CESARE GAETANI

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Cerca nel sito:

Indice delle Signorie dei Condottieri: ABCDEFGIJLMNOPQRSTUVZ

CESARE GAETANI  (Cesare di Filettino) Di Filettino. Conte di Filettino.

+ 1528

Anno, mese

 

Stato. Comp. ventura

 

Avversario

 

Condotta

 

Area attività

 

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

 

1511

 

Colonna

 

Chiesa

 

Lazio

 

Appoggia Pompeo Colonna contro il papa Giulio II.

1513

 

Milano

 

Francia

 

Lombardia

 

Milita nella compagnia di Prospero Colonna; fatto prigioniero dai francesi in uno scontro,  è a lungo incarcerato nella fortezza di Pizzighettone.

1515

 

………

 

Chiesa

 

Venezia

 

Veneto

 

Segue Marcantonio Colonna alla difesa di Verona.

Nov.

 

Veneto

 

Si batte a Valeggio sul Mincio contro i veneziani;   viene gravemente ferito al volto.

1521

 

………

 

Impero

 

Francia

 

Si trova nuovamente agli ordini di Prospero Colonna. Ha forti contrasti con Sciarra Colonna;  si macchia di alcuni delitti per i quali è condannato dal papa Leone X.

Apr.

 

Gli è condonata dal papa ogni condanna precedente.

1526

 

Sett. nov.

 

Colonna

 

Chiesa

 

Lazio

 

Asseconda i Colonna contro il papa Clemente VII con il duca di Sessa Luigi Fernandez di Cordoba ed il viceré di Sicilia don Ugo di Moncada. Al comando di 2000 fanti occupa Anagni alla cui difesa si trova Niccolò da Tolentino con 200 uomini. Da qui muove verso Roma e, con 800 cavalli e 3000 fanti, si impadronisce di tre porte della città; mette a sacco il Borgo Leonino. I pontifici escono da Castel Sant’ Angelo e recuperano piazza San Pietro ed il Vaticano: nel corso dello scontro  il Gaetani è catturato nel palazzo apostolico con Marzio Orsini. Sarà poco dopo liberato. A novembre, alla testa di 160 cavalli, rompe l’assedio dei pontifici portato a Paliano.

Dic.

 

Lazio

 

Si accosta nottetempo a Roma con il conte Girolamo Tuttavilla, 200 cavalli e 2000 fanti. 30 soldati entrano nella città vestiti come pontifici e si impossessano di una porta: a Roma, un prete della fazione colonnese nasconde in una sua casa vicino alle mura 200 soldati introdotti in essa per un passaggio sotterraneo. Intervengono Niccolò da Tolentino e Gianleone da Fano che respingono i soldati nascosti nella casa: di costoro ne sono uccisi 50;  gli altri fuggono per la la via da cui sono penetrati. Sono respinti anche i soldati che si sono impadroniti della porta. Il Gaetani è così costretto a ritirarsi con le sue truppe.

1527

 

Lazio

 

Attacca invano Anagni, alla cui difesa si trova sempre Niccolò da Tolentino.

1528

 

Muore nella seconda metà dell’anno.

NESSUNA CITAZIONE

Print Friendly, PDF & Email
Previous articleCENCIO GUERCIO
Next articleCESARE GROSSO
Roberto Damiani
Roberto Damiani è l'autore del sito Condottieri di ventura.
Print Friendly, PDF & Email