BERARDO DA VARANO Guelfo

0
719
Print Friendly, PDF & Email

Condottieri di ventura

2086      BERARDO DA VARANO  Guelfo. Signore di Camerino. Padre di Gentile e di Rodolfo, zio di Nuccio.

+ 1329

Anno, mese Stato. Comp. ventura Avversario Condotta Area attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1288 Perugia Foligno Capitano g.le Umbria

Assedia Foligno;  costringe la città a stipulare un trattato di pace con i perugini l’anno seguente. In seguito a tale conflitto Camerino subisce l’interdetto da parte dello stato della Chiesa. Presto questo viene tolto.

1289/ 1291 Camerino Perugia

 

Foligno

 

Capitano g.le

 

Marche

E’ eletto capitano del popolo a Camerino città di cui otterrà per sé e per i suoi discendenti la cittadinanza onoraria. La località è coinvolta in alcuni conflitti con le città vicine. Il Varano  subisce   un interdetto da parte dello stato della Chiesa.  E’ inviato in soccorso dei perugini in lotta con i folignati. Nominato capitano generale assedia Foligno, costringe gli avversari a venire a patti. Il trattato è stipulato a Perugia.

1292 Umbria

Ricopre l’incarico di capitano del popolo a Perugia. Il papa che in precedenza  ha comminato l’interdetto a Camerino a causa della sua politica aggressiva ritira la pena spirituale alla cittadinanza.

1294 Toscana

Capitano del popolo a Pistoia.

1296 Toscana

Capitano del popolo a Firenze.

1297
………… Emilia

Capitano del popolo a Bologna.

………… Chiesa

Sempre nell’anno con l’assenso dei bolognesi perché il suo mandato non è scaduto passa al servizio del papa Bonifacio VIII.

1300 Marche

E’ podestà di San Ginesio;  occupa tale incarico per un totale di cinque volte. Al servizio del papa Bonifacio VIII.

1304 Guelfi Ghibellini Marche
1305 Marche Promette agli abitanti di San Ginesio di mantenere nel castello un suo funzionario e di prendere un’abitazione nella città. Nello stesso anno il papa Clemente V trasporta la sede apostolica ad Avignone in Francia. La marca d’Ancona diviene da allora il teatro di una sanguinosa lotta tra guelfi e ghibellini. A renderla più feroce ed ostinata pullulano le sette tra le quali alcune abbracciano le opinioni degli antichi filosofi, altre quelle della mitologia pagana. Alcune popolazioni giungono ad adorare Priapo. Il Varano aderisce al partito guelfo.
1306
Lug. Marche Ricopre l’incarico di podestà a Macerata. Federico da Montefeltro scorre nel circondario effettuando un’incursione fin sulle porte della città. Il Varano esce dalle mura e mette in fuga l’avversario.
1316
………… Chiesa Capitano g.le

 

Marche

Diviene nuovamente podestà di Macerata per conto dei pontifici. Il papa Giovanni XXII gli affida il comando dell’esercito.

Dic.

Gli sono donati alcuni beni nel maceratese.

1318
Sett. Chiesa Ghibellini Capitano g.le Marche

Il rettore della Marca Amelio di Lautrec lo sceglie come capitano della taglia guelfa contro i ghibellini “Amici della Marca” ed il  Montefeltro.

1319 Marche

Il papa Giovanni XXII lo nomina marchese della Marca e conte di Campagna. Si reca a Macerata e si scontra più volte con gli abitanto di Osimo e di Recanati.

1320
Sett. Marche

E’ sconfitto da osimani e recanatesi alla chiesa di San Salvatore presso Recanati. Tra i suoi uomini sono uccisi o catturati 200 cavalli e  1000 fanti.

1321

E’ contattato dai perugini affinché operi con Giovanni di Chelle alla pacificazione di Nocera Umbra. Nell’anno ospita a Camerino Cino da Pistoia famoso per i suoi commenti sui codici.

1322
………… Guelfi Ghibellini Marche

Aiuta Ferrandino Malatesta a recuperare Fano ai danni di Cesarello del Cassero. Gli ambasciatori di Perugia Pietro e Vinciolo di Vinciolo lo invitano a premere sui ghibellini di Gista perché desistano dallo scorrere il territorio di Nocera Umbra ed abbandonino il castello.

Mag. Guelfi Ghibellini Umbria e Marche

Conquista Osimo e Recanati: la seconda città è data alle fiamme per l’accusa di idolatria.  Ne sono trucidati gli abitanti, anche i bambini in fasce.

1323 Marche E’ sconfitto dai ghibellini sotto le mura di Osimo.
1325
Mag. Marche

Assedia Osimo.  Giungono in soccorso degli abitanti fermani, fabrianesi ed altri ghibellini (500 cavalli e 3000 fanti). Il giorno seguente Mercenario da Monteverde assale sotto le mura di Osimo i suoi uomini che si sono dispersi nelle campagne vicine. Nelle sue file si registra la perdita di più 200 cavalli e più 1000 fanti tra morti e prigionieri.

1326
………… Marche

Perde Rocca Contrada (Arcevia).

Nov. Napoli Toscana

Viene nominato dagli angioini loro vicario in Val d’Elsa.

1329
Mar.

Muore. Sposa un’inglese, di nome Galatea appartenente alla casa reale.

 CITAZIONI

“Per la sua prudenza e valore erasi acquistata gloria grandissima.” SAVINI

“Non fu mai sempre signore assoluto di Camerino; ebbe l’autorità che vi avevano prima di lui il padre e il fratello. Capo di parte, nulla si faceva senza il suo consenso, e non tralasciò mai alcun mezzo per fare trionfare la fazione guelfa, che era quella che lo rendeva ricco e potente.” TOZZI

“Il vero instauratore della signoria che cresce a tal potenza da essere oggetto di considerazione papale.” BASSETTI