EMILIO DA CAVRIANA

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Cerca nel sito:

Indice delle Signorie dei Condottieri: ABCDEFGIJLMNOPQRSTUVZ

EMILIO DA CAVRIANA  (Emilio Forlani, Emilio Florano, Emilio Furlano) Signore di Cavriana. Fratello di Enea.

+ 1550 ca.

Anno, mese Stato. Comp. ventura Avversario Condotta Area attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1511  

 

 

 

 

 

 

 

Giu. Venezia

 

 

 

 

 

Veneto

Si trova a Padova allorché il fratello Enea, su ordine del Consiglio dei Dieci, viene arrestato dai veneziani per sospetto di tradimento; imprigionato anch’egli, sarà liberato nel successivo agosto dietro una cauzione di 2500 ducati.

1513  

 

 

 

 

 

 

 

………….. Venezia Spagna Milano  

 

Lombardia

Segue Renzo di Ceri alla difesa di Crema.

Lug.  

 

 

 

 

 

Lombardia

Entra in Bergamo con altri capitani della Serenissima e si impadronisce di 6000 ducati, che fanno parte dell’acconto di una taglia di 32000 ducati imposta dagli spagnoli alla città.

Ago. Lombardia Prende parte alla battaglia di Pandino.
1515  

 

 

 

 

 

 

 

Apr.  

 

 

 

 

 

Veneto

Ad Oderzo con Giulio Manfrone: con tale capitano è accusato di avere fatto violenza ad una  ragazza. Il Consiglio dei Dieci fa pressioni sul capitano generale Bartolomeo d’Alviano affinché intervenga nei suoi confronti. Emilio da Cavriana previene ogni misura punitiva con la fuga nel mantovano.

1521  

 

 

 

 

 

 

 

Mag.  

 

 

 

 

 

Lazio

Con il fratello Enea viene accusato di aver ucciso a Roma, il giorno di Pentecoste, Vico da Camposampiero con alcuni sicari.

1524  

 

 

 

 

 

 

 

Nov. Francia Venezia 100 cavalli leggeri Lombardia

E’ segnalato all’ assedio di Pavia.

1525  

 

 

 

 

 

 

 

Gen.  

 

 

 

 

 

Lombardia

E’ preposto alla difesa di Sant’Angelo Lodigiano con 200 cavalli leggeri e 800 fanti. Assalito dal marchese di Pescara Ferdinando d’Avalos con 2000 uomini fra fanti spagnoli e lanzichenecchi, si arrende a discrezione in poche ore con Pirro Gonzaga da Bozzolo e tre figli di Febo Gonzaga. Tutti i capitani sono trattenuti prigionieri e condotti a Lodi, mentre i soldati abbandonano armi e cavalli e sono rilasciati dietro la promessa di non militare per un mese contro gli imperiali.

1526  

 

 

 

 

 

 

 

Gen.  

 

 

 

 

 

Lombardia

Aiuta il re di Navarra, catturato nella battaglia di Pavia, a fuggire dal carcere: è imprigionato dagli imperiali.

1536  

 

 

 

 

 

 

 

………….. Francia Impero  

 

Piemonte
………….. Ferrara  

 

 

 

 

 

1549  

 

 

 

 

 

 

 

Ott.  

 

 

 

 

 

Toscana

Ricopre per conto degli estensi l’incarico di governatore della Garfagnana.

1550  

 

 

 

 

 

 

 

Muore.

NESSUNA CITAZIONE

Print Friendly, PDF & Email
Previous articleDONATO DEL CONTE
Next articleENEA CRIVELLI
Roberto Damiani
Roberto Damiani è l'autore del sito Condottieri di ventura.
Print Friendly, PDF & Email