DONNINO DALLA GENGA

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Cerca nel sito:

Condottieri di ventura

0764      DONNINO DALLA GENGA  Signore di Genga.

+ 1515 ca.

Anno, mese

 

Stato. Comp. ventura

 

Avversario

 

Condotta

 

Area attività

 

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

 

1498

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
Sett.

 

Venezia

 

Firenze

 

230 fanti

 

Toscana

 

Milita agli ordini del duca di Urbino Guidobaldo da Montefeltro.

1499

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
Mar.

 

 

 

 

 

 

 

Toscana

 

Assediato in Bibbiena, non vuole abbandonare la località.

Apr.

 

 

 

 

 

 

 

Toscana

 

Viene catturato dai fiorentini.

1506

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
Ott.

 

Chiesa

 

Bologna

 

Capitano  gen.le fanteria

 

Romagna

 

Ha il comando della fanteria feltresca contro i Bentivoglio di Bologna. A Cesena, per la rassegna dell’esercito pontificio.

………

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Al servizio del duca di Urbino Francesco Maria della Rovere.

1509

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
Apr.

 

Chiesa

 

Venezia

 

 

 

Romagna

 

Contrasta i veneziani in Romagna.

1511

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
Mag.

 

Chiesa

 

Francia

 

Maestro di campo

 

Emilia e Romagna

 

Alla guardia di Bologna. Allorché la città si ribella ai pontifici a favore dei Bentivoglio è coinvolto nella sconfitta di Casalecchio. Il della Rovere gli ordina di lasciare la località e di porre il campo ad Imola.

1512

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
Apr.

 

 

 

 

 

 

 

Romagna

 

Partecipa alla battaglia di Ravenna.

1524

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
Mar.

 

Venezia

 

Francia

 

 

 

Lombardia

 

Milita sempre al servizio del duca di Urbino. Lo affianca all’espugnazione di Garlasco.

1525

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Muore.

 

 CITAZIONI

“Degno di larghissima lode.” COLUCCI

“Seguiva il duca (Francesco Maria della Rovere) il bon conte Donino/ di virtù colmo e di bontate pieno/ stato e suggetto in sin da piccolino/ a li avi suoi né mai le vinne a meno/ per cimier porta nel elmo acciarino/ un parangon il cavalliere sereno/ perché toccando quel senza fallo/ la si cognosse dal falso metallo.” CANDELFINO

 

Print Friendly, PDF & Email
Previous articleCRISTOFORO GUASCO
Next articleETTORE GIOVENALE
Roberto Damiani
Roberto Damiani è l'autore del sito Condottieri di ventura.
Print Friendly, PDF & Email