BRACCIO DI MONTONE

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Cerca nel sito:

Indice delle Signorie dei Condottieri: ABCDEFGIJLMNOPQRSTUVZ

Condottieri di ventura

1186      BRACCIO DI MONTONE  (Braccio di Perugia) Figlio di Carlo di Montone, fratello di Bernardino di Montone.

  • 1525 ca.
Anno, meseStato. Comp. venturaAvversarioCondottaArea attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1473

Sett.Chiesa 

 

 

 

 

 

Milita agli stipendi del papa Sisto IV; rifiuta una condotta offertagli dal duca di Milano.

1474

Lug.ChiesaC.di Castello50 lanceUmbria

Assedia Città di Castello al comando di due squadre di uomini d’arme: durante le operazioni si colloca davanti al castello con Giulio Cesare da Varano.

1479VeneziaNapoli Chiesa 

 

Toscana
1482

Giu.ChiesaFirenza 

 

Umbria

Affianca il da Varano alla difesa di Città di Castello minacciata dai fiorentini capitanati da Costanzo Sforza (tredici squadre di uomini d’arme e 11000 fanti).

1495

Giu.Venezia75 cavalliVenetoViene inviato nel Polesine.
1496

Mag.Ha ai suoi ordini 60 cavalli.
Ago.VeneziaPisa80 cavalli

Segue in Toscana il provveditore Domenico Dolfin.

1497

Lug. 

 

 

 

 

 

Toscana

Si allontana da Pisa, salvo a rientrarvi poco dopo al saldo delle paghe arretrate.

Sett.20 lanceToscanaGli ‘ aumentata la condotta a 100 cavalli.
1499

Feb. 

 

 

 

 

 

Toscana

Con Filippo Albanese ed Annibale da Doccia (120 uomini d’arme) appoggia l’azione di 250 cavalli leggeri, tra stradiotti e balestrieri, e di 100 fanti volta a respingere un eventuale attacco di Jacopo d’Appiano. La scorreria è portata con esiti favorevoli fino a Collesalvetti.

Lug. 

 

 

 

 

 

Veneto

A Venezia, nel Collegio dei Pregadi per chiedere un aumento della condotta: è rimproverato dal doge Agostino Barbarigo.

Ago.VeneziaMilano20 lance

Sett. 

 

 

 

 

 

Lombardia

Alla rassegna dei suoi uomini nel cremonese.

1508

Giu.VeneziaImpero 

 

 

 

Fronteggia gli imperiali di Massimiliano d’Austria. E’ licenziato al termine della guerra dal Consiglio dei Savi.

1509

Feb.Il Collegio gli concede una condotta di 50 cavalli leggeri.
Apr.VeneziaFrancia 

 

Lombardia

E’ sconfitto e catturato dai francesi a Treviglio, dove si trova con 10 cavalli: viene condotto prigioniero a Milano.

1510

Feb. 

 

 

 

 

 

Veneto

E’ liberato attraverso un scambio di prigionieri assieme a Vincenzo Naldi ed a Vitello Vitelli. Si reca in Collegio con tali condottieri.

Mar. 

 

 

 

 

 

 

 

Il Consiglio dei Savi gli concede una condotta di 25 lance,  subito aumentata a 50.

Giu. 

 

 

 

 

 

Veneto

Viene segnalato al campo di Brentelle presso Padova.

Sett. 

 

 

 

 

 

Veneto

A Venezia. In Consiglio dei Savi si discute sulle sue richieste.

1511

Ago. 

 

 

 

30 fantiVeneto

Gli è concessa una condotta di 30 fanti ed una provvigione mensile di 12 ducati: è preposto alla guardia del castello di Padova.

1516

Lug. 

 

 

 

 

 

Veneto

Ritorna alla guardia del castello di Padova a causa della rilassatezza della disciplina che vi è stata registrata.

1517

Sett. 

 

 

 

24 fantiVeneto

Viene sostituito nel suo incarico da Francesco Venturelli: è considerato troppo vecchio per la vita militare.

1521

Ago. 

 

 

 

 

 

Veneto

Chiede inutilmente al Collegio un incarico operativo per combattere gli imperiali.

1525

Muore.

NESSUNA CITAZIONE

Print Friendly, PDF & Email
Previous articleBORTOLO MALFATO
Next articleBRACCIO VECCHIO DI MONTONE
Roberto Damiani
Roberto Damiani è l'autore del sito Condottieri di ventura.
Print Friendly, PDF & Email