, meseStato. Comp. venturaAvversarioCondottaArea attivitàAzioni intraprese ed altri fatti salienti
1490EmiliaSposa Margherita d’Este.
1494VenetoA Venezia con Antonio Scarampo in missione diplomatica.
1495
Mag.Veneto

A Venezia per ricevere le disposizioni date dai veneziani al  capitano generale Francesco Gonzaga per il prossimo conflitto con i francesi.

Giu.VeneziaFranciaMaresciallo  campoLombardia ed Emilia

Si trova a Seniga agli ordini del marchese di Mantova Francesco Gonzaga. E’ nominato maresciallo di campo assieme con Marco da Martinengo, Giovan Francesco Gambara e Luigi Avogadro. Prosegue per il parmense.

Lug.Emilia e Piemonte

Partecipa alla battaglia di Fornovo. Si sposta a Vespolate e si unisce con gli sforzeschi per assediare Novara: ha l’incarico di provvedere a vettovagliare il campo.

Ago.Piemonte

E’ armato cavaliere nella stessa cerimonia in cui a Francesco Gonzaga sono consegnati il bastone e lo stendardo di capitano generale della lega antifrancese.

Ott.Piemonte

Entra in Vercelli con  Luigi Avogadro ed un trombetta francese a seguito della firma di una tregua. Affianca successivamente Francesco Gonzaga nelle trattative di pace che portano alla cessione di Novara a favore di Ludovico Sforza.

Nov.Veneto

Si reca a Venezia con Francesco Gonzaga.  Nei vari festeggiamenti, ha l’incarico di reggere il  bastone del capitano generale.

1496
Mar.LazioAffianca Francesco Gonzaga nel regno di Napoli sempre contro i francesi. Precede il marchese di Mantova a Roma per preparare il suo ingresso nella città.
Apr.CampaniaA Nocera Inferiore. Ha l’incarico di siniscalco.
Mag.CampaniaOttiene a patti Pandola.
Nov.VenetoA Venezia, per le manifestazioni indette in onore di Francesco Gonzaga reduce dal regno di Napoli.
1497
Giu.Veneto

Ancora a Venezia. Ha l’incarico di perorare la causa del marchese di Mantova licenziato in quei giorni dai veneziani. Nel corso dell’anno pone la sua residenza a Corte Stella (o “Corte Grande”) di Cividale, frazione del comune di Rivarolo Mantovano.

1498
Ott.MilanoLombardia

Si inimica con Francesco Gonzaga e si avvicina al duca di Milano Ludovico Sforza, cui rivela le intenzioni del marchese di Mantova di impadronirsi di Parma con la connivenza dei veneziani. Ciò offre il pretesto a Francesco Gonzaga (ricontattato dalla Serenissima) di inviare i suoi uomini agli alloggiamenti invernali, anziché in Toscana, come da  impegni  presi in precedenza con la Serenissima per prestare    soccorso ai pisani.

………Lombardia

Si riconcilia con Francesco Gonzaga allorché quest’ultimo abbandona i veneziani preferendo passare agli stipendi del duca di Milano.

1517
Gen.Comp. venturaChiesaUmbria

Affianca Francesco Maria della Rovere contro i pontifici nel suo tentativo di recupero del ducato di Urbino. Si reca a Gubbio e fa ribellare la città.

Apr.UmbriaViene nominato dal della Rovere governatore di Gubbio.
Mag.MarcheSconfigge nei pressi di Apecchio Gentile Baglioni.
1520

Muore. E’ sepolto a Bozzolo nella chiesa di Santa Maria di Loreto. Sposa Margherita d’Este.

NESSUNA CITAZIONE

Print Friendly, PDF & Email

Rispondi