BATTISTA TIRONDOLA Di Vicenza

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Cerca nel sito:

Indice delle Signorie dei Condottieri: ABCDEFGIJLMNOPQRSTUVZ

Condottieri di ventura

1958      BATTISTA TIRONDOLA  Di Vicenza.

+ 1515 ca.

Anno, mese Stato. Comp. ventura Avversario Condotta Area attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1510  

 

 

 

 

 

 

 

 

Apr. Venezia Francia 25 cavalli leggeri Veneto

Opera nel veronese.

Giu. Venezia Francia Impero  

 

Veneto

Dispone sempre di 25 balestrieri a cavallo; ripara a Treviso.

Lug.  

 

 

 

 

 

Veneto

Si trova a Serravalle (Vittorio Veneto);  i suoi cavalli reclamano per il ritardo delle paghe. Viene inviato verso Conegliano;  si sposta a Padova.

Ago.  

 

 

 

 

 

Veneto

Con il cessare del pericolo su Padova rientra a Vittorio Veneto; tenta un colpo di mano su Belluno, difesa da 170 tedeschi, con Giovanni Forti e Francesco Sbrogliavacca: ricevuti in soccorso 300 fanti ne inizia l’assedio.  Rimane alla guardia di Belluno con 100 fanti allorché la città ritorna sotto il controllo veneziano.

Sett.  

 

 

 

 

 

Veneto

Scorre in Val di Lamon;  affianca con i suoi 25 cavalli leggeri  il provveditore di Feltre Giovanni Dolfin ai danni degli imperiali che hanno dato alle fiamme  Enego.

Ott.  

 

 

 

 

 

Trentino

Appoggia il Dolfin all’assalto di Tesino (difeso da 600 terrazzani) con i suoi cavalli leggeri, altri 40 cavalli leggeri e millecinquecento contadini. Il castello viene espugnato, messo a sacco ed incendiato. Per il suo operato è elogiato dal provveditore che raccomanda di venire incontro alla sua richiesta di completare l’organico della sua compagnia.

Nov.  

 

 

 

 

 

Trentino

Si muove in perlustrazione in Valsugana ad Ospedaletto con Enea da Cavriana: attacca ripetutamente la località, la conquista e la dà alle fiamme. Analoga sorte subisce Grigno: a tutto ciò segue una pressante richiesta di denaro per le paghe della sua compagnia.

1511  

 

 

 

 

 

 

 

 

Feb.  

 

 

 

 

 

Friuli

Si avvia da Gradisca d’Isonzo ad Udine con 50 fanti per reprimere nella città una sollevazione provocata da Antonio Savorgnano e dal partito popolare che  hanno fatto strage dei nobili.

Ago.  

 

 

 

 

 

 

 

Ha sempre ai suoi ordini 25 balestrieri a cavallo.

1512  

 

 

 

 

 

 

 

 

Estate  

 

 

 

250 fanti Lombardia

E’ segnalato nel bresciano con 250 provvigionati pagati dagli abitanti del territorio.

Sett.  

 

 

 

 

 

Lombardia

Prende parte all’assedio di Crema;  con Pietro da Longhena ha una scaramuccia con gli avversari mentre sta sorvegliando i lavori dei guastatori attorno ai bastioni.

1513  

 

 

 

 

 

 

 

 

Nov. Venezia Spagna  

 

Veneto

Alla guardia di Padova. Quando Vicenza è abbandonata dagli spagnoli Bartolomeo d’Alviano lo invia  in ispezione verso la città berica.

1515  

 

 

 

 

 

 

 

Muore.

NESSUNA CITAZIONE

Print Friendly, PDF & Email
Previous articleARRIGO DELLA TACCA
Next articleBENEDETTO TEDESCO
Roberto Damiani
Roberto Damiani è l'autore del sito Condottieri di ventura.
Print Friendly, PDF & Email