BOFFILLO DEL GIUDICE

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Cerca nel sito:

Condottieri di ventura

0775      BOFFILLO DEL GIUDICE  (Boffile de Judicis, Bouflilele Juge). Di Amalfi. Conte di Castres. Signore di Sommières, Crestarnault, Lézignan, Séranie, Langrons.

+ 1502 (agosto)

Anno, mese

 

Stato. Comp. ventura

 

Avversario

 

Condotta

 

Area attività

 

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

 

1443

 

Campania

 

Paggio alla corte del re di Napoli Alfonso d’Aragona.

1450

 

Sett.

 

Campania

 

Viene investito dei beni paterni.

……………

 

Campania

 

Ricopre l’incarico di governatore della Valle Beneventana e del Principato Ultra.

1459

 

Mag.

 

Angiò

 

Napoli

 

Ribellatosi agli aragonesi a favore di Giovanni d’Angiò, i suoi beni sono confiscati e concessi a Pascasio Diaz Garlon.

1465

 

Francia

 

Alla conclusione della guerra ripara in Provenza presso gli Angiò:   vi trova altri capitani napoletani come Cola di Monforte e Jacopo Galeota. Lo seguono in  anche la madre Giovannella Capece e, forse due nipoti, Ludovico e Bernardino Abenevoli. Non si hanno notizie, invece, della moglie Covella Caracciolo e dei figli.

1466

 

Ott.

 

Angiò

 

Re d’Aragona

 

Capitano gle

 

Renato d’Angiò accetta la corona che gli è offerta dai catalani che si sono ribellati a Giovanni d’Aragona. Il del Giudice ha il comando delle truppe (110 lance francesi e 30 provenzali).  Si sposta  in Catalogna.

1467

 

Gen.

 

Francia

 

Giunge a Perpignano.

Feb.

 

Spagna

 

Occupa Castellòn de Ampurias;  a Barcellona.

………….

 

Spagna

 

Rimane in Catalogna per tutto il resto della campagna.

1470

 

Dic.

 

Francia

 

Oltre a conferirgli una pensione annua di 400 fiorini il re Renato d’Angiò lo nomina anche suo ciambellano.

1471

 

Ott.

 

Spagna

 

Ha l’incarico dagli abitanti di Barcellona di recuperare Cadaques; è sconfitto sul fiume Bejes con il Monforte dal conte di Prades.

………

 

Lombardia

 

Viene inviato in Italia alla ricerca di aiuti per potere continuare la guerra in Spagna. Si reca a Milano presso il duca Galeazzo Maria Sforza per chiedere un prestito di 50000 ducati e tentare di concludere un’alleanza offensiva e difensiva con il duca. Riceve in prestito 12000 ducati ed ottiene il permesso di reclutare truppe in Lombardia.

Nov.

 

Piemonte

 

Visita a Vercelli la duchessa di Savoia; si reca, quindi, a Casale Monferrato allo scopo di  arruolare  due compagnie

Dic.

 

Francia

 

Fa ritorno ad Aix-en-Provence; si preoccupa di chiedere la reversibilità della sua pensione, in caso di decesso, a favore della madre.

1472

 

Apr.

 

Angiò

 

Re d’Aragona

 

Spagna e Francia

 

Contrasta ancora le truppe del re d’Aragona. Con il Galeota ed il Monforte rientra in trionfo  in Barcellona; al comando di 400 cavalli e 600 fanti lascia Castellòn de Ampurias e batte gli avversari presso Peralda, dove sorprende il sovrano che si salva per miracolo dalla cattura. Con la vittoria riattraversa i Pirenei ed accorre alla difesa del Rossiglione.

1473

 

Francia

 

Francia

 

Alla morte di Giovanni d’Angiò passa agli stipendi del re di Francia Luigi XI. E’ nominato suo consigliere e ciambellano  Gli viene concessa una pensione annua di 2000 lire tornesi.

1474

 

……………

 

Francia

 

Rossiglione

 

Francia

 

Riceve, con il vescovo Tristano d’Aure, due ambasciatori delle province del Rossiglione e della Cerdagne  che si sono ribellate al re di Francia. Tali territori sono stati ereditati da Luigi XI alla morte dell’ultimo re di Provenza. Il del Giudice si rende conto che i suoi interlocutori non vogliono che guadagnare tempo per permettere ai loro concittadini di arrivare all’estate, tempo della  raccolta del frumento.

Apr. dic.

 

100 lance

 

Spagna e Francia

 

Esce da Parigi e si avvia in Catalogna con 100 lance. Rimane in tale regione fino ai primi di dicembre allorché ottiene la capitolazione di Elna.

1475

 

Mar.

 

Francia

 

Alla capitolazione di Perpignano.

……………

 

Francia

 

Nominato luogotenente generale, si rifiuta di eseguire le misure crudeli volute dal re nei confronti di Perpignano; inizia i lavori della cittadella, gli è concesso l’ufficio di balivo e gli sono donati i beni che vengono confiscati ai proscritti.

Lug.

 

Francia

 

E’ sostituito nel suo incarico dal Bouchage per divenire luogotenente generale del  Rossiglione e della Cerdagne.

Dic.

 

Francia

 

A marzo è sfidato a duello da Giulio da Pisa perché durante l’assedio di Elna ha indotto Bernardo di Doms alla resa facendogli credere che la sua vita sarebbe stata risparmiata. Il del Giudice si rivolge al re e gli chiede l’autorizzazione di difendere il suo onore: si stabilisce che il duello abbia luogo a fine mese a Parigi, all’Hotel de Ville alla presenza dell’ arbitro Antonio di Chabanne, conte di Dammartin. Giulio da Pisa non si presenta all’incontro stabilito a mezzogiorno: viene chiamato tre volte ed è atteso fino al tramonto. Le scuse dello sfidante sono dichiarate non valide; il Dammartin rimette tutto alla decisione del sovrano.

1476

 

Gen.

 

Francia

 

Luigi XI dichiara false le accuse di Giulio da Pisa contro il del Giudice.

Apr.

 

Giulio da Pisa si presenta al duca di Milano e gli chiede il permesso di misurarsi con il del Giudice. Galeazzo Maria Sforza si limita ad emettere una patente, cui farà seguito, a fine maggio un messaggio del re di Francia nel quale Luigi XI esprime la sua meraviglia per le pretese di Giulio da Pisa. A giugno lo Sforza si dichiara contrario allo svolgimento del duello; Giulio da Pisa fa allora appello a Galeotto della Mirandola che riesce a spedire una citazione al  del Giudice. Ad ottobre quest’ultimo invia al signore di Mirandola un suo ambasciatore con il compito di sostenere la tesi che una riapertura della questione sarebbe equivalsa ad un’offesa al re di Francia in quanto è già stata emesso un suo giudizio al riguardo.

Mag.

 

Francia

 

Gli sono ampliati i poteri nel Rossiglione;  gli sono concessi in feudo Sommières, presso Nimes nella Linguadoca, e Crestarnault nel Delfinato.

Ago.

 

Francia

 

Lascia il Rossiglione e si reca a Lione.

Sett.

 

Francia

 

A corte a Selommez.

…………

 

Francia

 

Viene nominato con altri  commissario  alle conferenze di Boulogne: è istruito un processo ai danni del duca di Nemours, Giacomo d’Armagnac. Boffillo  del Giudice interroga il nobile

1477

 

Primavera

 

Francia

 

Comunica all’ ambasciatore milanese i rallegramenti di Luigi XI per la fine della rivolta di Genova.

Lug.

 

Francia

 

Si astiene sulla  proposta di condanna a morte del duca di Nemours. Con Pietro  Doriole tratta con l’ambasciatore veneziano Domenico Gradenigo.

Ago.

 

Francia

 

A Thérouanne, per la ratifica di convenzioni tra il re di Francia e la Serenissima.

Sett.

 

Francia

 

A meno di un mese dall’ esecuzione del duca di Nemours Luigi XI concede al  del Giudice la contea di Castres (rendita annua di 7000 lire tornesi) e la signoria di Lézignan nel narbonese già feudi dello stesso Armagnac.

Ott.

 

Francia

 

Prende possesso di Castres e di Lézignan senza tenere conto dell’ opposizione del parlamento che ha emesso una sentenza riguardante l’inalienabilità della contea.

……………

 

Francia

 

Ha sempre il comando di 100 lance.

1478

 

Feb.

 

Francia

 

Acquista le signorie di Séranie e di Langrons, il cui acquisto verrà ratificato nel successivo maggio.

Mar.

 

Francia

 

Ritorna al governo del Rossiglione; suo  vice è Jacopo  Galeota.

……………

 

E’ utilizzato in altre missioni diplomatiche che si concludono con il prolungamento della tregua in vigore con il re d’Inghilterra Edoardo IV.

Lug.

 

Francia

 

Fa parte del collegio arbitrale che ha il mandato di decidere sulla tregua stipulata dalla Francia con il duca Massimiliano d’Austria.

Ago.

 

Francia

 

Favorisce la politica di Luigi XI volta ad ingerirsi nelle cose italiane.

1479

 

Mar. mag.

 

Francia

 

Redige le istruzioni per un segretario del re che deve accompagnare a Roma un emissario del re inglese.  Sostituisce  il sovrano francese negli incontri tra i delegati del ducato di Milano e gli svizzeri.

Giu. ott.

 

Lussemburgo

 

E’ impegnato in una ulteriore missione diplomatica.

Dic.

 

Francia

 

Amposta

 

Spagna

 

Si avvia verso i Pirenei, visita i suoi feudi e compie un’azione di polizia nell’Ampurdàn per punire il castellano di Amposta che ha compiuto alcune scorrerie nel Rossiglione. Si preoccupa di risolvere alcune questioni di delimitazione delle frontiere intervenute al termine della pace tra francesi ed aragonesi.

1480

 

Apr.

 

92  lance

 

Francia

 

E’ nominato viceré del Rossiglione e della Cerdagne;  presidia il territorio con la sua compagnia di uomini d’arme italiani. E’ anche insignito dell’ordine di San Michele.

1482

 

Feb.

 

Francia

 

Gli sono affidate la capitaneria e la guardia del castello di Perpignano con uno stipendio annuo di 1200 lire tornesi.

Mar.

 

Francia

 

Fa parte di una commissione d’inchiesta riguardante l’operato di Renato d’Alençon, conte di Perche.

1483

 

Feb.

 

Francia

 

Funge da tramite tra il re e la corte nel processo contro Renato d’Alençon.

Ago.

 

Francia

 

Prima di morire Luigi XI  abbuona al del Giudice il pagamento di tutte le tasse da lui dovute  alla tesoreria regia fino al termine del mese di agosto.

1484

 

Ott.

 

Francia

 

Resta ancora al  governo del Rossiglione e della Cerdagne con il nuovo sovrano Carlo VIII: mantiene anche le cariche di castellano di Perpignano e di Collioure.

……………

 

Francia

 

Gli si ribellano Castres e Lézignan ad opera del vescovo di Castres Giovanni d’Armagnac e dei figli del defunto duca di Nemours: il del Giudice tiene testa con le armi alla rivolta, fa impiccare un uomo che ha tentato di impossessarsi del castello di  Roquecourbe ed imprigiona un procuratore del re che ha l’incarico di prendere cognizione dei termini della contesa. Il balivo di Autun fa cessare le ostilità.

1486

 

Apr.

 

Francia

 

Viene accusato dai suoi avversari davanti al parlamento di Parigi. Ha inizio il dibattito.

Nov.

 

Francia

 

E’ imprigionato: gli viene, tra l’altro, attribuita la responsabilità della morte del   primogenito del duca di Nemours, deceduto di peste mentre era a lui affidato. Gli rimane la contea di Castres, anche se è condannato a risarcire ed a restituire varie somme di denaro al vescovo Giovanni d’Armagnac.

1488

 

Nov.

 

Si offre ai veneziani come capitano generale.

1489

 

Apr. lug.

 

Un  suo agente  espone le sue richieste a Venezia: chiede uno stipendio di 40000 ducati ed una casa a Brescia per la moglie. La risposta è negativa in quanto la Serenissima non necessita di un capitano generale, ma di un governatore generale.

1491

 

Lug.

 

Francia

 

Cade in disgrazia ed è sostituito nel governo del Rossiglione da Gilberto di Montpensier: gli rimane sempre lo stipendio di 2000 lire tornesi.

1492

 

Gen.

 

Ritorna alla carica con i veneziani;  ottiene un nuovo rifiuto.

1494

 

Sett.

 

Francia

 

Dona tutti i suoi beni al cognato Alano d’Albret che lo ha assistito nel recuperare i beni sottrattigli dalla moglie con l’aiuto del genero Giovanni di Montferrand. Si riserva solo l’usufrutto della contea di Castres; fa testamento e disereda la moglie e la figlia Luisa.

1498

 

Francia

 

Ottiene una rendita annua di 8000 lire tornesi al posto dell’usufrutto dei suoi beni.

1502

 

Ago.

 

Francia

 

Muore a Roquecombe. E’ sepolto nella chiesa conventuale di Castres in un sepolcro di marmo su cui sono incise le sue armi ed il suo nome nonostante l’opposizione dei canonici della cattedrale. Masuccio Salernitano gli dedica la cinquantesima novella del Novellino. Un manoscritto miscellaneo del 1489, conservato a Milano nella Biblioteca Braidense contiene alcuni carmi a lui dedicati.

 CITAZIONI

“In molta stima di valoroso guerriere.” DE LELLIS

“Già paggio del re Alfonso, che col valor dell’armi divenne General Capitano del re Luigi XI e conte di Castro nella Francia.” DE PIETRI

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Previous articleBONIFACIO GAETANI
Next articleBRUNORO GATTERO
Roberto Damiani
Roberto Damiani è l'autore del sito Condottieri di ventura.
Print Friendly, PDF & Email