BALDACCIO D’ANGHIARI

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Cerca nel sito:

BALDACCIO D’ANGHIARI  (Baldaccio Bruni, Baldo di Piero Bruni, Baldaccio da Citerno) Di Ranco, presso Anghiari.

Signore di Fichino e Spinello.

1400 ca. – 1441 (Settembre)

BALDACCIO D'ANGHIARI
Ritratto del condottiero Baldaccio d’Anghiari, castello di Sorci (Arezzo)

Anno, mese Stato. Comp. ventura Avversario Condotta Area attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1420  

 

 

 

 

 

 

 

……………..  

 

 

 

 

 

Toscana

Viene accusato da Carlo da Pietramala di volere sottrarre Anghiari al dominio dei fiorentini; si unisce con Mazzone d’Anghiari ed altri banditi ed uccide un famiglio del Pietramala, Tardiolo d’Anghiari, che lo ha accusato.

Mag.  

 

 

 

 

 

Toscana

E’ condannato alla decapitazione ed i suoi beni sono confiscati.

1422  

 

 

 

 

 

 

 

Sett.  

 

 

 

 

 

Toscana

Rientra in Anghiari dopo la fuga e si riconcilia con il congiunto dell’ucciso.

1424  

 

 

 

 

 

 

 

…………….. Rimini Milano  

 

Romagna

Milita agli stipendi di Carlo Malatesta contro i viscontei.

Lug.  

 

 

 

 

 

Romagna

Partecipa alla battaglia di Zagonara;  segue Carlo Malatesta quando quest’ultimo si rappacifica con il duca di Milano.

1426  

 

 

 

 

 

 

 

Mar. apr.  

 

 

 

 

 

Toscana

Si trova a Ranco da dove continua nelle sue ruberie. Ferisce in modo grave un nemico personale, Antonio Cocchi, in un agguato posto tra Borgo San Sepolcro (Sansepolcro) ed Anghiari; assale pure un vetturale che porta mercanzie da Firenze a L’Aquila.  Si appropria di tre salme di merci e di 200 fiorini. Il vicario di Anghiari Niccolò Serragli lo condanna per il primo delitto alla multa di 500 lire e per il secondo (aprile) all’impiccagione.

1430  

 

 

 

 

 

 

 

Gen. Lucca Firenze 100 fanti Toscana

Difende Collodi dagli attacchi portati da Niccolò Fortebraccio.

Feb.  

 

 

 

 

 

Toscana

Costretto alla resa, si trasferisce a Poggiana con i suoi uomini. In un’azione cattura Antonello da Pescopagano. A sua volta sorpreso a Pontetetto con 80 fanti, viene fatto prigioniero con 60 uomini da Genovino da Genova. Viene rinchiuso nel castello di Ripafratta.

Mar. Firenze Lucca  

 

Toscana

Per ottenere la libertà si offre ai fiorentini per combattere i lucchesi; a metà mese si reca a Firenze. Il Falza, Girolamo d’Anghiari, Bernardino degli Ubaldini della Carda e Cantiano da Cantiano si rendono mallevadori nei suoi confronti per 2000 fiorini.

1431  

 

 

 

 

 

 

 

Giu. Firenze Lucca Milano  

 

Toscana

Per il valore dimostrato ottiene la revisione della prima sentenza da parte dei fiorentini. Nell’agosto di due anni dopo sarà assolto anche dalla seconda accusa.

1432  

 

 

 

 

 

 

 

Mar.  

 

 

 

 

 

Toscana

Si muove attorno a Lucca con Giacomo Bello. Informa Micheletto Attendolo sulla possibilità di entrare di sorpresa nella città per la cattiva sorveglianza in alcuni tratti delle mura. Gli assalitori sono scoperti ed i fiorentini catturati sono impiccati.

……………..  

 

 

 

 

 

Toscana

Conquista Collegalli;  da tale castello depreda il territorio vicino facendo più prigionieri. Cattura un certo Gaspare da Lucignano, che gli assomiglia: lo fa vestire con i suoi indumenti, lo fa uccidere e gettare fuori dalla fortezza mentre i suoi soldati liberano i reclusi. Costoro corrono a Pisa al fine di informare le autorità della rivolta di Collegalli a favore dei viscontei.  L’Anghiari sorprende in un agguato molti armati venuti a prendere possesso del castello.

1433
Feb.  

 

 

 

 

 

Toscana

Nel novembre dell’anno precedente Arrigo Squarcialupi, commissario fiorentino di Castellina in Chianti, decide di vendicarsi perché i cavalli ungheri nelle loro scorrerie sono soliti  tagliare le mani ai loro prigionieri ed a rimandarli indietro così mutilati. Costui contatta Brunoro della Scala, che milita nel campo avverso, e gli promette la consegna del castello e della rocca di Castellina in Chianti in cambio di alcuni benefici a Siena, della consegna di 4000 ducati e della condotta biennale di dieci lance e di 200 fanti. A metà mese gli ungheri trovano aperta la porta della località. Vi irrompono e lo Squarcialupi fa chiudere la saracinesca alle loro spalle: l’Anghiari, che è stato introdotto in precedenza con i suoi uomini nel castello, dà loro addosso, uccide molti avversari e fa numerosi prigionieri. Lo Squarcialupi fa ora aprire la porta e vi  colloca davanti un pancone: sul tavolato i prigionieri devono apporre la mano affinché questa sia tagliata dallo stesso commissario fiorentino con la sua spada.

Sett. Milano Firenze Rimini  

 

Romagna

Occupa con l’inganno Castel del Rio a Ludovico Alidosi. I fiorentini esercitano una forte pressione nei suoi confronti affinché lasci il territorio.

Ott.  

 

 

 

 

 

Romagna

Restituisce Castel del Rio. Mette a sacco Galeata su istigazione del conte di Poppi Francesco di Battifolle, nemico di Sigismondo Pandolfo Malatesta; occupa Spinello che viene parimenti messa a sacco. Respinto da Pondo, è affrontato dai Malatesta.

Dic.  

 

 

 

300 fanti Romagna

E’ respinto da Rocca San Casciano; ottiene, invece,  il castello di Torrita, sopra Sarsina ed ai piedi di Bobbio.

1434  

 

 

 

 

 

 

 

Mar. Comp. ventura Chiesa  

 

Romagna

Si trova tra Rocca San Casciano e Dovadola; effettua una scorreria ai danni di Guelfo di Dovadola. Le prede ed i prigionieri vengono condotti a Galeata. Vane sono le proteste del signore di Forlì Antonio Ordelaffi. Sono arruolate alcune compagnie di fanti per affrontarlo: da questo momento non osa più molestare il forlivese.

…………….. Fortebraccio Chiesa  

 

Umbria

Contrasta i pontifici e le milizie di Francesco Sforza. I Malatesta da Sogliano approfittano della sua assenza per riprendergli Spinello di cui si è fatto signore.

1435  

 

 

 

 

 

 

 

…………….. Conte  Poppi Chiesa 200 fanti Toscana

Incaricato della difesa di Borgo San Sepolcro, si arrende al patriarca Giovanni Vitelleschi a seguito di quaranta giorni di assedio.

Mag. Firenze Milano  

 

Romagna

A Rimini.

Lug.  

 

 

 

 

 

 

 

Fronteggia Niccolò Piccinino; non può  venire a battaglia con i viscontei a causa dell’opposizione dei fiorentini.

1436  

 

 

 

 

 

 

 

Gen.  

 

 

 

10 lance e 200 fanti  

 

Viene condotto per quattro mesi; della sua compagnia di fanti, un terzo è composto di balestrieri, un terzo di lancieri ed un terzo di palvesari. Gli è anche dato il grado di connestabile.

Mag.  

 

 

 

 

 

 

 

Gli viene riconfermata la condotta.

Giu.  

 

 

 

 

 

 

 

Al posto dei palvesari ottiene il comando di diciotto cavalli.

Lug.  

 

 

 

 

 

Liguria

E’ inviato in Liguria al fine di contrastarvi gli avversari; si segnala alla difesa di Albenga. Con continui scontri obbliga il Piccinino a ritirarsi.

Ago.  

 

 

 

 

 

 

 

Come ricompensa per il valore dimostrato gli viene concesso il privilegio di essere considerato sempre in ordine nelle periodiche rassegne.

1437  

 

 

 

 

 

 

 

……………..  

 

 

 

 

 

Toscana

Tiene a bada i lucchesi;  conquista Motrone, nei pressi di Pietrasanta: un disertore porta via dal castello tutte le “noci” delle balestre, cosicché i difensori non sono in grado di opporre resistenza.

Giu.  

 

 

 

 

 

Emilia

Staziona nei pressi di Pontremoli. Ottiene la cittadinanza fiorentina e gli viene donata Oltrarno, in San Felice, una casa del valore di 400 fiorini.

1438  

 

 

 

 

 

 

 

Gen.  

 

 

 

 

 

 

 

Gli sono accordati altri privilegi dai fiorentini.

Mag. Venezia Milano 400 fanti Lombardia

Nel bresciano.

Giu.  

 

 

 

 

 

Emilia

Si muove da Ferrara;  è sorpreso dai nemici tra Finale Emilia e Bondeno. Ferito, è catturato e condotto a Bologna. E’ liberato tramite uno scambio di prigionieri.

…………….. Milano  

 

 

 

Umbria

Passa al sevizio del Piccinino; gli è dato il comando della fanteria in Umbria.

…………….. Comp. ventura  

 

 

 

Toscana

Occupa per suo conto Figline,  presso Chiusi.

1439  

 

 

 

 

 

 

 

Primavera Firenze Milano  

 

Lombardia

E’ inviato in soccorso dei veneziani con 300 cavalli e 1000 fanti.

…………….. Urbino Rimini  

 

Marche

Agli stipendi di Guidantonio da Montefeltro contro Sigismondo Pandolfo Malatesta.

Nov.  

 

 

 

 

 

Marche

Depreda il territorio di Fano; mette  a sacco in modo orrendo Tavoleto con Federico da Montefeltro al fine di vendicarsi dell’ uccisione di alcuni suoi uomini.

1440  

 

 

 

 

 

 

 

Mar.  

 

 

 

 

 

Marche

Si trova ad Orciano di Pesaro;  saccheggia il castello di Fossa nel Montefeltro.

Apr. Milano Chiesa  

 

Umbria e Lazio

Nel perugino con Giovanni da Sesto. Si impossessa di Fichino appartenente a Pietro Paolo Monaldeschi; molesta il territorio tra Acquapendente ed Orvieto.

…………….. Firenze Milano 302 cavalli Toscana

Alla difesa di Marradi; deve cedere per la viltà del commissario Bartolomeo Orlandini.  Se ne lamenta con la Signoria. A Collelungo.

Giu. Comp. ventura Piombino  

 

Toscana e Umbria

Partecipa alla battaglia di Anghiari. Durante una pausa del conflitto depreda Fighino, che appartiene a Pietro Paolo Monaldeschi; ne esce con 500 fanti e 50 cavalli; simula di recarsi nel Patrimonio, prende invece la strada per i boschi verso il mare. Giunge  ad Istia d’Ombrone e passa oltre Massa Marittima. In due giorni si porta da Lucca nel territorio di Piombino.

Lug.  

 

 

 

 

 

Toscana

All’alba si pone in agguato presso Suvereto. Invia nella località dieci suoi uomini travestiti da mietitori;  costoro si impadroniscono di una porta. L’Anghiari entra e mette a sacco il castello; le prede sono vendute a Firenze. Assedia la rocca di Suvereto che cede dopo alcuni giorni. Si incontra con Tartaro da Perugia che gli inviatogli dal Piccinino. Prosegue nelle sue scorrerie verso il Serchio dove 200 fanti e 30 cavalli si impadroniscono di molto bestiame e di tre barche che trasportano frumento per i mulini. Razzia pure le cavalle del conte di Poppi;  porta le depredazioni nel senese. A Scarlino giungono per contrastarlo  100 fanti inviati da Rinaldo Orsini. Cavalca la campagna di Buriano.

Dic.  

 

 

 

 

 

Toscana

Attacca Piombino. Vi è un intervento da parte dei fiorentini. Gli è  riconosciuta dalla vedova di Jacopo d’Appiano, Paola Colonna, la taglia di 9000/9500 fiorini.

1441  

 

 

 

 

 

 

 

Gen.  

 

 

 

 

 

Toscana

L’arrivo di Rinaldo Orsini lo convince a lasciare il territorio con 400 fanti e 80 cavalli. Consegna Suvereto e prende la strada di Monteverdi Marittima.

Apr. Chiesa Milano  

 

Romagna

Passa agli stipendi dei pontifici per due mesi con 700 uomini fra cavalli e fanti. Si porta in Romagna con 2000 fanti e 50 lance per combattere Francesco Piccinino.

Mag.  

 

 

 

 

 

Emilia

Occupa Baragazza, nel bolognese, dopo averne corrotto il castellano con 900 ducati; espugna Bargi ed ha dagli abitanti Casi.

Giu.  

 

 

 

 

 

Emilia

Respinge da tale località un attacco portato dalle fanterie del Piccinino. Deruba Gaspare Montecuccoli  che è stato accusato di somministrare vettovaglie agli avversari. Ottiene Montecalderaro e Sassano.

Ago. Comp. ventura Piombino  Lucca  

 

Toscana

A seguito di una tregua tra i contendenti raccoglie nuove truppe ed entra in Firenzuola con 1200 uomini tra fanti e cavalli. Raggiunto da Francesco da Bologna, per i monti del Mugello cala in Val di Marina e si inoltra in Val di Nievole. Si fanno  sentire i Dieci di Balia per le devastazioni portate dai suoi uomini al territorio; si accampa presso Capannori e punta su Piombino dove viene spinto da Emanuele d’Appiano. A Vico; attraversa l’Arno; a Rosignano; giunge sotto le mura di Piombino. I fautori del d’Appiano non si muovono ed alla difesa della città si pongono Giovanni ed Angelo Orsini. Fallite le sue mire, si ritira in Garfagnana ai danni degli estensi; con il grosso delle truppe si volge per la Valdarno su San Miniato.

Sett. Firenze Milano  

 

Toscana  Romagna

Espugna e mette a sacco Castelnuovo di Garfagnana facendovi molti prigionieri di taglia. Estorce ai lucchesi 4000 fiorini (la richiesta iniziale è di 10000 fiorini). Segue il Malatesta all’ assedio di Forlì. E’ richiamato a Firenze dal  gonfaloniere di giustizia Bartolomeo Orlandini, partigiano di Cosimo dei Medici. Viene accusato da quest’ultimo di essersi insignorito con l’inganno di Borgo alla Collina, di Ranco e di Soci:  invitato nel palazzo della Signoria, è ucciso da alcuni sicari perché ritenuto troppo vicino alle posizioni politiche di Neri Capponi, ostile ai Medici.  Il suo corpo gettato nella piazza ed è qui decapitato.  Altre cause della sua esecuzione sono via via indicate nel sacco di Suvereto, nel tentativo di occupare di Piombino, nel suo desiderio di passare agli stipendi dello stato della Chiesa contro Francesco Sforza alleato degli stessi Medici. Per altre fonti ancora la responsabilità della sua morte è tutta da addebitarsi allo stesso Sforza che ha fatto pressione sui fiorentini per punirlo a causa della sua spedizione nel lucchese il mese precedente. E’ sepolto nel chiostro della chiesa di Santo Spirito a Firenze. La vedova Annalena Malatesta, a seguito della morte prematura del figlio Galeotto, vende tutti i suoi beni per trasformare la sua casa in un monastero che da lei prende il suo nome. La leggenda narra che il fantasma di Baldaccio d’Anghiari si aggiri nei pressi di Palazzo Vecchio a Firenze in attesa di prendersi la sua vendetta.

 CITAZIONI

” Uomo in guerra eccellentissimo, perché in quelli tempi non era alcuno in Italia, che di virtù di corpo e d’animo lo superasse; ed aveva intra le fanterie, perché di quelle sempre era stato capo, tanta riputazione, ch’ogni uomo estimava che con quello in ogni impresa e ad ogni sua volontà converrebbero.” MACHIAVELLI

“Fra tutti valente a usare le fanterie…Giovane tuttora di grande animo e feroce in guerra, non si era per anche inalzato al pari dei sommi e più fortunati condottieri per esserl’arma delle fanterie tenuta di grado inferiore; ma per la grande esrimazione goduta tra quelle si credeva che se la fortuna a lui arridesse, potrebbe egli formare di tale arme un esercito da contrapporre forse ai maggiori di quella età.” CAPPONI

“Era detto Balcuccio grande e grasso, e gran ladro, e aveva poca leanza.” DELLA TUCCIA

“Egli stimava l’omicidio ardimento e fortezza: il mancamento della fortezza diceva essere il temere delle cose paurose e sospette: la fede eleggeva essere suggetta alla servitù: e così la bestialità reputava virtuoso ardimento.” CAVALCANTI

“Havea una grande conducta de fanti, piùche contestabili che se trovasse.” CORPUS CHRONIC. BONOMIENSUM

“Baldaccio è rimasto nella storia soprattutto perché legato alla politica di Cosimo il Vecchio, e perché posto accanto alla maggiore schiera dei condottieri finiti tragicamente per i sopsetti dei governi che se n’erano serviti. Non si può negare tuttavia che in un’epoca in cui la fanteria era in Italia, e si può dire in Europa, tanto scaduta, egli ci appare soprattutto come un temuto condottiero di fanti…In realtà il suo nome non appare legato a nessuna delle imprese di grido del tempo, né ad alcuna innovazione tattica. E in un periodo in cui gli stati tendevano legare a sé e fissare al suolo, attraverso infeudazioni, condottieri e compagnie di ventura, in una risorgente forma di feudalismo guerriero, le milizie di Baldaccio, formate soprattutto da ribaldi d’ogni specie, rappresentavano una forma sempre più anacronistica.” PIERI

“On citait de lui des traits de bravure, et l’on ne parlait que tout bas de certaines aventures fort peu à son honneur.” PERRENS

“Omo del comuno de Fiorença condutiero di fanti da piè..Hommo da fare de l’altrue suo e sostenudo dai fiorentine como suo furone (ladro).. Uxado contestabele da pè.” G. DI PEDRINO

“Uomo di guerra eccellentissimo, e che in quei tempi non aveva in Italia chi lo superasse in virtù di corpo e d’animo; aveva tra le fanterie, delle quali fu sempre condottiero, tanta riputazione, che ogni uomo stimava con lui ogni impresa facile, perché le soldatesche aderivano ciecamente alla sua volontà.” ADEMOLLO

“A distinguished condottiere leader.” BROWNING

“(La sua uccisione) commosse tutta Firenze e lo stesso papa Eugenio IV provò dolore e sdegno per quell’efferato delitto, malamente ricoperto dall’accusa di tradimento..Da allora il fantasma di Baldaccio d’Anghiari si aggira nei meandri di Palazzo Vecchio aspettando il momento della sua vendetta. La presenza costante della sua immaginaria figura ci fa ricordare le ingiustizie del passato e l’ammonimento e l’efferatezza della giustizia di allora. Il 6 settembre si fa vedere anche nel Castello dei Sorci di Anghiari località natale del Baldaccio.” FIRENZEMIA.WEBNOTE.IT/CURIOSITA/BALDAC

 

 

     BIOGRAFIE SPECIFICHE

C. Brizzi. Baldaccio d’Anghiari. Uomo d’arme eccellentissimo.

L. Passerini. Baldaccio d’Anghiari.

Fonte immagine: wikipedia

Print Friendly, PDF & Email
Previous articleBARTOLO ATTENDOLO
Next articleBARTOLOMEO ARCELLI
Roberto Damiani
Roberto Damiani è l'autore del sito Condottieri di ventura.
Print Friendly, PDF & Email