DOMENICO DA SIENA

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Cerca nel sito:

Condottieri di ventura

1851      DOMENICO DA SIENA  (Domenico Ruffaldi) Di Siena. Conte di Sora. Signore di Capistrello, Arce, Pescocanale e Canistro. Padre di Antonello Ruffaldi, nipote di Villanuccio da Villafranca e di Berardo da Recanati.

1350 ca. – 1392 (agosto)

Anno, mese Stato. Comp. ventura Avversario Condotta Area attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1373 Venezia Padova  

 

Veneto
1380  

 

 

 

 

 

 

 

Lug. Durazzo Napoli  

 

Campania

Partecipa a Napoli alla battaglia di Porta Capuana in cui è battuto Ottone di Brunswick. Nello stesso mese il conte di Nola e Soleto Nicola Orsini gli fa avere in pegno la terra dell’Isola di Ponte Scellerato in Terra di Lavoro.

Dic.  

 

 

 

 

 

Lazio

Ottiene in feudo da Carlo di Durazzo la rocca di Arce.

1383  

 

 

 

 

 

 

 

Feb. Napoli Angiò 50 lance Lazio

Opera in val di Cumiro e presso l’abbazia di San Germano (Montecassino).

………  

 

 

 

 

 

Campania

Muove con Angelino d’Austria contro i della Ratta, conti di Caserta; alla difesa di costoro interviene Bernardo della Sala: quest’ultimo si impadronisce a sue spese di Mignano Monte Lungo.

Nov.  

 

 

 

 

 

Puglia

Prende parte all’assedio di Barletta;  entra nella città ai primi del mese. Cattura Francesco della Ratta e consegna il prigioniero alla regina Margherita d’Angiò in cambio di 2500 ducati.

1384  

 

 

 

 

 

 

 

Apr.  

 

 

 

 

 

Puglia

A Barletta con Carlo di Durazzo.

Sett.  

 

 

 

 

 

Campania

Gli sono concessi in feudo i beni di alcuni ribelli siti in Terra di Lavoro quali la rocca dell’isola di Ponte Scellerato. Si sposta negli Abruzzi per bloccare il passo ad Enguerrand de Coucy giunto in soccorso di Luigi d’Angiò.

1387  

 

 

 

 

 

 

 

Dic. Napoli Angiò  

 

Campania

Con Berardo da Recanati (500 cavalli) scorre le campagne attorno Napoli seminando morte e distruzione fin quasi sulle porte della città.

1388  

 

 

 

 

 

 

 

Gen.  

 

 

 

 

 

Campania

Esce da Aversa con Berardo da Recanati e Nello da Camerino alla testa di 400 fanti e 1000 cavalli; si unisce con il conte di Alife, Giacomo Stendardo e Roberto Orsini  (in complesso 3000 cavalli e 4000 fanti) e si dirige a Caivano mentre Ottone di Brunswick, militante anch’egli con i durazzeschi, colloca i suoi alloggiamenti presso Nocera. Decide di puntare su Napoli con Berardo da Recanati, si ferma con 500 cavalli ad Afragola e danneggia il territorio circostante fino a Casa Nova: vengono loro incontro il conte di Caserta Francesco della Ratta ed il fratello di quest’ultimo Sandalo  che conducono molte compagnie di cavalli tedeschi e bretoni. Sconfitto con la perdita di 40 lance, Domenico da Siena è costretto a ritirarsi. E’ inseguito dagli avversari sino ad Afragola.

….. Abruzzi Lascia l’incarico di viceré degli Abruzzi ad Andrillo Mormile.
1389  

 

 

 

 

 

 

 

Mag.  

 

 

 

 

 

Campania

Affianca il Brunswick ad Acerra.

1390  

 

 

 

 

 

 

 

Giu. lug.  

 

 

 

 

 

 

 

Ladislao d’Angiò gli conferma i feudi di San Giovanni Incarico e di Ambrifio, confiscati al ribelle Niccolò Spinelli nonché quelli di Capistrello, Pescocanale, Camelo, Canistro appartenenti alla contea di Albe ed una parte dei castelli di Casalvieri e di Monte Attico, già feudi della moglie  Caterina Caracciolo. Gli è pure riconosciuta una provvigione annua di 1000 once d’oro. A luglio concede in prestito 5000 ducati ad Ugo Orsini ed ottiene in pegno la terza parte del casale di Casaluccio in Terra di Lavoro.

1391  

 

 

 

 

 

 

 

Nov. Napoli Angiò Capitano g.le Abruzzi

Affronta gli avversari con Angelino d’Austria.

1392  

 

 

 

 

 

 

 

………  

 

 

 

Maresciallo Campania

E’ nominato conte di Sora e maresciallo del regno.

Mag.  

 

 

 

 

 

Campania

Esce da Aversa per congiungersi con Giannello Tomacelli a Castellamare di Stabia appena conquistata dagli alleati pontifici. Lascia ancora  Aversa con Giacomo Stendardo ed assale nel piano di Afragola la torre di Carluccio Minutolo; depreda il contado fino a Casanova distruggendo i raccolti di fave e di miglio.

Ago.  

 

 

 

 

 

Lazio

Rapisce nel castello di Isola del Liri una vedova appartenente alla famiglia dei conti di Celano. Giorni dopo Paolo da Celano, nipote della nobildonna, irrompe nel palazzo dove Domenico da Siena risiede con la donna e lo uccide straziandone il  corpo.

NESSUNA CITAZIONE

Print Friendly, PDF & Email
Previous articleDANESE DA SIENA
Next articleETTORE SAVORGNANO Di Udine
Roberto Damiani
Roberto Damiani è l'autore del sito Condottieri di ventura.
Print Friendly, PDF & Email