CHERUBINO DA PERUGIA

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Cerca nel sito:

Condottieri di ventura

1427      CHERUBINO DA PERUGIA  (Cherubino degli Ermanni o della Staffa) Fuoriuscito. Signore di Città della Pieve. Cognato di Braccio di Montone.

+ 1445 (dicembre)

Anno, mese Stato. Comp. ventura Avversario Condotta Area attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1398
Sett. Chiesa Marche

Milita agli stipendi del rettore della Marca Ludovico Migliorati. Staziona nella regione  per riscuotere le taglie imposte alle varie città.

1412
Sett. Antipapa Napoli Marche

Combatte al servizio dell’ antipapa Giovanni XXIII. A Macerata con 200 cavalli per riscuotere le taglie imposte ai cittadini.

Dic.

Con 150 cavalli respinge da Macerata un attacco portato da Andrea Malatesta, riuscito ad avanzare fino alla piazza maggiore.

1413
Feb. Marche

Per la sua recente vittoria i maceratesi gli donano 40 ducati per l’acquisto della metà di una cavalcatura; il resto della spesa gli viene riconosciuto dal cardinale Giordano Orsini.

1415
Gen. Fermo Rimini

Combatte i Malatesta al soldo del marchese di Fermo Ludovico Migliorati. Con Ludovico da Buscareto e Bernardino degli Ubaldini della Carda ha il comando di 200 lance.

1416
Giu. Montone Perugia Umbria

Con Micheletto Attendolo (400 cavalli e 200 fanti) affianca Braccio di Montone contro i perugini. Conquista Passignano sul Trasimeno, l’Isola Maggiore, Monte Gualando e Vernazzano.

Lug. Umbria

Prende parte alla battaglia di Sant’Egidio/Umbertide dove ha il comando della retroguardia in cui sono inseriti molti fanti che hanno l’incarico di uccidere le cavalcature degli avversari colpendole alla pancia. Con la sua azione mette in fuga Angelo della Pergola e dà un notevole contributo alla vittoria. Rimane ferito nel corso del combattimento.

Ago. Umbria e Lazio

Batte a Colfiorito le milizie di Paolo Orsini;  subito dopo asseconda il  Tartaglia nel Patrimonio per occupare le terre del condottiero ucciso in Umbria.

1418
Estate Perugia Montemarte Umbria

Occupa Montegabbione e di Monteleone d’Orvieto ai danni del conte Ugolino da Montemarte.

1420
Feb. Toscana

Accompagna il Montone a Firenze allorché il condottiero perugino si reca nella città per rendere omaggio al papa Martino V.

Dic. Umbria

A Perugia, ancora al fianco del  Montone in occasione delle nozze di quest’ultimo con Nicolina da Varano.

1422
Sett. Umbria

Viene nominato governatore a vita di Castel della Pieve (Città della Pieve).

1424
Giu. Umbria

Aiuta Oddo di Montone a divenire signore di Perugia in seguito alla morte del padre Braccio nella battaglia di L’Aquila. E’ suo ambasciatore presso Guidantonio da Montefeltro ed a Montone. A fine mese arresta a Città della Pieve Bandino Bandini ed altri cittadini per contrastare un’eventuale rivolta: nonostante la misura preventiva scoppiano lo stesso  tumulti ai suoi danni.  E’ costretto a liberare i congiurati.

Ago. Lazio

Viene convocato a Roma dal pontefice Martino V con Ruggero Cane Ranieri, Malatesta Baglioni e Giacomo degli Arcipreti per facilitare la sottomissione di Perugia allo stato della Chiesa.

Ott.  nov. Lazio ed Umbria

A Roma, per ottenere dal papa il riconoscimento del possesso di Città della Pieve; ricevuta risposta negativa, rientra a Perugia.

1425
Feb. Umbria

Con  Ruggero Cane Ranieri  ed il Baglioni ha l’incarico dal legato pontificio di portare la pace in Assisi dilaniata dalle lotte tra i fuoriusciti  ed Averardo e Guido de Nepis.

Apr. Umbria

Deve consegnare Città della Pieve ai pontifici.

Ago. Lazio

E’ inviato dai perugini come ambasciatore presso Martino V perché la città è minacciata dai fuoriusciti.

1430 Umbria Sposa Caterina Tomacelli, nipote del signore di Foligno Corrado Trinci.
1431 Umbria

I perugini fanno pressioni sul nuovo papa Eugenio IV affinché gli sia riconosciuta la provvigione annua di 150 ducati concessagli dal suo predecessore Martino V per la consegna di Città della Pieve allo stato della Chiesa.

1434
Apr. Toscana

Si reca a Bagni di Petriolo per incontrarvi  Niccolò Piccinino che si sta curando in tale località.

Ago. Umbria

Ha nuovi colloqui con il Piccinino a Perugia.

1435
Gen. Umbria

Ha l’incarico della sorveglianza di una porta di Perugia.

1437

I perugini fanno pressione sul papa affinché sia scelto un arbitro per mettere fine ad una lite che Cherubino da Perugia ha in corso con  la comunità di Città della Pieve.  Gli abitanti della località non vogliono riconoscergli alcuni emolumenti. Cherubino da Perugia è soddisfatto nella sua richiesta.

1445
Dic. Umbria

Muore a Perugia. E’ sepolto con il saio francescano.

 CITAZIONI

“Laltro fu Cherubim degno d’Historia/ Fra tutti gli altri de fama honorata/ Che puom suoi aderenti darne gloria.” CAMBINO ARETINO

Capitano di valore.” CRISPOLTI

Con Bernardino degli Ubaldini e Ludovico da Buscareto “Uomini valorosi ed usi alle armi.” A. MARINI

 

Print Friendly, PDF & Email
Roberto Damiani
Roberto Damiani è l'autore del sito Condottieri di ventura.
Print Friendly, PDF & Email