BIORDO DEGLI UBERTINI Fuoriuscito

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Indice delle Signorie dei Condottieri: ABCDEFGIJLMNOPQRSTUVZ

BIORDO DEGLI UBERTINI  Fuoriuscito.

1323 – 1359 (agosto)

biordo-degli-ubertini-lastra-tombale
Lastra tombale
Anno, meseStato. Comp. venturaAvversarioCondottaArea attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1355PisaFuoriusciti 

 

Toscana

Fa parte del partito dei raspanti. E’ nominato podestà di Pisa. Processa i Gambacorta e manda a morte 3 membri di tale famiglia, nonché 4 loro fautori (tutti membri della fazione nemica dei bergolini). Muove poi con 700 cavalli e 6000 fanti contro Arrigo e Valeriano Castracani; li costringe ad abbandonare l’assedio di Castiglione di Garfagnana. Ottiene a patti  i due castelli di Capraia e di Verucolette; obbliga i fuoriusciti a fuggire nel Frignano. Rientra vittorioso a Pisa.

1357ForlìChiesa 

 

Romagna

Ha l’incarico di podestà di Cesena per conto di Francesco Ordellaffi. A giugno la città deve cedere ai pontifici.

1359

Lug.FirenzeComp. ventura 

 

Toscana

Affianca i fiorentini al Campo delle Mosche contro la “Grande Compagnia” del conte Lando.

Ago. 

 

 

 

 

 

Toscana

Ammalatosi al campo muore a Firenze, in casa Portinari, a metà mese.  La bara è collocata sul crocevia di Porta San Piero; su essa sono posti  un drappo d’oro con le armi del popolo, il vessillo della parte guelfa e quello degli Ubertini. E’ sepolto in Santa Croce nella navata destra.

 CITAZIONI

-Con Azzo degli Ubertini “Furono huomini illustri ed insigni nell’arme.” GAMURRINI

-“Vir nobilis et politica prudentia, ac virtute militari praeclarus.” CHIARAMONTI

-“Fu cavaliere gentilesco e di bella maniera, costumato e di onesta vita, savio e prò della persona, e ornato d’ogni virtù, e per tanto in singolare grazia dell’imperadore, e molto amato dal legato di Spagna e da molti altri signori.” VILLANI

-“Fu, ed è grande della persona, gentilesco, fresco, e di bella carnagione.” SACCHETTI

-“Biordo apparteneva ad una famiglia “grande” di parte ghibellina originaria di Arezzo, ma fu uno dei primi di loro ad accostarsi al potere guelfo di Firenze e dovette ai suoi meriti militari in favore della nuova parte le memorabili esequie tramandatici dai cronisti.” BOCCIA

Fonte immagine in evidenza: beniculturali.it

Print Friendly, PDF & Email
Previous articleBERNARDO D’UTRI
Next articleBUSTACCIO DEGLI UBERTINI
Roberto Damiani
Roberto Damiani è l'autore del sito Condottieri di ventura.