BERARDO DA RECANATI

0
1683
Napoli, Porta Capuana
Napoli, Porta Capuana

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Indice delle Signorie dei Condottieri: ABCDEFGIJLMNOPQRSTUVZ

BERARDO DA RECANATI  Padre di Roberto da Recanati, zio di Domenico da Siena.

  • 1395 ca.
Anno, meseStato. Comp. venturaAvversarioCondottaArea attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1378
……..MarescialloMilita nella Compagnia di San Giorgio di Alberico da Barbiano.
Dic.VeneziaPadovaLombardia e Veneto

Si trova a Marmirolo per firmare una condotta con i veneziani. Bloccato sull’Adige dagli scaligeri e dal fiume in piena, deve desistere dal proposito di congiungersi con le truppe della Serenissima.

1379
Gen.Comp. venturaBolognaEmiliaCon Andrea da Civitella e Bernardo da Dozza riscuote dal comune di Bologna, dopo averlo minacciato, 16500 lire bolognesi da convertirsi in fiorini.
Feb.Comp. venturaFirenzeToscanaInfesta la Toscana con Alberico da Barbiano.
1380
Feb.Comp. venturaPisa SienaToscanaNel senese con Alberico da Barbiano e Giannozzo da Salerno. Lo appoggiano anche il nipote Domenico da Siena e Giovanni da Recanati.
……..RomagnaIn Romagna al fianco del pretendente del regno di Napoli Carlo di Durazzo.
Giu.Comp. venturaCamerinoMarche

Con altri condottieri della Compagnia di San Giorgio promette a Rodolfo da Varano di non molestare le sue terre per quindici mesi in cambio di 5000 fiorini.

Lug.DurazzoNapoliCampaniaPrende parte alla battaglia di Porta Capuana in  cui viene sconfitto Ottone di Brunswick.
1384
Apr.NapoliAngiòPugliaA Barletta con il re di Napoli Carlo di Durazzo.
1386NapoliAngiòCon la morte in Ungheria di Carlo di Durazzo combatte le truppe di Luigi d’Angiò, nuovo pretendente al regno di Napoli, a favore della vedova Margherita d’Angiò.
1387
Giu.Campania

Con Federico di Brunforte e Raimondo Orsini del Balzo ingaggia uno scontro con i napoletani presso la Porta del Formello (o Porta Capuana) nel cui corso viene sconfitto.

Dic.Campania

Scorre con Domenico da Siena (500 cavalli) nelle campagne attorno a Napoli disseminando morte e distruzione fin quasi sulle porte del capoluogo.

1388
Gen.Campania

Esce da Aversa con Domenico da Siena e Nello da Camerino alla testa di 400 cavalli e 1000 fanti; si congiunge con il conte di Alife, Giacomo Stendardo e Roberto Orsini (nel complesso 3000 cavalli e 4000 fanti);  si dirige verso Caivano mentre il Brunswick, anch’egli agli stipendi dei  i durazzeschi, colloca i suoi alloggiamenti a Marigliano presso Nocera. Berardo da Recanati con lo zio Domenico da Siena punta su Napoli, si ferma con 500 cavalli ad Afragola e danneggia il territorio circostante fino a Casa Nova. Vengono loro contro il conte di Caserta Francesco della Ratta ed il fratello di costui Sandalo che conducono molte compagnie di cavalli tedeschi e bretoni. Sconfitto con la perdita di 40 uomini d’arme, si ritira ad Afragola inseguito dagli avversari.

Mag.CalabriaEsercita l’incarico di capitano di Tropea con Andreolo da Sant’Angelo: ai due condottieri è riconosciuta una provvigione annua di 300 once d’oro.
1391
Ott.CalabriaGli sono riconfermate dal re Ladislao d’Angiò le concessioni fattegli dal padre Carlo di Durazzo.
1395Muore.

NESSUNA CITAZIONE

Fonte immagine in evidenza: wikimedia

Print Friendly, PDF & Email

Rispondi