CESARE GROSSO

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Cerca nel sito:

Indice delle Signorie dei Condottieri: ABCDEFGIJLMNOPQRSTUVZ

Condottieri di ventura

0822      CESARE GROSSO  (Cesare Fioroni)  Di Ravenna.

               + 1565 ca.

Anno, mese

 

Stato. Comp. ventura

 

Avversario

 

Condotta

 

Area attività

 

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

 

1520

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sett.

 

 

 

 

 

 

 

Romagna

 

Fa parte per il bimestre settembre/ottobre della Magistratura dei Savi di Ravenna.

1522

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lug.

 

 

 

 

 

 

 

Romagna

 

Gurlotto Tombesi è ucciso a Ravenna.  Le case di Cesare Grosso vengono saccheggiate dai partigiani dei Rasponi.

1523

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Gen.

 

 

 

 

 

 

 

Romagna

 

Ricopre ancora nel bimestre gennaio/febbraio incarichi nella magistratura ravennate.

1526

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Mar.

 

 

 

 

 

 

 

Romagna

 

Riveste nuovamente nel bimestre  incarichi nella magistratura di Ravenna.

1527

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lug. sett.

 

Venezia

 

Impero

 

 

 

Romagna

 

Si trova alla guardia di Ravenna con Pietro Maria Aldovrandini; con la conquista da parte dei veneziani della rocca cittadina, assedia quella di Imola che ottiene dai guelfi locali. Si sposta, quindi, a Cotignola (alla cui difesa si trovano numerosi imperiali);  è sul punto di impadronirsi anche di tale fortezza. Viene ferito gravemente nell’azione.

Ott.

 

 

 

 

 

 

 

Lombardia

 

Prende parte all’assedio ed alla conquista di Pavia;  con Pietro Maria Aldovrandini trasporta a Ravenna le porte in bronzo della città.

1528

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Apr.

 

 

 

 

 

150 fanti

 

Veneto

 

Allla guardia di Verona.

Mag.

 

 

 

 

 

 

 

Veneto

 

A Verona. Ha l’incarico di sorvegliare il tratto di mura intercorrente dalla porta di San Giorgio a quella di San Pietro. Quando i lanzichenecchi del duca di Brunswick puntano su Peschiera del Garda si imbarca con i suoi fanti su 20 grosse barche armate inviate dal provveditore di Salò Giovanni Gradenigo; attraversa il lago e, con Antonio dalla Riva e Pietro Maria Aldovrandini  (730 fanti), rafforza il presidio di Brescia.

Ago.

 

 

 

 

 

 

 

Lombardia

 

Attraversa l’Adda.

 

Sett.

 

 

 

 

 

 

 

Lombardia

 

Viene lasciato da Francesco Maria della Rovere a Sant’Angelo Lodigiano, appena conquistata dai veneziani.

1529

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Mag.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Al comando di 142 fanti.

Giu.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il numero degli uomini a sua disposizione decresce a 132.

Lug.

 

 

 

 

 

 

 

Lombardia

 

Si muove a Trezzo sull’Adda con Pietro Maria Aldovrandini e Giovanni Maria da Padova. Allorché gli imperiali attraversano il fiume su un burchiello si sposta anch’egli sull’altra sponda.

Sett.

 

 

 

 

 

72 fanti

 

Lombardia

 

A Cassano d’Adda.

Dic.

 

 

 

 

 

50 fanti

 

Lombardia

 

Esce da Bergamo;  si trasferisce nel contado circostante. Con la pace gli è ridotta la condotta prima a 50 fanti e poi a venti nel gennaio 1531.

1531

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Mar.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Gli è riconosciuta una provvigione di 14 ducati per paga, per 8 paghe l’anno.

1555 Impero     Lombardia E’ segnalato in Lombardia. Si lamenta per il ritardo delle paghe.

1565

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Muore.

 

NESSUNA CITAZIONE

Print Friendly, PDF & Email
Previous articleCESARE GAETANI
Next articleCRISTOFORO GAETANI
Roberto Damiani
Roberto Damiani è l'autore del sito Condottieri di ventura.
Print Friendly, PDF & Email