BONIFACIO DA ORVIETO

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Cerca nel sito:

Condottieri di ventura

1345      BONIFACIO DA ORVIETO

+ 1365 ca.

Anno, mese Stato. Comp. ventura Avversario Condotta Area attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1345
Feb. Siena Capitano di guerra Toscana

Condanna un certo Schiattone che, su incarico di Spinello dei Tolomei, ha schiaffeggiato Giovanni Montanieri. Il Tolomei viene multato di 1000 fiorini.

Mag. Toscana

Assume ufficialmente l’incarico di capitano di guerra. Ha ai suoi ordini diretti 50 cavalli e 100 fanti.

1354 Chiesa Vico

Fronteggia il prefetto Giovanni di Vico.

1355
Mag. Chiesa Vico Lazio

Al termine del conflitto con Giordano Orsini è inviato dal cardinale Egidio Albornoz a prendere possesso di Corneto (Tarquinia) che Giovanni di Vico non vuole consegnare ai pontifici.

………….. Chiesa Rimini

Combatte i Malatesta.

1361
………….. Marche

Ha il compito di dirimere le vertenze sorte tra Nolfo da Montefeltro e Branchino Brancaleoni.

Nov. Umbria

E’ nominato vicario pontificio ad Ancona. Si sposta alla guardia del castello di Canale, nel todino, che gli deve essere consegnato ufficialmente dai Chiaravalle.

1364
Nov. Romagna

Ricopre l’incarico di podestà a Forlì.

1365

 

Muore.

DUE CITAZIONI

Esperto nelle armi.

1346      GIOVANNI DA ORVIETO

+ 1515 ca.

Anno, mese Stato. Comp. ventura Avversario Condotta Area attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1510
Gen. Venezia Francia 54 fanti Veneto

Si trova nel veronese con 54 provvigionati. Ha il compito di provvedere alla guardia del provveditore generale Piero Marcello.

Giu. 48 fanti
1511
Nov. Veneto

E’ segnalato a Vicenza. Il provveditore Andrea Gritti gli dà il comando della compagnia di  Pietro Corso.

1512
Feb. Veneto

Partecipa alla battaglia della torre del Mezzano agli ordini di Giampaolo Baglioni. E’ svaligiato dagli avversari. Viene a Venezia in Collegio; da qui viene inviato in Romagna per raccogliervi fanti da condurre a Chioggia.

1513
Lug. Venezia Spagna Veneto Alla difesa della rocca di Legnago.
1515 Muore.

NESSUNA CITAZIONE

 

1347      PAOLO DA ORVIETO

+ 1445 ca.

Anno, mese Stato. Comp. ventura Avversario Condotta Area attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

….. Napoli

Milita nelle compagnie di Muzio Attendolo Sforza.

1421 Napoli Re d’Aragona Calabria

Accompagna in Calabria Francesco Sforza;  lo affianca tra Cosenza e Rende nel suo sforzo di organizzare il partito angioino ai danni di quello aragonese. Alla (falsa) notizia della morte del suo capitano, lascia il soldo della regina di Napoli Giovanna d’Angiò per passare a quello del luogotenente aragonese per la Calabria  Giovanni di Issera. Con la vittoria dello stesso Sforza, di Micheletto Attendolo e di Luigi da San Severino a Cosenza, è perdonato e ritorna al servizio degli sforzeschi.

1430 Lucca Firenze Toscana Lombardia

Milita agli stipendi del signore di Lucca Paolo Guinigi: accusato da Francesco Sforza di trattare la resa della città con Paolo e Ladislao Guinigi, viene condotto a Milano dove sarà incarcerato per lungo tempo.

1434 Milano Venezia

Liberato, è segnalato agli stipendi dei viscontei nelle compagnie di Pietro Giampaolo Orsini.

1440
Apr. Firenze Milano Forlì Romagna

E’ lasciato da Pietro Giampaolo Orsini alla guardia di Forlimpopoli. Attaccato dai forlivesi, cerca inutilmente di resistere; si arrende a patti con Giovanni da Varano alla condizione di non ricevere soccorsi dall’Orsini entro il termine di quindici giorni.

Mag. Romagna

Ottiene una dilazione di altri venti giorni;  a fine mese cede Forlimpopoli.

1445 Muore.

DUE CITAZIONI

Capitano esperto.

Giudizioso.

 

1348      FRANCESCO OTTONI  (Francesco di Matelica) Di Matelica. Conte. Ghibellino.

+ 1457

Anno, mese Stato. Comp. ventura Avversario Condotta Area attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1438 Sforza Re d’Aragona Marche

Con Santo Parente ha l’incarico di castellano della fortezza del Girifalco ad Ascoli Piceno.

1440
Giu. Chiesa Milano Umbria

Con Micheleto Attendolo, batte Niccolò Piccinino e Carlo di Montone che stringono d’assedio Città di Castello. Prende parte alla battaglia di Anghiari.

1442
Ott. Sforza Chiesa Marche

Contrasta i pontifici per conto di Francesco Sforza. E’ segnalato a Recanati con Antonello da Narni, alla testa di 150 cavalli: riceve vettovaglie dalla comunità.

Nov. Marche

Sverna a Macerata con 400 cavalli.

1443
Feb. Marche

Chiede nuovamente vettovaglie ai recanatesi.

Giu. Marche

Assedia Sant’Anatolia (Esanatoglia), alla cui difesa si trovano 150 uomini di Niccolò Piccinino.

Lug. Marche

Conquista Castelraimondo ed assedia Tolentino.

Sett. Chiesa Marche

Assediato in Cingoli, si arrende dopo breve tempo; abbandona le insegne sforzesche per quelle del papa Eugenio IV.

1457 Muore.

 CITAZIONI

Con Piero Farnese ed Enrico Fessa “Viri nobiles et armis exercitati.” SEPULVEDA

Con Piero Farnese ed Enrico Fessa “Uomini nobili e consumati nelle armi.” FOGLIETTI

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Roberto Damiani
Roberto Damiani è l'autore del sito Condottieri di ventura.
Print Friendly, PDF & Email