BOFFO DA MASSA

0
2270
Cossignano nelle Marche
Cossignano nelle Marche

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Indice delle Signorie dei Condottieri: ABCDEFGIJLMNOPQRSTUVZ

BOFFO DA MASSA  (Boffo Tebaldeschi) Di Massa Fermana. Signore di Cossignano, Castignano e di Carassai.

  • 1387 (luglio o settembre)
Anno, meseStato. Comp. venturaAvversarioCondottaArea attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1370MarcheSi impadronisce di Castignano. Vi instaura una feroce tirannia.
1375
Feb.FirenzeChiesaMarcheFacilita Gentile da Mogliano a divenire signore di Fermo.
1376
Gen.ToscanaGli abitanti di Ascoli Piceno lo inviano a Firenze per stabilire un’alleanza comune contro lo stato della Chiesa.
Feb.500 fantiMarche

Ritorna  ad Ascoli Piceno con Rinaldo da Monteverde, Giovanni Conti e Filippo Bastoni. Contrasta la compagnia dei bretoni;  cerca di liberare la città dall’assedio posto dagli avversari.

Mag. sett.FermoRipatransoneMarche

Collegato sempre con Rinaldo da Monteverde, combatte per Fermo contro Ripatransone agli ordini di Tommaso Giacobuzzi. Tale capitano viene ucciso dai suoi  soldati per gli errori commessi sul campo.

1377Marche

Con l’aiuto del Monteverde e degli ascolani si impadronisce di Cossignano e di Castignano; minaccia Carassai, castello del fermano già possesso dei suoi avi.

……….MarcheRealizza una piccola signoria al confine tra gli stati di Fermo e di Ascoli Piceno costituita da Carassai,  Castignano e  Cossignano. Ha pure mire su Santa Vittoria in Matenano.
1381
Nov.Comp. venturaFermoMarche

Si collega con Lucio Lando e Giovanni Acuto per muovere contro Rotella e Montalto delle Marche. Respinto, è costretto a ritornare nel territorio di Montottone e da qui, a causa della mancanza di vettovaglie, riparare a Chiaravalle.

1387
Feb.Comp. venturaFermoMarche

Organizza un trattato con Marco Zeno, signore di Montegranaro, Antoniuccio da Massa, Masio di Ludovico e Brancuccio da Monterubbiano ai danni di Fermo.

Lug. sett.Marche

E’ ucciso a Carassai con un colpo di accetta da alcuni sicari assoldati dal comune di Fermo.  Gli è spaccato il cranio. E’ sepolto prima a Monterubbiano e, in un secondo momento a Carassai nella chiesa di Sant’ Eusebio. Personaggio legato a Mercenario da Monteverde nel romanzo di Cesare Trevisani di Fermo del 1850 ed al “Gentile da Mogliano” di Giovanni Battista Ripamonti del 1875. E’ inoltre protagonista del racconto storico “Boffo da Massa” di Giovanni Polini scritto nel medesimo periodo. Ispirandosi al romanzo del Polini, Nicola Ponsani nel 1925 ha dato alle stampe un’opera in versi dialettali dal titolo “XXIV sonetti in dialetto cossignanese con note storiche. La presa di Cossignano A.D. 1370.”

 CITAZIONI

-“Rebellem ipsius Ecclesie et presentuosissimum occupatorem terrarum.” Da un documento riportato dal COLUCCI

Print Friendly, PDF & Email

Rispondi