BERTRANDO DELLA MOTTA

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Cerca nel sito:

Condottieri di ventura

1203      BERTRANDO DELLA MOTTA  (Beltramo Mottano, Beltramo Montano) Provenzale. Nipote di frà Moriale.

+ 1355

Anno, mese Stato. Comp. ventura Avversario Condotta Area attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1350 Ungheria Napoli  

 

 

 

Segue il voivoda di Transilvania contro Luigi di Taranto.

1352  

 

 

 

 

 

 

 

 

Primavera Comp. ventura Napoli  

 

Puglia e Campania

Con la connivenza dello zio fra Moriale forma una compagnia con Turribazio di Lort, Filippo di Sultz, il Navinger e Corrado Portanora, composta di tedeschi, di italiani e di provenzali (400 barbute e 500 masnadieri). Alla sua testa depreda la Terra di Lavoro. Si unisce con Corrado Lupo, devasta i contadi di Andria e Bitonto;  chiede, invano, una taglia agli abitanti di tali città; si dirige  verso Casamassima e razzia il bestiame del territorio. La località viene messa sacco;  gli abitanti sono costretti a riscattarsi. Alcuni cittadini si rifugiano nel campanile della chiesa (in cui si sono raccolte le donne) e da qui cominciano a colpire i venturieri con le balestre: il campanile è dato alle fiamme e le donne sono obbligate ad abbandonare l’edificio. In seguito a questa azione Mola di Bari, Monopoli, Fasano e Putignano consegnano vettovaglie alla compagnia; Monopoli gli consegna anche 100 once d’oro affinché il suo territorio venga  risparmiato dal saccheggio.

Apr.  

 

 

 

 

 

Campania

Si riduce a Cesa, tra Aversa ed Acerra; continua nelle scorrerie. Viene sorpreso da 1000 cavalli napoletani condotti da Niccolò Acciaiuoli, Giovanni di Asperg e Guglielmo da Fogliano. Costretto a fuggire, si salva ad Alife con venti venturieri. Molti fuggiaschi sono uccisi dai contadini; nella battaglia sono catturati ventidue connestabili tedeschi, 300 cavalli e 400 fanti. A Napoli, tra i prigionieri, sono condannati a morte venticinque contadini che si sono aggregati alla compagnia come saccomanni; gli altri sono tutti incarcerati.

1355  

 

 

 

 

 

 

 

Muore.

NESSUNA CITAZIONE

Print Friendly, PDF & Email
Previous articleBERTOLDO DI MONACO
Next articleBERTUCCIO DA MONTEMELONE
Roberto Damiani
Roberto Damiani è l'autore del sito Condottieri di ventura.
Print Friendly, PDF & Email