CAMILLO MALFATO

0
1818

Condottieri di ventura

0966      CAMILLO MALFATO (Camillo Malfatto)  Di Padova. Figlio di un notaio.

  • 1509
Anno, meseStato. Comp. venturaAvversarioCondottaArea attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1509
Giu.VeneziaFrancia Impero200 fantiVeneto

Lascia Venezia con 200 provvigionati; con Alessio da Castello tenta di recuperare Padova ai danni degli imperiali. Nella città vi è un trattato a suo favore. Giunto a Sant’Andrea di Codiverno è affrontato e sconfitto da Leonardo da Trissino, uscito dalla città con fanti e stradiotti. Catturato, viene condotto a Padova.

Lug.300 fantiVeneto e FriuliSono impiccati i suoi complici, mentre egli viene liberato. Trasferito in Friuli, è posto alla difesa di Udine con 300 provvigionati.
Ago.

Si scontra con gli imperiali a Romans. Ferito ripetutamente, è catturato da Cristoforo Frangipane che lo tratta in malo modo. Nel combattimento sono uccisi 60 veneziani; molti uomini della sua compagnia disertano. Liberato nuovamente, ritorna a Udine a metà mese.

Sett.140 fantiFriuliAlla difesa di Cividale del Friuli. E’ ucciso da un sasso lanciatogli contro.

 CITAZIONI

-“E malfatto di Padova che mai fuggie/ ne la sua vita ha periglio horrendo/ ma con una alabarda al pian distruggie/ i suoi nemici lor molti offendendo./ E fu lor sempre come un toro ruggie/ a questo il capo, a quello il col fendendo/ tal ch’era tutto quanto sanguinante/ dal capo al piede quel guerrier pregiato.” DEGLI AGOSTINI

Print Friendly, PDF & Email

Rispondi