BALASSO NALDI Di Brisighella

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Cerca nel sito:

Condottieri di ventura

1212      BALASSO NALDI  Di Brisighella.

+ 1535 ca.

Anno, mese Stato. Comp. ventura Avversario Condotta Area attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1511  

 

 

 

 

 

 

 

 

Lug. Venezia Francia Impero  

 

Veneto

Opera nel veronese con Babino Naldi;  dà il guasto ai raccolti del territorio di Legnago. Fronteggiato dalla fanteria nemica si dà alla fuga, perde numerosi uomini dei quali molti  muoiono annegati nell’Adige.

Dic.  

 

 

 

108 fanti Veneto

Si porta a Feltre con 108 provvigionati;  vi contrasta gli imperiali. Uccide un favorito del governatore generale Giampaolo Baglioni, chiamato il Gonzaga: per tale fatto è costretto a fuggire. I veneziani pongono sulla sua testa una taglia di 1000 ducati per chi lo consegni vivo e di 300 ducati per l’eventuale uccisore di Balasso Naldi.

1516  

 

 

 

 

 

 

 

 

Mar. Venezia Spagna  

 

Romagna

Ritornato agli stipendi della Serenissima raccoglie in Val di Lamone 500 fanti che conduce a Chioggia.

Dic.  

 

 

 

150 fanti Veneto

Prende parte all’assedio di Verona.

1517  

 

 

 

 

 

 

 

 

Gen. Chiesa Comp. ventura  

 

Romagna

Combatte Francesco Maria della Rovere nel suo tentativo di recuperare il ducato di Urbino. Segue Vincenzo Naldi a Forlì allorché tale capitano vi si incontra con Lorenzo dei Medici: durante la sua permanenza sorgono forti contrasti tra i soldati della Val di Lamone e gli abitanti della località in conseguenza dell’ alloggiamento dei soldati nelle case cittadine che provoca continue frizioni. Il Naldi si oppone al trasferimento della compagnia a Cesena. Si frappone Girolamo Morattini;  sorge un nuovo alterco: i partigiani di quest’ultimo riducono gli uomini del  Naldi in cattive condizioni tanto che sono   salvati dalla morte solo per la presenza dello stesso Morattini. Nella rissa sono uccisi 30 fanti di Brisighella.

1520  

 

 

 

 

 

 

 

 

Giu.  

 

 

 

 

 

Romagna

2000 svizzeri sono alloggiati a Faenza. Nasce una rissa tra alcuni soldati ed un oste. Gli abitanti colgono l’occasione per ribellarsi alle angherie degli svizzeri. Il Naldi  si trova coinvolto nella lotta e corre il rischio di essere ucciso; gli è salvata la vita da Giovanni Battista da Faenza (Battistone Zuccoli) suo nemico di fazione. Gli svizzeri lasciano la città con alcune perdite. Poiché il fatto avviene nel giorno di San Giovanni Battista a Faenza si decide di ricordare l’avvenimento  con una solenne processione diretta verso l’omonima chiesa.

1529  

 

 

 

 

 

 

 

 

Lug. Chiesa  

 

 

 

Romagna

Il Consiglio dei Savi veneziano gli concede una condotta di 400 fanti per fronteggiare gli imperiali. Preferisce passare agli stipendi dello stato della Chiesa. Raduna truppe ad Imola e minaccia gli stessi veneziani a causa della loro occupazione di Ravenna e di Cervia.

Sett. Chiesa Firenze  

 

Toscana

Viene inviato in Toscana con Giovanni da Sassatello e Melchiorre Ramazzotto per affrontarvi i fiorentini. Giunge a Ronta con Cesare da Cavina alla testa di 2000 fanti;  è il primo a dare alle fiamme  le case nel Mugello; saccheggia Ronta, Pulicciano, Borgo San Lorenzo, Gattaia e Vicchio;  viene disturbato solamente da 300 fanti di Albizzo da Fortuna di stanza a Vicchio.

…………..  

 

 

 

 

 

Toscana

Respinge un assalto portato dai fiorentini di Pasquino Corso a Borgo San Lorenzo. Gli avversari sono intenti a rompere un tratto di mura cittadine per entrare nella località: il Naldi  esce dal castello ed infligge agli attaccanti  la perdita di quindici/sedici uomini e molti più  feriti.

1530  

 

 

 

 

 

 

 

 

…………..  

 

 

 

 

 

Toscana

Continua con Cesare da Cavina la sua azione devastatrice nel Mugello su sollecitazione del governatore pontificio della Romagna Lionello Pio.

Mar.  

 

 

 

 

 

Toscana

E’ sconfitto e messo in fuga dal commissario fiorentino Lorenzo Carnesecchi mentre si sta accingendo ad assediare la rocca di Castiglione.

1535  

 

 

 

 

 

 

 

Muore.

 CITAZIONI

“Della celebre famiglia di condottieri di Faenza.” A. VALORI

 

Print Friendly, PDF & Email
Previous articleBABINO NALDI
Next articleBERNARDINO DA NONA Di Zara
Roberto Damiani
Roberto Damiani è l'autore del sito Condottieri di ventura.
Print Friendly, PDF & Email