DOMENICO MALATESTA

0
2503

DOMENICO MALATESTA (Malatesta Novello Malatesta) Di Brescia. Signore di Cesena, Cervia, Bertinoro, Meldola, Sarsina, Gatteo, Longiano, Rocca delle Caminate, Predappio, Cesenatico, Roncofreddo, Montevecchio, Montegelli, Rontagnano, Savignano sul Rubicone, Caioletto, Sestino, Montegrimano, Ripalta, Linaro, Civitella di Romagna.

Figlio naturale di Pandolfo, fratello di Sigismondo Pandolfo, cognato di Federico da Montefeltro.

1418 (agosto) – 1465 (novembre)

Anno, mese Stato. Comp. ventura Avversario Condotta Area attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1427 Mar. Lo zio Carlo Malatesta ottiene la sua legittimazione dal papa. E’ destinato alla signoria di Cesena.
1430 Mag. Rimini Pesaro Romagna

I Malatesta di Pesaro cercano di togliere Rimini ai figli di Pandolfo. Domenico raccoglie con il fratello Sigismondo Pandolfo fautori e seguaci e previene gli avversari nella città.

1431
Mar. Veneto

Si reca a Venezia dove il Senato insignisce Domenico e Sigismondo Pandolfo del titolo di nobile della repubblica.

………… Marche

A Fano per un torneo organizzato in suo onore.

Dic. Marche

Fano si ribella ai Malatesta: deve intervenire il fratello per domare l’insurrezione.

1432
Ott. Romagna

Alla morte del fratello Galeotto Roberto ottiene la signoria di Cesena, di Bertinoro, di Meldola, di Sarsina, di Roncofreddo e dei castelli del piviere di Sestino.

1433
Giu. Marche

Ha il governo di Fano per qualche tempo. Lascia la città a giugno ed offre un banchetto a tutti i cittadini.

Sett. Romagna

Viene armato cavaliere a Rimini dall’imperatore Sigismondo d’Ungheria; gli è dato dal sovrano il soprannome di Novello.

Ott. Marche

Rientra a Fano per domarvi una rivolta.

Dic. Marche

Aiuta il fratello a soggiogare una nuova rivolta in Fano.

1434
………… Romagna

Sigismondo Pandolfo gli cede Cervia con le saline.

………… Romagna

Toglie Pianetto, nella valle del Bidente, al conte Galeotto da Cusercoli.

Nov. Marche

Si sposa con Violante da Montefeltro; a Fano e ad Urbino con la moglie.

1435
Mag. Chiesa Forlì Romagna

Combatte gli Ordelaffi agli stipendi del papa Eugenio IV. Alla testa di 500 cavalli e di molte cernite scorre nel forlivese con il fratello; si scontra con le truppe di Antonio Ordelaffi presso Ronco, vi fa 70 prigionieri di taglia e preda molto bestiame.

Giu. Chiesa Fortebraccio Toscana  Romagna

Favorisce un trattato per fare ribellare Borgo San Sepolcro (Sansepolcro) a Niccolò Fortebraccio; corre il rischio di essere sopraffatto dalle forze preponderanti di Niccolò e di Francesco Piccinino. Viene raggiunto a Cesena con 3000 cavalli da Francesco Sforza.

Ago. Marche

Esce da Fermo con 80 lance, si porta a Rocca Contrada (Arcevia) e si sposta ad Osimo. Nel corso dell’anno promuove un intervento al castello di San Giorgio, fa riparare la rocca di Meldola e dotare di fossati i bastioni di Cervia.

1436
Feb. Romagna

Si incontra a Cesena con Francesco Piccinino.

Mar. Marche

Esce da San Lorenzo in Campo, entra nel contado di Fano e nella rocca cittadina.

………… Chiesa Milano Forlì Emilia

Alla guardia di Bologna.

Giu. Romagna

Alloggia a San Martino con Taliano Furlano ed il fratello Sigismondo Pandolfo. Scorre nel forlivese ed occupa Forlimpopoli.

Lug. Romagna

Entra in Forlì.

Sett. Emilia

Viene in sospetto al commissario generale dell’ esercito pontificio Baldassarre da Offida, che tenta di metterlo in cattiva luce agli occhi dello Sforza. Come risultato, non interviene con il fratello a contrastare l’azione dello Sforza ai danni dello stesso Offida che viene catturato dagli sforzeschi a Budrio.

Ott. nov. Marche Romagna E’ segnalato ad ottobre e Fano ed a novembre a Meldola.
1437
Apr. Venezia Milano
Mag. Emilia

E’ scacciato da Bologna dal  Piccinino.

1438
Gen. Emilia

A Bologna. Si trova nella città allo scopo di scortare il papa Eugenio IV a Ferrara, dove è stato indetto un concilio per l’unione delle chiese latina e greca.  Non dispone di alcuna condotta.

Mar. Romagna

Si incontra a Capenella, vicino a Forlì, con il Piccinino; gli fa alcuni doni e si impegna ad allontanare da Cesena i figli di Niccolò da Tolentino che ne sono alla difesa per conto dei pontifici.

Dic. Lombardia

Si reca in Lombardia, ha un nuovo colloquio con il Piccinino; chiede che gli siano affidati alcuni fuoriusciti di Ravenna, incarcerati a Forlì, tra i quali vi è un suo debitore.

1439
Gen. Romagna

A Forlì; gli è consegnato il prigioniero richiesto in precedenza la cui taglia gli frutta 1000 fiorini.

Feb. Romagna

Ospita a Cesena Francesco Piccinino.

Mag. Venezia Firenze Milano 500 cavalli Romagna

Viene assoldato dalla lega antiviscontea;  affianca lo Sforza nel territorio di Imola.

Lug. Romagna

Si trova a Forlimpopoli. Con Pietro Giampaolo Orsini stipula una tregua con Guidantonio Manfredi, Antonio Ordelaffi ed i da Polenta.

Ott. Rimini Urbino Marche

Combatte i Montefeltro con il fratello. Conquista a Federico da Montefeltro 3 castelli nell’alto corso del Senatello (Casteldelci, Senatello e Faggiuola).

Nov. Venezia Milano Marche Trentino  Lombardia

Richiamato dai veneziani, abbandona le Marche per lottare contro i ducali. Prende parte all’assedio di Tenno.  Vi è fatto prigioniero da Gian Francesco Gonzaga perché la sua cavalcatura lo trascina lontano dalle file amiche: non mancano i sospettosi che menzionano il fatto come un suo tentativo di diserzione. Viene condotto a Mantova.

1440
Feb. Lombardia

E’ liberato in cambio di Carlo Gonzaga, catturato dallo Sforza nella medesima battaglia di Tenno.

Mar. 650 cavalli Veneto Marche e Romagna

Si reca a Venezia con 400 cavalli della sua compagnia ed altri 200 dello Sforza; ritorna a Cesena con il rinnovo e l’aumento della condotta. Si incammina su Fano per affrontarvi Baldaccio d’Anghiari: viene assalito dal Piccinino che occupa Meldola. Il  Malatesta è costretto a venire a patti con il capitano visconteo cui deve dare  in pegno le rocche di Cesena, di Montefiore Conca e di altre due località. Su pressione  del Piccinino è obbligato con il fratello Sigismondo Pandolfo a riconciliarsi con Guidantonio da Montefeltro.

Apr. Marche

Viene firmato a Gubbio l’accordo con i Montefeltro. Raggiunge Fano.

Lug. Romagna e Emilia

Con la sconfitta del  Piccinino ad Anghiari il  Malatesta lascia Cesena, tocca Forlì (dove si reca a salutarlo  Antonio Ordelaffi) e raggiunge Ferrara. Si allea con Guidantonio Manfredi; a fine mese rientra via mare nei suoi stati.

Ago. Milano Firenze Chiesa 300 cavalli Romagna  Lombardia

Cambia coalizione, gli viene restituita Meldola e passa al soldo dei ducali: nei capitoli della condotta gli è, tuttavia, consentito di fornire vettovaglie alle  genti dei fiorentini ed a quelle del legato, il patriarca Ludovico Scarampo. A Milano.

Ott. Romagna

In Romagna. Fronteggia gli avversari verso Forlimpopoli. Si unisce con il Manfredi; i pontifici abbandonano la località. Con il ritiro dei fiorentini verso la Toscana si reca a Cesena; per strada si ferma a Forlì ospite di Antonio Ordelaffi.

Dic. Emilia

A Bologna; raggiunge Forlì ed i suoi possedimenti per la pausa invernale.

1441
Feb. Romagna

Ottiene Rocca delle Caminate da Roberto da Montalboddo.

Apr. Romagna

Entra alla difesa di Forlì in soccorso dell’Ordelaffi.

Mag. Romagna

Si sposta a Forlì;  ignora il signore della città  (che ora è sospettato di defezionare nel campo avverso) nonostante che costui gli venga incontro per tributargli i rituali onori.

Giu. Romagna e Emilia

Viene catturato dai viscontei l’arciprete Giacomo da Modigliana, inviato a Firenze dall’Ordelaffi; l’ecclesiastico è condotto in prigione a Cesena  sfuggendo per poco alla morte. Il Malatesta invia 250 uomini alla difesa di Forlì. Egli si reca, invece, a Bologna, a Meldola ed a Faenza, ove si incontra con Francesco Piccinino ed il Manfredi per organizzare un trattato volto a togliere all’ Ordelaffi la signoria della città. A fine mese entra all’ improvviso in Forlì con Francesco Piccinino: colloca le truppe tra Russi e Villafranca ed irrompe  nel palazzo dell’ Ordelaffi che  trova a tavola. Il Malatesta esce, quindi, per la Porta di Ravaldino, si dirige a Rocca San Casciano con Francesco Piccinino e rientra ancora nel capoluogo. Fa alloggiare le sue milizie a San Martino.

Lug. Romagna

Ai primi di luglio, un giorno di festa, mentre la popolazione è dispersa nelle varie chiese a messa il Malatesta entra in Forlì con Francesco Piccinino e le sue squadre. Giunge nella piazza dove è raggiunto dall’  Ordelaffi; lo invita a salire a cavallo e lo conduce fuori città per la Porta di San Pietro con la scorta di un caposquadra del   Manfredi. L’Ordelaffi viene condotto a Bagnolo.  Il signore di Forlì è nel frattempo liberato a Forlimpopoli dai suoi fautori. Il Malatesta si volge allora contro la città; è respinto dalla Porta di San Pietro per cui può entrare in Forlì solo per il castello di Ravaldino. Gli abitanti   si organizzano e riescono ad allestire nelle strade cittadine trincee e ripari nonostante che dalla rocca si spari con i cannoni contro di essi.  Il Malatesta affronta con le sue lance i cittadini; lo scontro dura quasi tutto il giorno ed al suo termine, dopo che sono state incendiate molte case, Francesco Piccinino si ritira a San Martino, mentre il Malatesta deve riparare a Meldola.

Sett.

Si accosta a Federico da Montefeltro che già da tempo milita con i ducali.

1442
Mar. Emilia

Partecipa a Bologna ad una giostra con il Manfredi e Ludovico Malvezzi.

Mag. Chiesa Sforza Romagna

Milita ancora al soldo del papa Eugenio IV. Dal faentino penetra nel forlivese per lottare  agli ordini del  Piccinino contro lo Sforza ed il fratello Sigismondo Pandolfo. Ospita a pranzo a Cesena il Piccinino.

Lug. Marche

Assale Sarnano.

Ago. Marche

Si accampa sul Metauro con il Piccinino;  assedia in Fano lo Sforza ed il fratello Sigismondo Pandolfo.

Nov.  Umbria

Affianca il Piccinino alla conquista di Assisi.

Dic. Romagna Si accorda con il fratello a Cesenatico per quanto riguarda la spartizione degli stati malatestiani.
1443
Gen. Romagna Marche

A seguito dell’accordo di pace si incontra con il fratello a Cesena;  gli restituisce la visita a Rimini. Subito dopo si dirige ad Urbino e, da ultimo, fa visita al Piccinino al campo pontificio.

Feb. Marche

Si porta ad Urbino per i funerali del suocero Guidantonio da Montefeltro.

Mar. Marche

Si incontra ancora con il fratello tra Fano e Rimini.

Apr. Emilia

Si reca a Ferrara e si fa promotore di una tregua tra il fratello ed il nuovo conte di Urbino, Oddantonio da Montefeltro.

Ago. Emilia

Riprende il conflitto ed opera alcune scorrerie tra Rimini e Pesaro con il Piccinino e Federico da Montefeltro. All’assedio di Fano.

Sett. Marche

Abbandona l’assedio di Fano, espugna Piandimeleto, si sposta sul Foglia e si ferma a Montecchio (Treia). Passa alla difesa di Recanati.

Nov. Marche e Romagna

Con Roberto da Montalboddo, Angelo di Roncone e Pietro da Bevagna (4000 cavalli) è inviato a Montelabbate per tagliare la strada allo  Sforza che cerca di congiungere le sue truppe con quelle del fratello Sigismondo Pandolfo. Gli avversari superano il guado del Foglia, si collegano con i riminesi e battono i pontifici a Montelauro. Il Malatesta si rifugia in tale castello; assalito dagli sforzeschi, ripara a Cesena.

1444
Gen. Marche

Si accampa a Sant’Elpidio a Mare.

Feb. Marche

Si impossessa di San Marino: abbandona la località dopo un giorno.

Mar. Marche

Tenta di impadronirsi Arcevia; ritorna a Sant’Elpidio a Mare, occupa un castello sul litorale e se ne allontana dopo alcuni giorni.

Apr. Emilia Romagna

Si reca da Ferrara a Rimini. Si ricongiunge con le truppe del Piccinino.

Giu. Marche

Il Piccinino lo lascia a Recanati.

Lug.

Il cognato Oddantonio da Montefeltro viene ucciso ad Urbino. La moglie Violante si trova in una delle stanze attigue in cui di verifica l’omicidio. E’ probabile che i fatti avvenuti in tale notte siano all’origine del voto di castità fatto da Violante alla Vergine in cambio dell’avere salva la propria vita e quella delle sorelle Agnese e Sveva.

Ago. Marche

Ottiene a patti Castelfidardo; consiglia Francesco Piccinino ad accettare lo scontro con gli avversari a Montolmo (Corridonia). Con Roberto da Montalboddo respinge agli inizi gli sforzeschi; Alessandro Sforza, Dolce dell’Anguillara e Manno Barile lo colgono alle spalle a seguito di un movimento aggirante. Messo in fuga, ripara a Montecosaro con Roberto da Montalboddo, indi a Recanati dove giungono anche Jacopo Piccinino e Giacomo da Caivana.

Sett. Marche

Contrasta  lo Sforza con Angelo di Roncone e Roberto da Montalboddo.

………… Marche

Affronta sempre lo Sforza nel fermano.

1445
……….

Il cardinale Scarampo, patriarca di Aquileja, su ratifica del pontefice assegna alla moglie Violante i castelli di Montegelli, Savignano sul Rubicone e Rontagnano.  Federico da Motefeltro si oppone alla decisione.

Mag. Marche

A Pesaro con il fratello.

Giu. Chiesa Sforza Romagna

Coadiuva il fratello Sigismondo Pandolfo (che ha mutato partito) ai danni dello Sforza e di Federico da  Montefeltro.

Lug. Romagna e Marche

Si imbarca a Rimini con Taliano Furlano, Giacomo da Caivana e Roberto da Montalboddo nella flotta aragonese di Bernardo Villamarina. Si dirige alla volta di Fano dove è previsto il concentramento delle forze alleate.

Sett. Marche

A Senigallia.

Ott. Marche

A Fano. Si accampa ad Osimo con Taliano Furlano, il fratello ed il Montalboddo.

Nov. Marche Mette a sacco Ripalta.
1446
Giu. Romagna

Esce da San Giovanni in Marignano per collegarsi in Umbria con il fratello Sigismondo Pandolfo.

Lug. Marche

Si muove tra Fossombrone e Fano;  partecipa al consiglio di guerra in cui si decide di proseguire la campagna fino alla cacciata dello Sforza dalla marca d’ Ancona. Occupa Monticello.

Ago. Marche

Conquista Montefabbri; ottiene nel Montefeltro i castelli di Monte Cerignone, di Montegaudio e di Soanne (Pennabilli).

Sett. Marche

Lascia i territori di Fano e di Senigallia, punta su Osimo e si impossessa di Arcevia.

Ott. Romagna

Batte a Montelauro Dolce dell’ Anguillara: nel combattimento fra gli sforzeschi sono uccisi 50 fanti; sono catturati tre capisquadra e 40 uomini d’arme.

Nov. Marche

Saccheggia Ripalta e dà alle fiamme la località.

1447
Feb. mar. Napoli Firenze 400 cavalli

Al termine del conflitto addiviene, sempre con il fratello, ad una tregua con Alessandro Sforza e Federico da Montefeltro. Passa agli stipendi del re di Napoli Alfonso d’Aragona. Si aggravano nel frattempo le sue condizioni di salute a causa alla ferita alla vena ad una gamba. Un salasso lo riduce quasi a fin di vita.

Giu. Romagna

Federico da Montefeltro riconosce al Malatesta i 7000 ducati relativi alla dore della sorellastra Violante. Negli stessi giorni il Malatesta è colpito da un’emorragia alla gamba per cui viene condotto da Cesena a Rimini per esservi curato dal medico Giovanni di Marco. A seguito dell’intervento diviene zoppo.

Ago. sett. Romagna

Rientra a Cesena. A settembre il papa Niccolò V ingiunge al Montefeltro di ottemperare al suo impegno per quanto riguarda la dote della sorellastra.

1448
Gen.

Alessandro Sforza sposa la sorella di Violante, Sveva da Montefeltro. Nel corso dell’anno il pontefice concede ai due fratelli Malatesta il vicariato di Cervia.

1449
Gen. Con il fratello è compreso negli accordi di pace tra Venezia e lo Sforza.
Lug. Rimini

A Rimini, di ritorno dai bagni termali.

1450

Ago. Lazio

Accompagna a Roma l’imperatore Federico d’Austria; il papa Niccolò V gli dà il permesso affinché il territorio di Cervia sia unito con quello di Cesena sotto forma di vicariato.

1451 Firenze Napoli 400 cavalli e 100 fanti

Si rappacifica con il fratello che gli cede i diritti su Montegrimano, Ripalta e Monteboaggine. Combatte gli aragonesi con il fratello Sigismondo Pandolfo.

1452
Sett. ott. 400 cavalli Toscana

Si reca a Firenze ove è accolto benevolmente.

1453
Feb. Dona il castello di Linaro a Giangaleotto Aguselli.
Ago. 500 cavalli e 100 fanti Romagna Gherardo Gambacorta vende Bagno di Romagna agli aragonesi. Nella regione irrompe Sante Carillo alla testa di 300 cavalli e 400 fanti. I fiorentini sollecitano il suo intervento. Invia soldati all’assedio del castello di Bagno di Romagna per i quali il commissario fiorentino Giuliano Ridolfi gli fa avere 1500 fiorini per le loro paghe. Rifornisce gli alleati  di bombarde e di munizioni. Lo coadiuvano nelle operazioni ai danni degli avversari anche Taddeo Manfredi, che si porta a Galeata, e Pier Nofri da Montedoglio.
1454
Apr. A seguito degli accordi che fanno seguito alla pace di Lodi tra lo Sforza ed i veneziani cede alcune terre al fratello, con il quale, peraltro, continuano le schermaglie per la ridefinizione dei confini teritoriali tra Cesena e Rimini.
Lug. Si rappacifica con il fratello con la mediazione di Borso d’Este.
Ago. Romagna Viene inaugurata nel convento di san Francesco a Cesena la biblioteca da lui voluta.
1455
Mag. Romagna

Con Borso d’Este favorisce Jacopo Piccinino nella sua scorreria nel senese: si incontra a Forlì con il condottiero e lo spinge ad attaccare il fratello Sigismondo Pandolfo nel riminese.

1456
Mag.

Si accorda con il Montefeltro al fine di non essere coinvolto nel conflitto che oppone quest’ultimo al fratello.

Lug. Romagna

Si rappacifica una volta di più con il fratello Sigismondo Pandolfo a Cesenatico.

1457
Mag.

Si allea con il Montefeltro contro Sigismondo Pandolfo.

Nov. Marche e Romagna

Sempre con Borso d’Este, cerca invano di fare desistere Jacopo Piccinino dall’ attacco portato con il Montefeltro ai danni del fratello Sigismondo Pandolfo. Si incontra con tale condottiero a Fossombrone.  Tenta di indirizzarne  l’ambizione, volta a ritagliarsi una signoria, dalla Romagna ad altri obiettivi come Bologna o  altre località dello stato della Chiesa. Domenico Malatesta si reca anche ad Urbino;  il suo colloquio con il Montefeltro risulta parimenti infruttuoso. Rientra a Cesena.

1458
Feb. Romagna Invia Goffredo d’Iseo come oratore dal re di Napoli Alfonso d’Aragona per trattare la pace tra il sovrano ed il fratello Sigismondo Pandolfo.
1459
Giu. Il papa Pio II da Mantova gli ingiunge di lasciare tutte le sue terre del Montefeltro in cambio di altri feudi.
1460
Gen. feb. Romagna

Si incontra con Jacopo Piccinino a Cesena cui  fornisce ospitalità alle sue truppe nel cesenate. A febbraio fa in modo che l’esercito di tale condottiero possa mettersi in marcia verso la Marca.

Ott. Romagna

Coadiuva il fratello a recuperare il castello di Mondaino ai danni dei pontifici.

Dic. Romagna

Il giorno di Natale viene con il fratello Sigismondo Pandolfo scomunicato  e bandito come ribelle da Pio II per l’aiuto fornito a Jacopo Piccinino: la motivazione ufficiale è il ritardato pagamento del censo alla Camera Apostolica e nell’essere venuto meno ai suoi obblighi di fedeltà verso lo stato della Chiesa.

1461
Apr.

E’ nuovamente scomunicato dal papa per non avere voluto pagare il censo pregresso.

Dic.

I 2 fratelli Malatesta sono privati da Pio II dei vicariati dei loro possedimenti.

1462
………. Romagna

Per ottenere la pace con i pontifici promette di pagare alla camera Apostolica i censi dovuti (2000 fiorini), di restituire alcune terre a Carlo Malatesta da Sogliano, di osservare tutti gli obblighi connessi al suo vicariato. Da parte sua ottiene la restituzione di Rocca delle Caminate e di Civitella di Romagna. A causa delle difficoltà economiche vende il castello di San Giorgio e 2 mulini al nobile veneziano Andrea Dandolo.

Dic. Cesena Chiesa Romagna

Viene assalito dai pontifici comandati da Astorre Manfredi (500 cavalli e 1000 fanti). Cattura Cocco Malatesta e gli confisca i beni, che concede al suo capitano Francesco da Tiano.

1463
Mar. Romagna

Viene scomunicato una terza volta con il fratello Sigismondo Pandolfo.

Mag. Romagna

Vende Cervia e le sue saline alla Serenissima per 4000 ducati e la fornitura di 2000 sacchi di sale. Ciò provoca un’ulteriore irritazione di di Pio II nei suoi confronti.

Giu. lug. Romagna I pontifici assalgono il cesenate. Preferisce arrendersi senza condizioni prima della definitiva sconfitta militare sul campo.
Ago. nov. Romagna

A novembre ratifica l’accordo di pace con lo stato della Chiesa già stipulato a Tivoli alla fine di agosto. Gli sono restituite dai pontifici Longhiano e Gatteo; rimane signore di Cesena, di Bertinoro e di Meldola dietro la promessa, da parte sua, che tali possedimenti alla sua morte devono ritornare allo stato della Chiesa nel caso che non abbia come erede alcun figlio maschio legittimo. E’ costretto a riconoscere i propri errori, a chiedere perdono al papa accettandone gli amici ed i nemici come propri (tra costoro, in particolare, il fratello). Si impegna a pagare alla Camera Apostolica i censi arretrati (4600 fiorini) entro il termine di venti mesi e di restituire a Cocco Malatesta ed a Carlo Malatesta da Sogliano le terre loro tolte in precedenza.

1464
Nov. Romagna Accoglie a Cesena Jacopo Piccinino, che da Milano è diretto a Napoli. Inutilmente lo mette in guardia nei confronti del re di Napoli Ferrante d’Aragona.
1465
Gen. Romagna

Alla falsa notizia della morte del fratello in Morea, benché sofferente di gotta, desidera portarsi a Rimini alla difesa dello stato malatestiano: ne è dissuaso dai famigliari per cui invia nella città solo 50 fanti. La cognata Isotta degli Atti lo accusa apertamente di favorire alla signoria di Rimini il nipote Roberto.

Lug. Romagna

Cerca di salvare la vita a Jacopo Piccinino allorché tale condottiero viene incarcerato in Napoli dal re Ferrante d’Aragona. Intercede su Francesco Sforza e dà riparo alle schiere braccesche (capitanate da Silvestro da Lucino) allorché queste vengono svaligiate dagli aragonesi. Giace gravemente ammalato. I pontifici si preparano ad occupare Cesena. Il Malatesta designa in segreto come suo successore il nipote Roberto.

Nov. Romagna

Muore a fine mese a Bellaria. E’ sepolto a Cesena, fuori la porta  laterale destra della chiesa dei frati conventuali di San Francesco, nello stesso luogo dove è stato deposto lo zio Andrea. Orazione funebre di Fazio Uberti. Nel 1812 la salma sarà trasportata nella Biblioteca Malatestana. Gli si devono attribuire le grandi opere che hanno dato a Cesena quell’impronta malatestiana che ancora oggi caratterizza la città nella parte storica del centro urbano. Le sue realizzazioni sono notevoli, numerose e comprese in un arco di tempo piuttosto breve. Infatti in meno di trenta anni ha ordinato la costruzione del convento di Santa Maria per i frati dell’Osservanza,  lavori per il rafforzamento della Rocca Malatestiana e l’allargamento della cinta muraria della città,  l’ultimazione del ponte di pietra sul fiume Savio, lo scavo di una galleria sotto il Monte della Brenzaglia per farvi scorrere il canale omonimo ed alimentare in tal modo i mulini posti sull’altro versante, la costruzione della diga di Mulino Cento, l’ultimazione del castello di San Giorgio, la costruzione dell’Ospedale della Santa Croce, della chiesa di Santa Caterina e, soprattutto, presso il convento di San Francesco della famosa biblioteca  (Biblioteca Malatestiana) ricca di 345 manoscritti. Il cantiere è diretto da Matteo Nuti. Nell’edificio il Malatesta volle che fosse riportata l’insegna dell’elefante, analogamente al motivo che adorna il Tempio Malatestiano di Rimini: l’elefante che abbellisce la biblioteca è cinto da una fascia sulla quale è inciso il seguente motto “Elephas indus culices non timet.” Ospita a Cesena Francesco Filelfo; in corrispondenza con Poggio Bracciolini. Flavio Biondo gli dedica la redazione primitiva della “Regio sexta dell’Italia illustrata, la Romandiola.” Medaglione del Pisanello.

 CITAZIONI

“Il vero signore e perfetto gentiluomo, il principe che ogni popolo può desiderare.” FILELFO

“E’ stato costretto dalla necessità a essere un pò meno scellerato, e ciò perché, tormentato dai dolori dell’artrite, non potè sfogare come avrebbe voluto la sua innata malvagità. Egli tuttavia coltivò ogni genere di libidine e disprezzò la santa religione.” PICCOLOMINI

“Obbligato dalla sua condizione alla guerra, una sfortunata serie di calamità fisiche lo aveva distolto giovane dai campi di battaglia: a una frattura multipla di entrambe le gambe, provocata da una caduta da cavallo, seguì lo sviluppo delle varici. e a questo il maldestro intervento di un chirurgo greco, che finì per lascarlo rattrappito.” COUSTE’

“Letterato e virtuoso.” ALBERTI

Con Alessandro, Giovanni e Leone Sforza, Roberto da San Severino “Uomini eccellentissimi in fatti d’armi.” SABELLICO

“Era huomo pieno di humanità, come quello che havendo nella sua gioventù fatto studio nelle lettere, s’era addolcito con la lettione delle cose humane e specialmente della historia, della quale eommamente si dilettava.” SANSOVINO

“Fu il Novello uomo piissimo e gran benefattore di chiese e monasteri, ciò che non gl’impedì di far guerra al pontefice quando lo credé vantaggioso ai propri interessi. I sudditi lo accusarono di essersi mischiato troppo a fare sposare le fanciulle ricche ed ereditiere ai suoi cortigiani e ai suoi soldati, non risparmiando all’uopo la violenza, e li addebitarono di aver gettato la prima scintilla che fece divampare gli odii tra i Martinelli e i Tiberti che tanto insanguinarono Cesena dopo.” LITTA

“Bella figura di principe, questa, che un ritratto ci raffigura di aspetto gentile, dal profilo energico, dallo sguardo intelligente: religioso, ma non bigotto, pieno d’iniziativa, ma non turbolento e impaziente di cose nuove.” NISSIM ROSSI

“Soldado..solicitto assae e gagliardo.” G. DI M. PEDRINO

“Bravo Capitano.” COLUCCI

Con Federico da Montefeltro “Tra i Conduttieri più abili.” TONDUZZI

“Nec minus insigni sese germanus honore/ Extulit ante alios Malatesta Novellus, et armis/ Hic quoque depositis tua munera, pulcher Apollo,/ Castaliis musas primus deduxit ab antris.” Dai versi di BASINIO PARMENSE raccolti dallo ZAZZERI

“A coté de Sigismond, Malatesta Novello reste une figure; il avait su gagner l’affection de ces sujets et attirer l’attention de toute l’Italie sue cette petite ville de Cesena, dont la renoummée intellectuelle était en disproportion avec l’exiguité de son territoire.” YRIARTE

“Fo un degno signore, magnanimo, cortese, bellicoso e amatore di iustitia; la fortuna lo percosse nella sua fiorita etade di malatia, del quale ne fo gran mancamento, che secondo le sue vestige avaria fatto al mondo di gran fatti.” BROGLIO

“Fu molto eggreggio in ogne sorte di virtù et erra reputato cavaliero honoratissimo, qual seguitò gran tempo la militia bracesca con il Picinino per effetti di gran prudenza et valore.” PARTI

“Nelle sientie et fatti d’arme preclarissimo.” FANTAGUZZI

“La sposa era virtuosissima, d’incomparabile bontà e religione e… spendeva la maggior parte del tempo in orazione e per astinenza non volle mai bever vino. Alcuni Cesenati riferiscono, per sicura tradizione, che ella aveva votato la sua verginità al Signore Iddio; e che essendone fatto consapevole Malatesta, anch’esso compagno in devozione, la compiacesse, soddisfacendosi di non conoscerla mai carnalmente, benché fosse stata dispensata dal voto dal papa ad intercessione di gran signori, acciocché con questa parentela (con i Montefeltro) si estinguesse l’odio antico di queste due case.” CLEMENTINI

“Fra quelle (iniziative) prese (dalla moglie) Violante ci fu il dono di un terreno sul quale fu edificato il convento dei minori osservanti. La costruzione di una biblioteca fu invece il progetto al quale il Malatesta pensò fin dal 1447 e che fu realizzato dal 1452 al 1454, grazie ai frati minori che accettarono di ospitare all’interno del loro convento, e grazie all’appoggio di papa Niccolò V, che consentì un lascito a favore della costruzione stessa, e grazie all’apporto di personalità provenienti in parte dal territorio del dominio, come l’architetto Matteo Nuti di Fano, il medico Giovanni di Marco di Rimini, il frate Francesco da Figline, che fu il primo bibliotecario. Il finanziamento venne dalle casse del signore, che non impose ai Cesenati contributi per quella spesa, la quale riguarda, oltre che la costruzione della sala e dei plutei, l’acquisto di libri e la realizzazione di nuove copie, oltre alla costituzione di contributi da destinare a dieci frati studenti in sacris o, in loro mancanza, a studenti laici. La documentazione recente conferma quanto gli studiosi avevano già ipotizzato circa l’approvvigionamento di greggi di pecore destinate alla produzione di pergamena. le relazioni del Malatesta con i signori delle città italiane in cui si stavano costruendo biblioteche, come Cosimo I de’ Medici a Firenze e gli Este a Ferrara, agevolò la possibilità di procurare libri da copiare, magari anche emendati filologicamente, come avveniva appunto a Ferrara per merito di Guarino Guarini. La frequentazione di personalità come Francesco Filelfo, Poggio Bracciolini, Biondo Flavio, Pier Candido Decembrio, Biasino da Parma, Giovanni Marcanova, alcuni dei quali dedicarono al Malatesta le loro opere fornisce la dimostrazione dell’ambito nel quale egli si inserisce e della curiosità intellettuale da lui manifestata.” P.G. FABBRI

“Cessa la carriera militare del Novello: con una scelta non meno ardita che coraggiosa smette le vesti del condottiero per assumere quelle dell’umanista, dando l’avvio a una vera e propria “conversione” culturale, probabilmente appaiate (come manifestano, senza alcun dubbio, le opere dei suoi nuovi “giorni”; un ruolo – forse neppure modesto -di Violante in tale mutazione è certamente ipotizzabile ma non misurabile. Di contro, i rapporti culturali con le maggiori corti italiane diventano sempre più frequenti, come si evince dai documenti.” ERRANI-MENGOZZI

Sulla sua tomba è riportata la seguente iscrizione “D.M.S./ Principum/ Malatestar./ Senioris/ Novelli que/ Cineres/ Quos domi/ Et foris/ Clariss. virtus/Caelo dicavit.” Sempre all’epoca della sua morte risale l’epitaffio scolpito sul sepolcro “Conditor heic, heu! Heu! Princeps Malatesta Novellus/ Mors heu! Debuerat abstinuisse manus/ Palladis hic vere fuit et Mavortius heros,/ Huic erat latio maxima fama ducis;/ Nec minus hic postquam est augusta sede receptus/ Inter, et herous fama benigna viget.”

 

   BIOGRAFIE SPECIFICHE

-AA.VV. Malatesta Novello magnifico signore.

-P. Errani – M. Mengozzi. Malatesta Novello Malatesti signore di Cesena.

 

Print Friendly, PDF & Email