ENRICO DEGLI OBIZZI

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Cerca nel sito:

Indice delle Signorie dei Condottieri: ABCDEFGIJLMNOPQRSTUVZ

Condottieri di ventura

1257      ENRICO DEGLI OBIZZI

+ 1380 ca.

Anno, meseStato. Comp. venturaAvversarioCondottaArea attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1363
Ott.SienaComp. ventura50 cavalliToscana

Agli ordini di Francesco Orsini coglie in disordine a Torrita di Siena la “Compagnia del Cappelletto” di Niccolò da Montefeltro: il capitano avversario viene catturato con 300 cavalli e 1000 fanti. Con la vittoria l’Obizzi è armato cavaliere; ai suoi soldati è riconosciuta paga doppia.

1368
PrimaveraChiesaMilano 

 

Romagna

Contrasta i viscontei in Romagna: della sua compagnia fanno parte 25 cavalli.

1377ToscanaRicopre l’incarico di podestà di Pescia.
1378
……………..Perugia 

 

 

 

Umbria

E’ nominato podestà di Perugia. Scopre una congiura del partito nobiliare ai danni dei raspanti;  fa decapitare due membri di tale fazione (il Formica ed Agnolello Boccoli).

PrimaveraPerugiaBettonaCapitano di guerraUmbria

Viene scelto come capitano di guerra, con Onofrio Rossi, per combattere Bettona. Ne  devasta il territorio;  si dirige a Coldimezzo che gli si arrende spontaneamente; anche Col di Pepo (Collepepe) e Gaglietole seguono l’ esempio di tale località. Nell’incursione sono fatti 250 prigionieri. Fa costruire nelle vicinanze di Bettona una bastia.  Rientra a Perugia ove è accolto con tutti gli onori. Al termine del suo mandato il comune gli concede di aggiungere il grifone, simbolo della città, al suo stemma araldico.

1380

Muore.

NESSUNA CITAZIONE

Print Friendly, PDF & Email
Roberto Damiani
Roberto Damiani è l'autore del sito Condottieri di ventura.
Print Friendly, PDF & Email