CECCO ORDELAFFI Di Forlì

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Cerca nel sito:

Indice delle Signorie dei Condottieri: ABCDEFGIJLMNOPQRSTUVZ

CECCO ORDELAFFI  Di Forlì. Fratello di Pino, padre di Antonio Maria, genero di Sigismondo Pandolfo Malatesta e di Astorre Manfredi.

Signore di Forlì.

Altre immagini

cecco-ordelaffi
Medaglia per il 550° anno della morte del condottiero. In essa sono incise le seguenti parole: Cecco III Ordelaffi 1466-2016.

1435 – 1466 (aprile)

Anno, mese Stato. Comp. ventura Avversario Condotta Area attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1435 Romagna Suo padrino di battesimo è Guelfo di Dovadola. Alla cerimonia prendono parte i rappresentanti di Niccolò Piccinino, di Niccolò Fortebraccio e di Lionello d’Este.
1436  

 

 

 

 

 

 

 

Lug.  

 

 

 

 

 

Romagna ed Emilia

Vi è una sollevazione popolare in Forlì;  Cecco Ordelaffi viene allontanato dalla città. E’ condotto dal padre Antonio a Spilamberto presso i Rangoni.

1441  

 

 

 

 

 

 

 

Sett.  

 

 

 

 

 

Romagna

Può lasciare Spilamberto e rientrare a Forlì con il fratello Pino sotto la scorta di Gherardo Rangoni.

1442  

 

 

 

 

 

 

 

Mag.  

 

 

 

 

 

Romagna  Toscana

E’ costretto a lasciare la Romagna per essere inviato in ostaggio a Firenze con la madre. Il condottiero Stefano di Nardo, il futuro cardinale Stefano Nardini, lo conduce con sé a piedi fino a Castrocaro Terme.

Ago. Romagna Con il fratello Pino viene richiamato dal padre a Forlì. Sono entrambi ricevuti dai cittadini con attestati di allegria.
1447  

 

 

 

 

 

 

 

Apr. Romagna E’ deciso il suo matrimonio con Lucrezia Malatesta figlia di Sigismondo Pandolfo. Sempre nel mese è investito di Forlì dal papa Niccolò V con il padre ed il fratello Pino. La cerimonia d’investitura costa agli Ordelaffi 5000 lire.
Nov.  

 

 

 

 

 

Romagna

E’ accolto in Rimini dal futuro suocero.

1448  

 

 

 

 

 

 

 

Ago.  

 

 

 

 

 

Romagna

Alla morte per peste del padre ne è nominato erede con il fratello Pino: a causa della giovane età dei due Ordelaffi la signoria viene esercitata da un comitato di reggenza di cui ne fanno parte la madre e lo zio Ugo Rangoni.

Nov. Venezia Milano 300 cavalli Romagna Lombardia

Per impratichirsi nel mestiere delle armi lascia Bertinoro e si dirige verso la Lombardia. Combatte al servizio dei veneziani; si ferma a Bagnolo Mella; raggiunge il Malatesta a Fontanella per contrastare le truppe della Repubblica Ambrosiana.

1450  

 

 

 

 

 

 

 

Gen.  

 

 

 

 

 

Romagna

Rientra a Forlì con venti cavalli; dopo tre giorni si reca a Rimini perché sia celebrato il suo matrimonio con Lucrezia Malatesta.

Apr.  

 

 

 

 

 

Lombardia
Giu.  

 

 

 

 

 

Romagna

Affianca il Malatesta a Ravenna. Rientra a Forlì perché la guerra è finita.

1451  

 

 

 

 

 

 

 

Mag. Venezia  

 

 

 

Romagna

Ritorna agli stipendi dei veneziani che lo considerano loro raccomandato; è pure aggregato al patriziato veneto. Per tale motivo sarà dipinto il leone di San Marco nel cortile del palazzo sopra l’arco del volto che guarda verso il giardino interno.

Lug.  

 

 

 

 

 

Romagna e Veneto

Dopo la rassegna tenuta dal collaterale Belpetro Manelmi tocca Ravenna, Chioggia e si reca a Venezia dove è accolto con tutti gli onori dal doge Francesco Foscari che gli va incontro al suo ingresso nel Palazzo Ducale. Nell’ occasione sono ad aspettarlo cento patrizi della Serenissima che indossano tutti un vestito simile al suo. Rientra a Forlì.

Dic.  

 

 

 

 

 

Romagna

Si porta a Faenza per presenziare alle nozze di Giovanni Galeazzo Manfredi con Parisina della Mirandola.

1452  

 

 

 

 

 

 

 

Sett. Venezia Milano 300 cavalli Romagna ed Emilia

Esce da Forlì con la sua compagnia e per la via di Lugo raggiunge  Correggio. Combatte per i veneziani le truppe di Francesco Sforza divenuto duca di Milano. Si tratterrà in tale territorio fino al termine dell’anno.

1453  

 

 

 

 

 

 

 

Gen.  

 

 

 

 

 

Romagna ed Emilia

Rientra a Forlì in incognito con pochi cavalli ed alcuni familiari; nella città viene ospitato dal suo cancelliere. Ne riparte subito.  Durante il tragitto tocca Bologna (dove si incontra con il legato pontificio), Modena, Spilamberto e Correggio.

Ago.  

 

 

 

 

 

Romagna

A Forlì con i suoi uomini alloggiati a Ronco e nei villaggi vicini a spese dei contadini: è la prima volta che gli Ordelaffi utilizzano tale metodo per mantenere le proprie truppe.

Ott.  

 

 

 

 

 

Lombardia

Fronteggia lo Sforza presso Ghedi con 400 cavalli e 100 fanti. Costretto ad arrendersi per l’uccisione della cavalcatura che gli provoca la rottura della spalla, è condotto alla presenza del duca di Milano: durante la sua convalescenza viene a trovarlo Tiberto Brandolini.

Nov.  

 

 

 

 

 

Lombardia e Romagna

Liberato alla condizione di non riprendere le armi e di ritornare in Romagna, si incontra a Cremona con la moglie dello Sforza Bianca Maria Visconti; prosegue direttamente per Forlì.

1454  

 

 

 

 

 

 

 

Primavera Romagna e Veneto Si reca a Ravenna ed a Venezia, dove è ospitato da Marino Lion. Si trattiene nella città quindici giorni, giusto il tempo perché sia promulgata la pace tra i contendenti.
Ago.  

 

 

 

 

 

Veneto

Si dirige con la madre ad Abano Terme per curare la spalla.

Ott. nov.  

 

 

 

 

 

Romagna

Si trova a Forlì al centro di una rivolta popolare all’inizio a suo favore, contraria in ogni caso al governo dello zio Ugo. Poiché la sommossa si aggrava chiede ausilio ad Astorre Manfredi che accorre nella città con molti uomini della Val di Lamone insieme con diversi fanti veneziani che giungono da Ravenna agli ordini di Antonio Loredan. Qualche impiccagione ed un bando, con il quale viene promessa la liberazione a chiunque uccida un nemico della sua casata (con confisca a suo favore dei beni dell’ucciso, la consegna di 400 ducati ed un vitalizio) riportano la calma. La tregua si rivela di breve durata perché lo zio Ugo Rangoni finisce per riprendere il sopravvento. L’Ordelaffi teme per la propria vita e si rifugia nella rocca di Forlimpopoli da dove è in grado di controllare meglio la situazione. Raggiunge presto un compromesso con il congiunto.

Dic.  

 

 

 

 

 

Romagna

Fa arrestare il castellano di Forlì Francesco di Matteo colpevole di non avere rivelato un trattato ordito dal Brandolini  volto ad impadronirsi della signoria di Forlì.

1455  

 

 

 

 

 

 

 

Mar. Romagna Si trova nella sala grande del suo palazzo con molti cittadini: fa arrestare Filippo Denti che si è espresso criticamente nei suoi confronti. L’uomo è rinchiuso nella rocca di Ravaldino dove sarà ucciso.
Mag.  

 

 

 

 

 

Romagna

Si incontra a Forlì con Jacopo Piccinino;   agevola il condottiero nella sua scorreria nel senese;  si reca a Venezia con Ugo Rangoni.

Giu.  

 

 

 

 

 

Romagna

Riceve il legato pontificio l’arcivescovo di Ragusa Giacomo di Recanati che in marcia alla testa delle milizie sforzesche che devono affrontare in Toscana il Piccinino.

Dic. Romagna Sono annullate le sue nozze con la figlia del Malatesta: si decide per il suo matrimonio con Elisabetta Manfredi, figlia anch’essa di Astorre, cui un’altra figlia è stata promessa al fratello Pino.
1456  

 

 

 

 

 

 

 

Gen. Romagna A Faenza con il fratello Pino per il suo matrimonio. A fine mese è attaccato di nascosto alla porta del duomo e della chiesa di San Mercuriale un cartello del legato pontificio di Bologna con il quale i due fratelli sono convocati a Roma. Ispiratore dell’ iniziativa è il Brandolini.
Feb.  

 

 

 

 

 

Veneto

Si reca a Venezia per chiedere l’aiuto della Serenissima nella vicenda che lo vede coinvolto con il Brandolini.

Giu.  

 

 

 

 

 

Romagna

Accoglie in Forlì Carlo Gonzaga.

Lug.  

 

 

 

 

 

Romagna

Si incontra a Villafranca con il suocero Astorre Manfredi.

Sett.  

 

 

 

 

 

Romagna

Raggiunge a Faenza Astorre Manfredi a causa della peste che regna in Forlì.

1458  

 

 

 

 

 

 

 

Mag.  

 

 

 

 

 

Emilia

Giunge a Ferrara;  accompagna il papa Pio II nel monastero di Sant’ Antonio.

1459  

 

 

 

 

 

 

 

Feb.  

 

 

 

 

 

Toscana

Rende omaggio al papa a Siena;  viene armato cavaliere nella chiesa di San Giovanni.

Apr.  

 

 

 

 

 

Toscana

Si trova a Firenze con il suocero, il Malatesta e Taddeo Manfredi.  Con tali signori è costretto a reggere sulle spalle la lettiga del pontefice fino al palazzo preparato per quest’ultimo in Santa Maria Novella.

1460  

 

 

 

 

 

 

 

Apr. Romagna Cinge Forlì di nuove mura.
Mag. Forlì Imola  

 

Romagna

Nasce il figlio Antonio Maria: padrini di battesimo del bambino sono il cardinale Orsini e Bartolomeo Colleoni. Sempre nel mese soccorre il suocero contro il nipote  Taddeo Manfredi. Si avvia a Faenza alla testa di numerose truppe, tocca Solarolo;  a  seguito di una scaramuccia induce gli avversari a ritirarsi. Dopo pochi giorni rientra a Forlì.

Lug. Romagna Cerca di riconciliare Carlo Manfredi con il padre Astorre. Quest’ultimo,  informato che il figlio si è rifugiato a Forlì, intima al genero la sua consegna. Cecco si reca a Faenza, ma non riesce a smuovere l’ostinazione del suocero. Carlo Manfredi lascerà Forlì a fine novembre affiancato da soli quattro cavalli.
1462  

 

 

 

 

 

 

 

…………….  

 

 

 

 

 

Romagna

Il malcontento contro il governo di Ugo Rangoni si accresce e mette in dubbio la signoria degli Ordelaffi in Forlì. Cecco fa pressioni sulla madre Caterina affinché convinca il fratello Ugo ad allontanarsi dalla città. Ha successo e  Cecco Ordelaffi diviene effettivo signore di Forlì: tutti i fautori del Rangoni devono abbandonare le loro cariche.

Ago. ott.  

 

 

 

 

 

Veneto

Si reca a Venezia per incontrarvi il nuovo doge Cristoforo Moro; sulla via del ritorno sosta nella basilica di Sant’Antonio a Padova. Dopo la sconfitta di Cesano patita dal Malatesta  ad opera dei pontifici, con il fratello Pino non prende parte direttamente alla lotta contro il signore di Rimini nonostante l’invito del vescovo di Sessa Angelo Geraldini:  si accontenta di dare libero e sicuro transito a truppe e vettovaglie  dell’esercito di Astorre Manfredi e di quello ecclesiastico.

Dic. Forlì Faenza  

 

Romagna

Respinge a Casemurate un’incursione di Carlo Manfredi (riappacificatosi con il padre);  recupera il bestiame razziato per lo più ai Malatesta: cattura alcuni uomini d’arme.  Il Manfredi per rappresaglia impedisce ai forlivesi di acquistare granaglie nei suoi territori.

1463  

 

 

 

 

 

 

 

Estate Chiesa Rimini  

 

Marche

Al comando di 300 cavalli e di 100 fanti assedia in Fano Roberto Malatesta: le truppe dovrebbero essere comandate dal fratello Pino che non può invece muoversi perché si è ammalato all’improvviso. Cecco è sospettato di avere tentato di avvelenare il fratello; ciò fa scattare l’odio fra i due Ordelaffi alimentato anche dalla madre e dallo zio. Ai primi di luglio in conseguenza anche di nuovi dissapori ordina ad Ugo Rangoni di abbandonare Forlì.

1464  

 

 

 

 

 

 

 

Mar.  

 

 

 

 

 

Lombardia

Si dirige in Lombardia per fare ottenere una condotta al fratello di cui non tollera più la presenza alla corte di Forlì. La condotta viene stabilita con il Colleoni; Pino Ordelaffi passa agli stipendi dei veneziani.

Mag. Romagna Accompagna fino a Villanova il fratello  diretto in Lombardia.
1466  

 

 

 

 

 

 

 

Apr.  

 

 

 

 

 

Romagna

E’ ammalato. Il suo ministro Francesco Bifolci esercita la sua carica in modo disonesto. I fautori del fratello approfittano della situazione ed istigano la popolazione contro l’esosità e le ruberie del Bifolci. Pino Ordelaffi, rientrato da Venezia, cavalca il malcontento e minaccia pubblicamente il ministro. Sostenitori del fratello penetrano nel palazzo ed incarcerano Cecco con moglie e figli nella torre dell’Orologio. Vi è un tentativo di avvelenamento da parte della cognata Barbara che viene sventato dalla moglie Elisabetta; alla fine uno dei congiurati Guido Gambaraldi irrompe nella prigione ed uccide Cecco Ordelaffi  con un colpo di stiletto al cuore. Le cronache locali narrano,  per celare l’assassinio,  di una morte per malattia e di solenni funerali indetti da parte del fratello Pino. Cecco Ordelaffi è sepolto nella chiesa di San Francesco.

NESSUNA CITAZIONE

Fonte immagine: icollectorpinterest

Print Friendly, PDF & Email
Roberto Damiani
Roberto Damiani è l'autore del sito Condottieri di ventura.
Print Friendly, PDF & Email