BETTUCCIO ATTENDOLO

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Cerca nel sito:

BETTUCCIO ATTENDOLO  (Bettuccio da Cotignola, Bettuccio dei Cortesi, Bettuccio di Corsi). Di Cotignola.

+ 1450 ca.

Anno, mese Stato. Comp. ventura Avvesario Condotta Area attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

………….. Romagna Nasce in una famiglia di Cotignola, quella dei Cortesi, assai vicina per censo e per posizione sociale a quella degli Attendolo.
1411 Antipapa Napoli  

 

 

 

Milita nella compagnia di Muzio Attendolo Sforza contro le truppe del re Ladislao d’Angiò.

1412  

 

 

 

 

 

 

 

Mag. Napoli Antipapa  

 

Campania

Segue lo Sforza nel suo passaggio nel campo avverso. Viene mandato in ostaggio con Micheletto Attendolo e Gherardo da Cotignola (300 cavalli) al re di Napoli: quando si sparge la voce che Muzio Attendolo si è invece riaffermato con l’antipapa Giovanni XXIII, è trattenuto prigioniero in Capua ed i suoi soldati sono svaligiati. Da ultimo la notizia si rivela infondata;   viene liberato e gli sono restituiti armi e cavalli.

1415  

 

 

 

 

 

 

 

Mar. Napoli  

 

 

 

Campania

Con numerosi altri congiunti è dato in ostaggio da Muzio Attendolo a Pandolfo Alopo.

1421  

 

 

 

 

 

 

 

………….. Chiesa Napoli  

 

Campania

Affronta gli aragonesi  e Braccio di Montone.

Nov.  

 

 

 

 

 

Campania

Riesce ad entrare in Acerra, assediata dagli avversari, con Santo Parente e Perino Attendolo (80 uomini d’arme). Sconfigge i nemici con una sortita che permette agli sforzeschi di impadronirsi di bombarde e bandiere, nonché di dare alle fiamme due bastie. Braccio di Montone è costretto a desistere dalle operazioni; viene conclusa un tregua. Bettuccio Attendolo, con Petrino Attendolo e Santo Parente, scorta i bracceschi a Poggioreale.

1423  

 

 

 

 

 

 

 

Giu.  

 

 

 

 

 

Campania

Partecipa alla battaglia di Porta Capuana a Napoli: è inviato con Gerardo Parente (200 cavalli) in alcuni orti e giardini nei pressi di Casa Nova e da lì, con i fanti di Muzio Attendolo,  attacca alle spalle gli avversari.

1424  

 

 

 

 

 

 

 

Giu.  

 

 

 

 

 

Abruzzi

Prende parte alla battaglia dell’ Aquila.  Con altri condottieri sforzeschi ha modo di arginare la controffensiva braccesca.

1431  

 

 

 

 

 

 

 

Giu. Firenze Lucca  Siena 300 cavalli e 250 fanti Toscana

Milita ora nella compagnia di Micheletto Attendolo. Si trova nelle vicinanze di Bibbiena.

1434  

 

 

 

 

 

 

 

Giu. Chiesa Fortebraccio  

 

Lazio

Segue Francesco Sforza a Vetralla per contrastare Niccolò Fortebraccio e Niccolò Piccinino. A Magliano Sabina; con Fiasco da Giraso lascia il campo (200 cavalli) per intercettare le linee di rifornimento dei nemici. Assale 150 cavalli di scorta a sessanta some di pane e di vino, cattura 30 uomini d’arme e fa sue le vettovaglie. Trasportato il bottino nel castello di Foglia,  fa ritorno al campo.

1435
Mag. giu. Angiò Re d’Aragona 12 lance Milita sempre nella compagnia di Micheletto Attendolo. Ha il comando agli inizi di dodici lance, portate a quattordici nel mese di giugno.
1436 150 cavalli Calabria Opera nel reggino mentre Micheletto Attendolo agisce intorno a Cosenza. La sua compagnia è costituita di 42 cavalli e di quindici caporali, ognuno dei quali, a sua volta, ha il comando di sei/sette cavalli.
1440  Giu. Firenze Milano 159 cavalli Toscana A fine mese, agli ordini dell’ Attendolo, prende parte alla battaglia di Anghiari.
1442 Venezia Milano 180 cavalli E’ sempre al fianco dell’ Attendolo.
Apr. 100 cavalli Lascia la compagnia dell’  Attendolo. Ai suoi ordini non vi sono inizialmente che 50 cavalli il cui numero, presto, aumenta sino a 99.
1444 Sforza  

 

100 fanti Lombardia

Ha l’incarico di castellano di Cremona da Francesco Sforza. In breve viene sostituito da Foschino Attendolo.

1445
Primo semestre Venezia Milano 167 cavalli Lombardia Ritorna al servizio dei veneziani nella compagnia dell’ Attendolo. Ha il comando di 167 cavalli.
Secondo semestre 156 cavalli Lombardia
1446
Primo semestre Venezia Milano 57 lance

 

Lombardia

Ha il comando di 57 lance (169 cavalli), di cui diciassette fanno parte della sua compagnia personale.

1447 Milano Venezia  

 

Lombardia

Coadiuva Francesco Sforza e le truppe della Repubblica Ambrosiana contro i veneziani comandati da Micheletto  Attendolo.

1450  

 

 

 

 

 

 

 

Muore.

 CITAZIONI

“Non meno valente.” MINUTI

Print Friendly, PDF & Email
Previous articleBERTRANDO ALIDOSI
Next articleBOSIO ATTENDOLO
Roberto Damiani
Roberto Damiani è l'autore del sito Condottieri di ventura.
Print Friendly, PDF & Email